1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. chiccav600

    chiccav600 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,

    io e i miei fratelli siamo in procinto di rifiutare l'eredità di nostro padre e vorremmo evitare di commettere azioni che implicano la nostra tacita volontà di accettarla.

    La casa in cui abito io, posseduta per 1/3 ciascuno da me e dai miei fratelli, era l'ex casa coniugale dei miei genitori, ereditata da nostra madre, e mio padre viveva lì sfruttando il diritto d'abitazione.

    ICI, tasi, tarsu, canone rai erano in capo a lui. Ora che, a causa della sua morte, noi abbiamo riacquisito la piena proprietà dell'appartamento, le tasse che ha in arretrato, conviene lasciarle non pagate e andranno a finire tra le passività della sua eredità che noi non accetteremo? Ci sbarazziamo anche di quelle con la rinuncia? Se volessi pagarle con i miei soldi, compierei un atto di accettazione tacita?
     
  2. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Perché avete riacquistato la piena proprietà? Qualcuno aveva un diritto di usufrutto? Vostro padre non ha ereditato insieme a voi la quota di appartamento alla morte della mamma? Comunque chi é nel possesso dei beni ereditari deve fare inventario entro 3 mesi e dichiarare di accettare o rifiutare entro 40 giorni. Comunque l'inventario viene redatto dal notaio o da un incaricato del tribunale. Il pagamento dei tributi non comporta nulla. Devi andare da un Notaio o in Tribunale del luogo di apertura della successione. Non più sul forum. Il tempo vola
     
  3. chiccav600

    chiccav600 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Mio padre aveva il diritto di abitazione, (che è una forma di usufrutto limitata solo al diritto di abitare). Noi figli avevamo solo la nuda proprietà. Ora che è morto, il diritto d'abitazione se n'è andato con lui.

    No, l'appartamento l'abbiamo ereditato solo noi figli.

    Non siamo in possesso di suoi beni, la casa è nostra, a meno che utilizzare/non disdire telefono, luce e gas con contratti intestati a lui, significhi esserlo. Ma non penso che le utenze domestiche si ereditino. Giusto?

    Se non avesse pagato la TASI del 2013 e del 2014, queste rientrerebbero tra le passività del suo patrimonio?
     
  4. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    A parte questo immobile che non cade quindi in successione vi sono altri beni appartenenti al defunto?
     
  5. chiccav600

    chiccav600 Membro Junior

    Privato Cittadino
    No, non c'è altro. A parte il suo c/c che però nessuno ha toccato o si è interessato. Anzi, la banca non sa nemmeno ancora che sia defunto.
     
  6. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Le tasse sull'immobile sono a carico della proprietà, quindi a vostro carico.
    Come mai inizialmente hai detto che
    ?

    Era un vostro accordo?
     
  7. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Quindi voi rinunciate all'eredita' solo per quanto sul conto corrente. La casa non va in successione.
     
  8. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    E' da molto tempo che siete divenuti proprietari dell'immobile?
     
  9. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Sapevo che quei tributi sono a carico di chi vanta un diritto di usufrutto o abitazione. Questo ultimo ritieni sia non considerato?
     
    A MELISSA75 piace questo elemento.
  10. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Mi sembra di capire che il padre in quell'immobile aveva solo la residenza e non il diritto di abitazione o l'usufrutto.
     
  11. chiccav600

    chiccav600 Membro Junior

    Privato Cittadino

    Mio padre aveva il diritto di abitazione sulla casa
    (come tutti i coniugi superstiti che non ereditano la casa coniugale). E quindi le tasse le pagava lui. Come anche le spese di condominio.

    È passato poco più di un anno dalla chiusura della successione di mia madre che ha reso me e i miei fratelli proprietari.

    Esatto, la casa non va in successione.
     
  12. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Confermi che era una successione testamentatia? Perche altrimenti il papà sarebbe stato un erede, se non ha rinunciato.
     
    A Antonello piace questo elemento.
  13. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Per info, nel caso il coniuge rinunci all'eredità, può conservare il diritto di abitazione? I creditori potrebbero subentrare a quella rinuncia?
     
  14. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    I creditori possono chiedere la revoca della rinuncia.
     
    A Bastimento piace questo elemento.
  15. Beppegl

    Beppegl Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve fatto una proposta di acquisto di una casa tramite l'agenzia immobiliare con regolare assegno di 5.000 euro e accettatata da parte della venditrice, adesso la venditrice vorrebbe rinunciare come mi devo comportare.

    Grazie beppe
     
  16. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    La discussione non verteva esattamente sul tuo quesito, ma se ci informi a che titolo hai versato l'assegno di 5 mila euro (caparra o anticipo) potremo risponderti adeguatamente.
     
  17. chiccav600

    chiccav600 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Sì, e sì. Il diritto di abitazione sulla casa coniugale si ha anche in caso di rinuncia. Sia che i coniugi fossero in comunione o divisione dei beni. Se un debitore rinuncia, i creditori hanno 5 anni di tempo per opporsi e subentrare nell'eredità.

    Era testamentaria.

    Ringrazio tutti per le rispote.

    E ripeto la domanda: qualcuno sa dirmi se le tasse di pertinenza del defunto di anni precedenti non pagate rientrano nel patrimonio passivo del defunto e quindi svaniscono nel nulla come tutte le altre passività in caso di rifiuto da parte dell'intero asse ereditario?
     
  18. chiccav600

    chiccav600 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Se era un acconto, il tutto si annulla e la proprietaria ti restiuisce i soldi.

    Se era una caparra confirmatoria, dato che si è annullato per colpa sua, ti deve restituire il doppio.
     
  19. Beppegl

    Beppegl Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve Antonello ti confermo l'assegno da me versato di 5.000 euro al venditore, trattasi di caparra confirmatoria.

    Grazie beppe
     
  20. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Sono debiti del defunto. Quindi ricadono nel passivo. Ma perché é stata introdotta un'altra discussione qui che non c'entra nulla?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina