• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Cistefi61

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Salve
Sto cercando di vendere il mio appartamento acquistato circa 20 anni or sono.
L' intero stabile è stato costruito privo di licenza e condonato prima del mio acquisto, ma il venditore- costruttore nonostante l'impegno assunto in sede di rogito nell'atto di vendita non ha mai richiesto l'abitabilità.
Ora per vostra esperienza posso con la nuova normativa richiedere l'abitabilità parziale?
Posso costringere gli altri condomini a partecipare alle spese? Posso costringere il mio venditore o chi per lui a farsi carico di tutte le spese?
L'immobile si trova a Roma.
Grazie.
 

SALVES

Membro Senior
Professionista
Ora per vostra esperienza posso con la nuova normativa richiedere l'abitabilità parziale?
Si, dovrai reperire certificazioni di regolarita della struttura dell'edificio e degli impianti centralizzati nonche quelli tuoi esclusivi
Posso costringere gli altri condomini a partecipare alle spese?
richiedi un assemblea di condominio per lo scopo.
Posso costringere il mio venditore o chi per lui a farsi carico di tutte le spese?
Devi impugnare legalmente quanto trascritto in rogito, se il venditore non si ottempera.
 

Manovale

Membro Attivo
Privato Cittadino
Si, dovrai reperire certificazioni di regolarita della struttura dell'edificio e degli impianti centralizzati nonche quelli tuoi esclusivi
Secondo me questi documenti sono necessari perchè nell' elenco dei fogli da allegare alla domanda di agibilità/abitabilità c'è scitto che ci vogliono, all' atto pratico , dopo 20 o più anni, li puoi mettere in cornice.
 

Manovale

Membro Attivo
Privato Cittadino
Scusa puoi spiegarti meglio. Grazie
In 20 anni è cambiato molto sia per la normativa che per i materiali ( penso che nel 90 bastasse un differenziale, ora ne occorrono 5 o 6, ) i conduttori ora sono antifiamma, flessibili ecc, nell' idraulica si usavano i primi tubi di resina, i multistrato, ora sono cambiati.
Come sono stati installati gli impianti, come sono stati trattati, ci sono state modifiche? Negli anni 90 c' erano le caldaie col pilotino, ora sono a condensazione.
Per quello sostengo che una conformità degli anni 90 è un pezzo da museo.
 

fabiodl

Membro Attivo
Privato Cittadino
Anche io sono interessato all'argomento. Ho visto diverse discussioni dove soprattutto sul nuovo, in fase di compromesso il costruttore dichiara di prevedere il rilascio del certificato in tempo utile per il rogito, o in caso non fosse possibile la presentazione della pratica all'ufficio comunale competente e applicare il principio del silenzio assenso. In simili condizioni la legge è rispettata e notaio può rogitare... Ma se poi come in questo caso non si ottiene per qualche motivo certificato che cosa si fa? Come ci si deve comportare? Essendo silenzio assenso se non erro di 60 giorni, conviene interessare un tecnico di parte per fare richiesta di accesso agli atti e verificare che effettivamente ci sia stato il rilascio?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

This in not a love song This in not a love song This in not a love song This in not a love song
(Not a love song!)
buonasera se l'acquirente di un immobile stipula il compromesso con caparra e poi si accorge che l'immobile presenta delle difformità tra la planimetria e lo stato di fatto, può pretendere la restituzione della caparra, anche se l'immobile è sanato prima del rogito?
Grazie
Alto