1. Benvenuti su immobilio.it !

    Stai navigando nella nostra community come Ospite. Unisciti a migliaia di persone che si sono già iscritte!

    Avere un account su immobilio.it è gratuito a vita e ti permetterà di aggiornarti, informarti, condividere problemi, esperienze e soluzioni, in modo piacevole e semplice.

    immobilio è il primo forum italiano per privati, imprese e professionisti del settore immobiliare.

    Crea il tuo Account oggi, è Gratis per Sempre!

l'immagine è stata rimossa.
L'indirizzo internet è stato criptato.
L'indirizzo e-mail è stato criptato.
Il media è stato rimosso.
  1. °Joker°

    °Joker° Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Salve, avrei un dubbio, da quanto ho capito la legge di stabilità dice che non si pagherà IRPEF sugli immobili sfitti in quanto l'IMU la sostituisce, ma non ho capito se l'immobile va dichiarato comunque nel modello unico. Grazie

  2. adimecasa

    adimecasa Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    si
    A panetto piace questo elemento.
  3. panetto

    panetto Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Ciao e buon anno. Non so se ho compreso la tua domanda.
    Per come l'ho interpretata posso dirti che, o scorso anno anche se l'immobile scontava IMU e quindi non era imponibile ai fini IRPEF comunque l'immobile andava indicato in dichiarazione.
    Non so dove tu abbia letto ma, sembra, che nella Legge di stabilità
    le case sfitte, che quindi erano state esentate dall'IRPEF perché pagavano l'IMU, tornano a pagare l'imposta sui redditi, al 50%.
    L'imposta 'salva' però le seconde casa di vacanza o quelle possedute nei paesi d'origine.
    L'imposta si pagherà solo sugli appartamenti sfitti nei comuni nei quali il proprietario ha la residenza.:)
  4. °Joker°

    °Joker° Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    grazie delle risposte, non ho specificato che l'immobile a cui mi riferisco è un laboratorio artigianale categoria c3 sfitto, con rendita catastale di 930,00 E da dividere in due perchè possiedo la metà dell'immobile , ed è ubicato nel mio comune di residenza ma non ho abitazione principale in quanto sono in affitto, mi sapete dire se pagherò IRPEF? grazie e buon anno
  5. Toschi

    Toschi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    anche'io sono interessata a questo quesrito. Se il proprietario è residente all'estero e ha una casa sfitta in italia, paga l'IMU come seconda casa , ma pagherà anche l'IRPEF quest'amno? Grazie
  6. Bastimento

    Bastimento
    Membro Senior

    Privato Cittadino
    Credo che per una risposta definitiva occorra attendere che i sig. Del governo e del parlamento trovino una quadra definitiva. Per ora se ne sentono di ogni specie
    A panetto piace questo elemento.
  7. panetto

    panetto Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Scusami, ma lo scenario è un po' diverso. Si rientra negli altri fabbricati. Oltre all' I.M.U. si prevede la I.U.C.
    Comunque anche lo scorso anno per immobili diversi abitazione principale era assorbita dall'IMU
    --- Messaggio unito: 6 Gennaio 2014. Data messaggio originale: 6 Gennaio 2014 ---
  8. panetto

    panetto Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Concordo con Bastimento
    A Bastimento piace questo elemento.
  9. Key

    Key Membro Junior

    Altro Professionista
    Sui locali si paga l IMU e basta.
    Non fa reddito IRPEF un locale sfitto.
    Poi se i comuni cambiano qualcosa rivolgiti direttamente all ufficio IMU del comune di pertinenza.
    Ti devono dire tutto.
  10. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino

    Dopo appena un anno di mancata applicazione, torna l’IRPEF sulle case sfitte (Legge di Stabilità 2014, art. 1, co. 717 che va a modificare l’art. 9, co. 9 del D.Lgs n°23/2011): “Fermo restando quanto previsto dai periodi precedenti, il reddito degli immobili ad uso abitativo non locati situati nello stesso comune nel quale si trova l'immobile adibito ad abitazione principale, assoggettati all'imposta municipale propria, concorre alla formazione della base imponibile dell'imposta sul reddito delle persone fisiche e delle relative addizionali nella misura del cinquanta per cento”.

    Ciò significa che per l’anno d’imposta 2013 viene tassato al 50% il reddito degli immobili abitativi non locati situati nello stesso Comune in cui si trova l’abitazione principale del proprietario.

    Pertanto (se non è compilata la casella “Casi particolari IMU”), il rigo RB1 del modello UNICO/2014 andrà compilato nel seguente modo:

    - In colonna 1 andrà indicata la rendita catastale non rivalutata;

    - In colonna 2 (Utilizzo) andrà indicato il codice 22 = immobile, ad uso abitativo, tenuto a disposizione e situato nello stesso Comune nel quale si trova l’immobile adibito ad abitazione principale

    - la metà della rendita catastale, rivalutata del 5%, aumentata di un terzo (“reddito”) e rapportata ai giorni ed alla percentuale di possesso andrà indicata in colonna 17 (Immobili non locati) ed l’altra metà andrà riportata in colonna 13 (Tassazione ordinaria): si veda, a tal proposito, la bozza internet Istruzioni modello UNICO PF 2014, pag. 33;

    Se, invece, nella casella “Casi particolari IMU” è indicato il codice 1 (fabbricato diverso dall’abitazione principale e relative pertinenze, esente da IMU, ma assoggettato alle imposte sui redditi (IRPEF e relative addizionali anche se non concesso in locazione), il reddito va riportato interamente nella colonna 13 (Tassazione ordinaria).

    Si presti, però, attenzione a questo particolare: se l’immobile ad uso abitativo in questione, anche se è situato nello stesso Comune in cui si trova l’abitazione principale del possessore, è privo dell’allacciamento alle reti dell’energia elettrica, acqua e gas (e di fatto non utilizzato) non è considerato unità immobiliare tenuta a disposizione (in questo caso non si applica la maggiorazione di un terzo): in tal caso, occorrerà indicare il codice 9 (in presenza di questo codice non sono dovute IRPEF e addizionali, sostituite dall’IMU), il numero dei giorni in cui è rimasto inutilizzato e la rendita catastale applicata alla frazione di anno, barrando la casella CONTINUAZIONE: tale importo dovrà comparire in colonna 17 (Immobili non locati) e al rigo RN50 (Altri dati), colonna 2, dove andranno indicati i redditi non imponibili degli immobili non locati assoggettati comunque ad IMU.
    A panetto, Bastimento e Ponz piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina