1. Benvenuti su immobilio.it!

    Stai navigando nella nostra community come Ospite. Unisciti a migliaia di persone che si sono già iscritte!

    Avere un account su immobilio.it è gratuito a vita e ti permetterà di aggiornarti, informarti e trovare soluzioni, in modo piacevole e semplice.

    immobilio è il primo forum italiano per privati, imprese e professionisti del settore immobiliare.

    Crea il tuo Account oggi, è Gratis per Sempre!

l'immagine è stata rimossa.
L'indirizzo internet è stato criptato.
L'indirizzo e-mail è stato criptato.
Il media è stato rimosso.
  1. elydelse

    elydelse Ospite

    Salve,
    ho un problema. Ho firmato una proposta d'acquisto per un appartamento un paio di settimane fa. Il perito della banca che ha fatto i rilievi prima della concessione del mutuo, si è reso conto che una stanza dell'appartamento è meno di 9 mq (quindi non definibile camera). Per questo motivo noi vorremmo che il venditore riducesse il prezzo di vendita o riavere indietro il doppio della caparra, dato che l'appartamento è difforme dalle mappe catastali e non essendoci più una delle due camere adesso è definibile un bilocale invece di un tre vani.
    Abbiamo diritto a pretendere una delle due alternative?
    Fra l'altro il geometra del venditore ci aveva già consegnato la nota tecnica dove assumeva che l'immobile era conforme catastalmente!!
    Grazie per l'aiuto!!!

  2. roberto.spalti

    roberto.spalti
    Membro Senior

    Agente Immobiliare
    C'è da capire se l'appartamento è nato così oppure è stato modificato dal venditore dopo l'acquisto (propoendo per la prima).
    Probabilmente è stato utilizzato come camera un ripostiglio con finestra o uno studio.
    Mi sembra strano che un tecnico abbia dichiarato la conformità di un immobile che non lo è (però sbagliare è umano), nella descrizione del tecnico c'è scritto due camere o una camera e uno studio?
    A Marco Giovannelli piace questo elemento.
  3. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    sposterei l'attenzione su di un altro aspetto... mi sento di poter affermare che l'immobile è catastalmente conforme anche se ha una camera inferiore a 9 mq tanto è vero che le superfici in sede di redazione del docfa sono approssimate al metro quadro;

    non mi ricordo esattamente, ma è definito vano una stanza che vada dai 5 mq. ai 15 / 20 mq

    semmai ci sarà una difformità edilizia in quanto la camera non rispetta il requisito igienico sanitario dei 9 mq per una camera da letto singola

    comunque ci andrei + cauto nelle richieste (sulla riduzione di prezzo è giusto che ci proviate, ma quella sul doppio della caparra non la tirerei fuori) perchè se la difformità è nell'ordine di 0.5 - 1.00 mq in sede di una futura causa (perchè immagino che il venditore si rifiuterà di restituire il doppio della caparra) il giudice difficilmente opterà per una sentenza di condanna del venditore in quanto per una tale irrisoria difformità non viene ravvisata la cattiva fede

    in conclusione non direi che le piantine catastali sono difformi in quanto la "camera" inferiore ai 9 mq è pur sempre un vano
    A Marco Giovannelli piace questo elemento.
  4. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    In genere, negli immobili nuovi un vano inferiore ai 9 mq viene chiamato studio, ripostiglio, guardaroba o pluriuso, ma è pur sempre spazio utile !
    Inoltre, immagino che la casa l'abbiate vista, per cui che i metri fossero pochi ve ne sarete accorti...

    Quello che non capisco è la descrizione della casa: catastalmente com'è ?
    Se l'immobile è stato dichiarato conforme, vuol dire che la planimetria è conforme allo stato di fatto... e quindi ? come fa ad esserci un camera o sottocamera di meno di 9 mq , se tu dici che è un bilocale ?

    Silvana
  5. elydelse

    elydelse Ospite

    Capisco ma anche se è definibile un vano non è una camera, e commercialmente le due stanze non hanno lo stesso valore.
    Il tecnico ha fatto la nota tecnica asserendo la conformità della casa, quando catastalmente per prima cosa i metri quadri sono sbagliati (invece di 2,40*3,85 è 2,30*3,85) e secondariamente in catasto la stanza è segnata come CAMERA dato che è superiore ai 9mq, quando in realtà essendo meno di 9mq ha una destinazione d'uso diversa.
    Io non vorrei arrivare alla risoluzione del contratto, ma non voglio comprare un immobile difforme catastalmente e diverso da quello che pensavo di aver comprato.
  6. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    ma quelle misure le hai misurate sulla piantina con il righello o le hai lette?

    perchè convenzionalmente i tramezzi interni si disegnano con uno spessore di 10 cm, ma generalmente sono minimo 12 cm.

    francamente a queste condizioni la conformità catastale l'avrei firmata anche io!

    in bocca al lupo
    A Marco Giovannelli piace questo elemento.
  7. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sai, impuntarsi sui mq non è mai una buona mossa.

    Ha ragione Federico nel chiederti come hai verificato la differenza: se parliamo di una piantina, basta aver fatto una serie di fotocopie e le misure si sfalsano....

    Intanto, verificherei queste misure, perchè si parla di 10 cm di differenza rispetto a che cosa? e dalle mie parti si accetta una differenza del 5% come normale.

    E non mi hai risposto sul bilocale ...

    Silvana

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina