1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. aass

    aass Membro Ordinario

    Amministratore di Condominio
    Sto' per acquistare un appartamento del 1966 con certificato di abitabilità dello stesso anno.
    Al momento del preliminare abbiamo riscontrato difformità rispetto al progetto del fabbricato (cubatura e muri interni divisori).
    Ora il tutto è stato sanato con pratica comunale (accertamento di conformita').
    A pochi giorni dal rogito la banca mi chiede il nuovo certificato di abitabilità!!??
    Ma chiedo: è necessario?
    Come si fa ad ottenere un certificato di abitabilità con le norme attuali mentre il fabbricato è del 1966?
    Grazie.
    Andrea
     
  2. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Come avviene il rilascioil proprietario, titolare del permesso di costruire o il soggetto che ha presentato la D.I.A., nonché i loro successori o aventi causa (come recita l'art. 24 comma 3 del T.U.) deve farne richiesta al sindaco (tramite lo sportello unico) entro 15 giorni dall'ultimazione dei lavori.
    Devono essere presentati:
    -la richiesta di rilascio del certificato di agibilità
    -la richiesta di accatastamento dell'edificio
    -il certificato di collaudo e tutte le altre attestazioni della conformità dell'opera e degli impianti al progetto approvato e alle norme di legge

    Lo sportello unico comunica all'avente causa il nominativo del responsabile del procedimento, il quale potrebbe anche disporre un'ispezione. Il comune entro 30 giorni deve rilasciare il certificato di agibilità; trascorsi 45 giorni l'agibilità risulta attestata. Resta fermo che nei successivi 180 il comune possa disporre un sopralluogo per l'accertamento di quanto dichiarato nella domanda di rilascio.

    É possibile vendere un immobile senza agibilità?
    Si è possibile.
    Caso 1) si venda l'immobile con agibilità non ancora accettata ma avendo presentato la domanda.
    Sarà sufficiente citare in atto gli estremi del procedimento
    Caso 2) si venda l'immobile senza aver presentato la domanda per l'agibilità.
    A)Il venditore si obbliga a richiedere tale certificato. Tale obbligo se disatteso darà diritto al compratore ad essere indennizzato.
    B)le parti concordano di trasferire tale obbligo al compratore (art 4 comma 3 del T.U.)
    Ho trovato questo che penso si adatti al tuo problema
     
    A Silano piace questo elemento.
  3. aass

    aass Membro Ordinario

    Amministratore di Condominio
    Ti ringrazio ma la mia situazione a pochi giorni dal rogito è:
    -certificato abitabilità esistente del 1966
    -sanatoria effettuata nel 2013 con sanzioni pagate al comune dal venditore
    E' necessario avere nuovo certificato e/o richiederlo per essere in regola al 100% anche in caso di vendite future?


    Grazie.
     
  4. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    l'appartamento in sè non ha un certificato di abitabilità, ma lo ha l'intero fabbricato.
    Quindi, se tutto il fabbricato ha subito variazioni, mi sembra dovuto un nuovo certificato di agibilità
    Se le variazioni sono nella singola unità abitativa, non credo sia richiesta nuova agibilità Aggiungo ci sono diversità fra Comuni. Ed in genere la sanatoria comprende l'aggiornamento della agibilità.
    In questo caso mi sembra che sia la conclusione 2013 di una pratica di vecchio condono.
     
  5. enzo6

    enzo6 Ospite

    Evidentemente la banca non ti vuole dare il mutuo poichè sa perfettamente che per avere l'agibilità dello stabile necessitano mesi e non giorni.
     
  6. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    penso che considerato che il tutto era stato preparato da un recnico perchè non dirlo prima, poi non penso che occorra di nuovo l'agibilià per pe vale quiella di prima di tutto lo stabile, e quello fatto è da intendere sanatoria 2013[DOUBLEPOST=1367760175,1367759952][/DOUBLEPOST]
    adesso Antonio è on line,
     
  7. aass

    aass Membro Ordinario

    Amministratore di Condominio
    Quello che il comune ha rilasciato è :
    Permesso di costruire - accertamento di conformità art. 36 Dpr 380-01 - con pagamento sanzioni di circa 4.000 euro per aumento volume rispetto al progetto oggetto di concessione degli anno '60.
    Il fatto è che non trovo chiaro in nessuna parte se necessita di agibilità attuale o è valida ed unica l'abitabilità in mio possesso del 1966 con allegato il permesso di costruire citato.
    Grazie.
     
  8. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    non riesco a darti riferimenti normativi
     
  9. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    E' chiaro che l'agibilità deve essere aggiornata anche perché deve essere allegata la certificazione degli impianti oltre che la variazione catastale. C'è da dire che per la vendita il Certificato non sarebbe obbligatorio, basterebbe anche la sola richiesta al Comune, il problema non è il notaio, ma la banca. Sono i soliti farabutti, già in fase di richiesta della documentazione sanno benissimo che te la chiederanno, aspettano sempre l'ultimo momento per fartelo sapere così si prendono altri giorni, sperando anche di far saltare il tutto al primo problema.
    Purtroppo ne ho avuto esperienza diretta.
     
  10. enzo6

    enzo6 Ospite

    Sono daccordo tranne con la frase a seguire che mi sembra incomprensibile: "E' chiaro che l'agibilità deve essere aggiornata anche perché deve essere allegata la certificazione degli impianti".
     
    A dormiente piace questo elemento.
  11. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Se il condono (o accertamento di conformità) risale, come presumibile, a dopo il 1990, allora si richiede la conformità degli impianti alla nuova legge 46/90 (ora D.M. 37/98), quindi, anche se non si sono fatti dei lavori di modifica agli impianti elettrici si richiede comunque la certificazione ci conformità degli stessi. Occorrerà pertanto chiamare un elettricista che verificherà soprattutto le sezioni dei cavi e la presenza del salvavita nel quadro elettrico. Quando tutto va bene poi certifica.
    Se invece il tutto è avvenuto prima del 90, ma mi sembra di capire di no, allora sarà sufficiente dichiararlo al Comune nelle autocertificazioni di rito.
     
  12. enzo6

    enzo6 Ospite

    Ma stiamo parlando di un immobile costruito nel 1966.
     
  13. aass

    aass Membro Ordinario

    Amministratore di Condominio
    Catastalmente è stato tutto aggiornato come è ora nella realtà.
    Per la certificazione degli impianti gas, elettrici potrebbe non essere un problema ma in caso di richiesta nuova agibilità prevedono la presentazione anche della relazione strutturale , antisismica, del risparmio energetico immobile, cosa che non potrà mai essere in regola con le odierne normative.

    Sul discorso banca mi sa che hai ragione.
    Vedremo

    Se qualcuno ha altre opinioni con riferimenti normativi attendo risposta

    Grazie
     
  14. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Io ho un immobile costruito nello stesso periodo, ho fatto dei lavori di recente. Anche se li avessi fatti prima dell'entrata in vigore della Legge 46/90, richiedendo ora l'agibilità il Comune mi chiede comunque la certificazione.
    E' anche vero che a volte i Tecnici degli uffici Comunali si comportano in modo totalmente diverso gli uni dagli altri.
     
  15. enzo6

    enzo6 Ospite

    e se si tratta di una palazzina chiedono le certificazioni a tutti i proprietari?
     
  16. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Per me non è così l'agibilità è stata data a tuttolo stabile, all'inizio, ora dobrevve essere solo una ristrutturazione
     
  17. enzo6

    enzo6 Ospite

    Infatti non capisco il ragionamento di bruno, l'agibilità riguarda lo stabile, le certificazioni di cui lui parla sono reelative ai singoli subalterno.
     
  18. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    comunque la banca poteva dirlo subito, ed anche il tecnico
     
  19. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    :rabbia: no comment! sono tutti uguali.
     
  20. enzo6

    enzo6 Ospite

    ?????????????
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina