1. Benvenuti su immobilio.it!

    Stai navigando nella nostra community come Ospite. Unisciti a migliaia di persone che si sono già iscritte!

    Avere un account su immobilio.it è gratuito a vita e ti permetterà di aggiornarti, informarti e trovare soluzioni, in modo piacevole e semplice.

    immobilio è il primo forum italiano per privati, imprese e professionisti del settore immobiliare.

    Crea il tuo Account oggi, è Gratis per Sempre!

l'immagine è stata rimossa.
L'indirizzo internet è stato criptato.
L'indirizzo e-mail è stato criptato.
Il media è stato rimosso.
  1. perrixx

    perrixx Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Ciao a tutti. Volevo sapere se è vero che le licenze (nello specifico bar caffetteria) non si vendono più nel senso che se un commerciante vende il bar, chi lo acquista deve richiedere personalmente l'autorizzazione o quant'altro al comune di pertinenza. Tempo fa ho venduto un'edicola con, tra le altre cose, concessione sisal, il tutto è passato al nuovo proprietario esperite le dovute formalità da parte della sisal e le tutte le autorizzazioni del caso. Mi fate sapere se è così oppure l'acquirente può esercitare con la vecchia licenza? grazie a tutti e buon lavoro.:cool:

  2. leonard

    leonard
    Membro Senior

    Altro Professionista
    le licenze non è mai stato possibile venderle, si vendono le aziende le quali hanno eventualmente delle licenze per l' esercizio della attività.
    .........E' facoltà del nuovo gestore se non contingentata utilizzare una nuova licenza ma nel caso di bar e ristorante è poco consigliabile richiedere una nuova licenza dato che le norme che ti permettono il rilascio sono molto più stringenti .
    ...:-p
    A perrixx piace questo elemento.
  3. antonello

    antonello Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    La Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n.3635/C emessa il 6 maggio 2010 ha sancito che a decorrere dall’8 maggio 2010 nessun Comune potrà fissare parametri in base ai quali determinare quanti bar e ristoranti possono essere aperti sul territorio. Gli unici limiti ammissibili riguarderanno la struttura, destinazione d’uso e metri quadrati ed ovviamente, il possesso dei requisiti soggettivi per l’esercizio di attività di somministrazione di alimenti e bevande. L’avvio effettivo delle nuove attività di somministrazione potrà essere effettuato liberamente decorsi trenta giorni dalla presentazione di una Dichiarazione di Inizio di Attività.
    Pertanto dall'8 maggio c.a. le licenze sono libere.
    E' finito il contingentamento in tutta l'Italia.
    Sono ancora contingentate: le privative (tabaccherie), le farmacie, distributori di carburanti e le edicole.
    Le rivendite di tabacchi sono le attività a forte rischio in quanto in Italia vige il monopolio che è bandito dall'Unione europea e fra un pò i lavorati del tabacco (sigari, sigarette, ecc.) li potranno vendere anche i negozianti difrutta e verdura, come succede in tutta europa.
    Quindi anche queste attività avranno un valore molto prossimo allo zero.
    A perrixx piace questo elemento.
  4. perrixx

    perrixx Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Grazie per le vostre risposte. Quindi di un'attività, escluse quelle contingentate, all fine si vendono attrezzature e avviamento, merce a parte. Ero rimasta un pò indietro pensando che il settore "food" in generale non fosse stato ancora liberalizzato.
  5. antonello

    antonello Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Come ha già detto Leonard, le licenze non si sono mai vendute.
    Il prezzo di cessione di una azienda è da sempre costituito dall'avviamento e dalle attrezzature, la merce non influisce.
    Comunque si vendono anche quelle contingentate.
    Per esempio le farmacie costano un pochino ma si vendono, poche ma si vendono.
    A perrixx piace questo elemento.
  6. leonard

    leonard
    Membro Senior

    Altro Professionista


    .come ho scritto già altre volte da noi le licenze dei bar sono ancora contingentate, il nostro comune stà apportando delle modifiche alla normativa per rendere di fatto nuovamente contingentate (prima di liberalizzarle) le licenze, in che modo....semplice in base ai requisiti della bolkeinstein, rumori, sicurezza, qualità della vita dei residenti ecc.....permettendo cosi l'apertura dove effettivamente le zone nelle città hanno i requisiti necessari per esser aperte , presumiamo che il modello adottato verrà seguito da molte altre città sopratutto per garantire una qualità della vita decente sia per il residente che per il fruitore dei servizi.................:ok:....per quanto riguarda le altre licenze dipende molto dalla zona e da cosa vuole fare l'acquirente. E' vero che le attività hanno subito un brutto deprezzamento ma le posizioni dei negozi dove c'è un forte passaggio sono ancra molto richieste e ben pagate in ogni parte d'italia..........Ergo non paghi più l'azienda ma la sua posizione...............;-)

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina