1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. simo_s86

    simo_s86 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,
    Vorrei chiedervi alcune informazioni e spero tanto che riuscirete ad aiutarmi.
    Mi trovo all'acquisto della mia prima casa. Questa casa è una casa ex popolare, già riscattata dal vecchi proprietario. Adesso la vorrebbe vendere, solamente che non sono ancora trascorsi i 10 anni. Lui può venderla solamente tra 18 mesi.
    Come possiamo trovare un accordo e a chi posso rivolgermi per avere maggiori informazioni?
    Grazie mille
    Simo
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sarebbe meglio farsi seguire da un agente immobiliare, per poter arrivare a degli accordi concreti per fare un compromesso registrato, come d'obbligo, ma magari anche trascritto (ci vuole il notaio) che ti tutela nei confronti del proprietario.
     
  3. lucamassai

    lucamassai Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    controlla bene anche se il comune ha ancora la prelazione nel caso di vendita, perchè di solito c'è questa postilla nel rogito.
     
  4. pozzifran

    pozzifran Membro Attivo

    Privato Cittadino
    ciao,

    non sono un'esperta, ma avendo riscattato un immobile di edilizia pubblica in Emilia Romagna mi potrei trovare nelle stesse condizioni del tuo venditore.
    I vincoli sulla possibilità di vendere un immobile di ediliza pubblica dipendono dalla norma che ne consentì l'acquisto da parte dell'occupante: anche senza essere un esperto del settore, se il venditore se la ricorda puoi trovarla in rete e verificare che tipo di vincoli furono applicati.
    Ti posso dire che qualche anno fa mi sono informata presso il Comune della mia città (ex proprietario) dove mi hanno così risposto: "il giorno dopo la scadenza dei 10 anni dall'acquisto posso mandare una raccomandata al Sindaco (vado a memoria) nella quale chiedo se il Comune intende avvalersi del diritto di prelazione. Se entro 30 giorni non ottengo risposta, posso disporre dell'immobile come meglio credo."
    Nel mio caso posso vendere anche prima della scadenza dei 10 anni, ma devo corrispondere al Comune la differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita, che non mi pare un grande affare....
    Franca
     
  5. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Controlla la convenzione.
     
  6. lucamassai

    lucamassai Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ti faccio esempio pratico per Parma, Acer(Azienda case emilia romagna) è l'ente che gestisce le case popolari, scaduti i 10 anni devi mandare raccomandata a loro dicendo di essere intenzionata a vendere e indicare anche la cifra es(100.000) se entro 30 giorni non rispondono sei libero di venderla a terze persone, chiaro è che se la dovessi vendere a 90.000 devo rimandare la raccomandata dicendo che il prezzo non è più 100 ma 90.:shock:0
     
  7. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Attenzione perchè non è una regola. Bisogna guardare le convenzioni o comunque quello che c'è scritto sul rogito d'acquisto. Ce ne sono anche di altri tipi... ;)
     
  8. lucamassai

    lucamassai Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    un conto è la casa popolare un altro è l'edilizia convenzionata. qui penso che sia ex popolare?giusto?
     
  9. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    si giusto. L'edilizia convenzionata a parma difficilmente prevede prelazioni (praticamente mai), x le ACER accade, ma non è la regola ;)
     
  10. pozzifran

    pozzifran Membro Attivo

    Privato Cittadino
    ciao, a Piacenza (i beni ACER passati al Comune) la raccomandata la devo mandare una sola volta e non necessariamente nel caso desideri vendere, ma solo per far emergere l'intenzione del Comune. Mi è stato detto che una volta che ha rinunciato al diritto di prelazione, non occorre chiedere ancora. Nel mio rogito non è scritto nulla in merito al comportamento da tenere dopo i 10 anni. In verità pare non ci sia scritto nulla da nessuna parte: ho cercato invano di risalire alle fonti normative o ai regolamenti ACER in materia (non mi fidavo della semplice parola del funzionario, il quale afferma che l'ACER/Comune non è mai stata interessata a questa forma di lucro).
     
  11. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    anche con prezzi diversi?
     
  12. pozzifran

    pozzifran Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Il funzionario con cui ho parlato non ne ha fatto una questione di prezzi ma di diritti.
    Secondo il suo ragionamento, una volta che l'ente ha rinunciato alla prelazione ci ha rinunciato e basta. Nell'unica norma in materia che ho trovato, la 513 del 77, si parla della prelazione solo in rapporto alle alienazioni prima dei 10 anni, non dopo.
    La legge in base alla quale ho riscattato l'immobile, la 560 del 93, non è tanto prodiga di indicazioni sulla prelazione. Ne deduco che la gestione della prelazione dipenda molto dagli orientamenti dell'ente locale. Pare infatti che la mancanza di rispetto delle indicazioni della 560/93 non dia luogo a sanzioni, dunque risulta difficile anche per l'ente mostrare i muscoli in caso di eventuale contestazione.
    Invece è assolutamente chiara sull'impossibilità di vendita prima dei 10 anni.
    Tuttavia, cercando sui siti dei consigli notarili (nazionali e regionali), ho trovato tutto ed il contrario di tutto. Pare che qualche regione abbia adottato soluzioni successive volte a derogare al termine dei 10 anni per gravi ragioni, tipo cambio di residenza imposto da ragioni di lavoro, divorzio, gravi motivi di salute, alloggio divenuto inadeguato per il nucleo famigliare, ecc..; in qualche altro caso si afferma che l'eventuale vendita prima del termine sia addirittura nulla. Personalmente, quindi, ho optato per affittare l'immobile ad un inquilino fino alla decorrenza dei 10 anni (cosa assolutamente ammessa in quanto non espressamente vietata); allo scadere del termine mi atterrò alle indicazioni del mio Comune\ACER in materia di prelazione.
    Se qualcuno conosce qualche legge che tratti l'argomento, sono ovviamente interessata: magari non ho impostato ricerche nel modo giusto e per questo non ho trovato nulla di preciso.
     
  13. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    secondo me ti ha detto una sciocchezza. Quando mandi la raccomandata tramite ufficiale giudiziario devi specificare la cifra alla quale vendi, non puoi far fare una rinuncia generica altrimenti come esisterebbe il diritto di riscatto?

    credo sia la cosa migliore

    non credo esistano leggi generiche inequivocabili. E' il regolamento del tuo comune che fa fede, anche se quello che trovi nel rogito dovrebbe essere la prassi da seguire...
     
  14. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Purtroppo, non esiste una norma nazionale specifica, in quanto sia i comuni che i vari Istituti di Edilizia Economico Popolare hanno le loro normative autonomo, partendo dalla piattaforma della legge.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina