1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. frarinaldo

    frarinaldo Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    In data 1° marzo 2013 ho stipulato un contratto di locazione 3+2 optando contestualmente per la cedolare secca.
    Nel 2012 lo stesso locale era affittato ad un altro inquilino senza opzione per la cedolare secca. (reddito fondiario).
    Chiedo gentilmente di chiarirmi se sono tenuto a versare gli acconti cedolare secca già nel 2013 e precisamente entro giugno e novembre 2013.
    Grazie anticipatamente.
    Frarinaldo.
     
  2. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    ;)
     
    A Limpida piace questo elemento.
  3. karuba

    karuba Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    non devi imposta in acconto visto che lo si calcola su imposta sostitutiva dovuta l anno prec e l anno prec tu nn lo possedevi ancora. pagherai a saldo a giugno 2014 con aliquota 19% visto can concordato.
    controlla da tuo commercialista
     
  4. frarinaldo

    frarinaldo Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Vorrei precisare che l'anno precedente lo possedevo ed ho pagato l'imposta come reddito fondiario (altro locatore). Il mio commercialista mi è stato detto che devo calcolare l'acconto cedolare secca sul canone in vigore per il 2013 e versarlo a giugno e novembre assieme agli altri acconti. Siccome però, ho avuto dei dubbi e la risposta di Karuba me li confermano, resto in attesa di ulteriori pareri prima di andare a chiedere all' ADE ed eventualmente parteciparvi dell'esito..
    Grazie.
     
  5. karuba

    karuba Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    scusate ma come fate a calcolare l acconto di cedolare secca se l'anno precedente non è stata pagata imposta sostitutiva su cui si devono calcolare accon cedolare secca
     
  6. frarinaldo

    frarinaldo Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Si calcola sul canone in vigore nel 2013 e l'importo così ottenuto si aggiunge all'acconto eventualmente dovuto per l'anno precedente! Almeno, così mi è stato detto.
     
  7. karuba

    karuba Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
  8. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    L’opzione dal 2013 non obbliga all’acconto. Con riferimento all’anno 2013 (anno diverso dal 2011: si veda la precisazione conclusiva), a decorrere dal quale, per la prima volta, viene esercitata l’opzione per la cedolare, non sussiste alcun obbligo di provvedere al considerato adempimento, nel caso in cui i canoni dell’anno 2012 abbiano concorso alla formazione del reddito complessivo a fini IRPEF (in senso conforme, si veda la risposta n°3, a pag. 6 della circolare n°20/E del 4 giugno 2012, anche se riferito all’acconto 2012). Se per l’anno precedente non è stato versato alcun importo a titolo di cedolare secca, nessun acconto – su dato storico - è dovuto per l’anno successivo. Solo per il 2011, anno di avvio del nuovo regime, l’Agenzia delle Entrate (Provv. Ag. delle Entrate 7 aprile 2011, par. 6.1; circolare n°26/E del 1° giugno 2011, par. 8.1)) aveva previsto (in via transitoria) un meccanismo particolare di calcolo previsionale che era basato sui canoni effettivi del 2011.
     
  9. frarinaldo

    frarinaldo Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Grazie per tutto.
     
  10. frarinaldo

    frarinaldo Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Ritorno sull'argomento perché pare che l'AGE sia di parere differente.
    Vi allego la risposta al quesito da me inoltrato:

    Testo richiesta informazioni:
    Egregi Signori,..al fine di dissipare qualsiasi dubbi che mi e` sorto, mi pregio richiedervi un autorevole chiarimento per il seguente caso:....- ho in corso un contratto di locazione con scadenza dell'annualita` 1Â marzo,..- in data 4 marzo 2013 ho optato per il regime della cedolare secca ,..- per l'anno scorso il reddito e` stato assoggettato al regime normale del reddito fondiario.....A giugno 2013 dovro` versare l'acconto per l'anno 2013?....Ringrazio anticipatamente per un vostro cenno di risposta e porgo distinti saluti.....RAG.GRUE Rinaldo..Via Giusti,19..18040 SANREMO..tel. 0184 50 50 39..cell. 335 5 421 421


    Testo risposta:
    Gentile contribuente, la disciplina della cedolare secca prevede che lei debba versare i due acconti per l'anno 2013, così come per l'IRPEF, pari al 95% dell'importo. Nel caso in cui le prime tre mensilità di questo anno siano comunque computate nel regime di reddito fondiario, lei potrà, per questa annualità, andare a calcolare il regime della cedolare secca unicamente per i nove mesi assoggettati a tale regime. Per una esemplificazione di tale calcolo, o per ulteriori dubbi, la rimando alla Circolare 26 del 1/6/2011 dell'Agenzia delle Entrate, disponibile sul nostro sito. Cordiali saluti

    La presente risposta non è resa a titolo di interpello ordinario ai sensi dell'art.11 della legge n.212 del 2000, bensì a titolo di assistenza al contribuente ai sensi della Circolare Ministeriale n.99/E del 18/05/2000.

    Agenzia delle Entrate
    Contact Center
    IL DIRETTORE
    Giovanni Angelo Frogheri
     
  11. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Nel caso proposto, per mancanza dell’anno di riferimento (2012) – che consente la determinazione dell’acconto su base storica – non sei tenuto al versamento dell’acconto per la cedolare applicata da marzo 2013.

    L'Agenzia delle Entrate, in risposta ad un quesito analogo (n°3), analizza il caso di un contribuente che opta per il regime della cedolare secca in un anno diverso dal 2011, e che, quindi, si trova nella situazione di aver assoggettato ad IRPEF in un anno il reddito dell’immobile locato e voler esercitare l’opzione per la cedolare per le residue annualità di durata del contratto. A tal proposito, fa presente che si rende applicabile la regola generale prevista dal punto 7.2 del provvedimento attuativo (7 aprile 2011), ai sensi della quale l’acconto del 95% deve essere commisurato all’importo della cedolare secca dovuto per l’anno precedente.

    Conseguentemente, se per l’anno precedente [nel tuo caso il 2012] non è stato versato alcun importo a titolo di cedolare secca, nessun acconto è dovuto per l’anno successivo: “Pertanto, se nell’anno 2011, un contribuente ha assoggettato all’IRPEF il reddito dell’immobile locato e intende esercitare dal 2012 l’opzione per la cedolare secca per le residue annualità di durata del contratto, non è tenuto al versamento dell’acconto della cedolare secca per l’anno 2012”.

    Si tratta di un importante chiarimento fornito il 4 giugno 2012 (Circolare n°20/E) dalla stessa Agenzia delle Entrate che ha dissipato ogni dubbio circa la debenza dell’acconto, sulla base della considerazione che solo per il 2011 (regime transitorio: anno di prima applicazione della normativa), il contribuente era tenuto, in ogni caso, a versare l’acconto in via previsionale.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina