1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Canelis

    Canelis Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti,
    volevo sentire il parere di qualcuno più esperto...
    Se io volessi comprare una casa e questa presenta una "tettoia" in legno ma non dichiarata, quindi in una condizione di abuso edilizio, nel caso di controlli da parte dell'ente deputato l'accusa grava nei confronti del proprietario attuale (ovvero io che ho appena comprato la casa ma che non l'ho costruita) oppure grava sul vecchio proprietario, che seppur non più proprietario ne è il costruttore??
    Grazie
    Ciaooooo
     
  2. Marina Langella

    Marina Langella Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Nel momento che tu compri diventi proprietario anche dei problemi :D scherzi a parte ne sei tu responsabile e quindi il procedimento sarebbe a carico tuo.
     
    A Marco Giovannelli, Canelis e doriana70 piace questo elemento.
  3. Canelis

    Canelis Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille....è una conferma di quello che presupponevo!!!!:applauso:
     
  4. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    quoto Marina Langella
     
  5. clokky1982

    clokky1982 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il committente è espressamente individuato dall’art. 29
    tra i soggetti responsabili degli abusi edilizi, népoteva
    essere altrimenti dato che in tanto un’opera (abusiva)
    viene realizzata in quanto c’è qualcuno interessato
    all’opera stessa.
    Lo stesso dicasi per il titolare del permesso il quale, di
    norma, coinciderà con il committente, ma ben può
    verificarsi che i due soggetti siano persone diverse.

    Il proprietario
    Si tratta di stabilire se, ed in quali termini, il soggetto proprietario
    dell’area, che non rivesta anche un’altra qualifica (es. titolare del
    permesso, committente ecc.), possa essere chiamato a
    rispondere, a titolo di concorso, nel reato edilizio commesso da
    altri.
    Si pone, allora, il problema di individuare la soglia di
    comportamenti oltre la quale scatta a suo carico una
    responsabilità penale; deve trattarsi di elementi che evidenzino
    un consapevole contributo all’integrazione dell’illecito.
    Al
    riguardo, nella ricerca di elementi fattuali atti a dimostrare il suo
    contributo, la giurisprudenza è ricorsa a diversi indici, quali
    l’accertamento che il soggetto abiti nello stesso territorio
    comunale ove èstata eretta la costruzione abusiva, che sia stato
    individuato sul luogo, che sia il destinatario finale dell’opera, che
    non vi siano state manifestazioni di dissenso, che egli abbia fruito
    dell’opera secondo le norme civilistiche dell’accessione.

    Art. 29

    1. Il titolare del permesso di costruire, il committente e il costruttore sono responsabili, ai fini e per gli effetti delle norme contenute nel presente capo, della conformita' delle opere alla normativa urbanistica, alle previsioni di piano nonche', unitamente al direttore dei lavori, a quelle del permesso e alle modalita' esecutive stabilite dal medesimo. Essi sono, altresi', tenuti al pagamento delle sanzioni pecuniarie e solidalmente alle spese per l'esecuzione in danno, in caso di demolizione delle opere abusivamente realizzate, salvo che dimostrino di non essere responsabili dell'abuso.

    2. Il direttore dei lavori non e' responsabile qualora abbia contestato agli altri soggetti la violazione delle prescrizioni del permesso di costruire, con esclusione delle varianti in corso d'opera, fornendo al dirigente o responsabile del competente ufficio comunale contemporanea e motivata comunicazione della violazione stessa. Nei casi di totale difformita' o di variazione essenziale rispetto al permesso di costruire, il direttore dei lavori deve inoltre rinunziare all'incarico contestualmente alla comunicazione resa al dirigente. In caso contrario il dirigente segnala al consiglio dell'ordine professionale di appartenenza la violazione in cui e' incorso il direttore dei lavori, che e' passibile di sospensione dall'albo professionale da tre mesi a due anni.

    3. Per le opere realizzate dietro presentazione di denuncia di inizio attivita', il progettista assume la qualita' di persona esercente un servizio di pubblica necessita' ai sensi degli articoli 359 e 481 del codice penale. In caso di dichiarazioni non veritiere nella relazione di cui all'articolo 23, comma 1, l'amministrazione ne da' comunicazione al competente ordine professionale per l'irrogazione delle sanzioni disciplinari.
     
    A bobob_48 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina