1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. peppe06

    peppe06 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno e complimenti per il fantastico forum.
    Dovrei acquistare un appartamento per la cui compravendita abbiamo pattuito l'importo di euro 800.000.
    Il proprietario a suo tempo contrasse un mutuo di 500.000 della durata di 20 anni con rate mensili da 3.500 euro a tasso fisso.
    Di tale mutuo sono stati pagati i primi 5 anni e stavo valutando la possibilità di accollarmi il resto (15 anni).
    Pertanto rimarrebbero gli ultimi, si fa per dire, 15 anni con rate da 3.500 auro per un importo residuo di circa 425.000 euro.

    Gradirei avere conforto su quanto segue:

    importo immobile pattuito = 800.000
    accollo mutuo = 425.000
    parte rimanente da versare in contanti al venditore = 375.000 (800.000-425.000)

    Il calcoli sono corretti ?

    Grazie mille
     
  2. giacomino_raider

    giacomino_raider Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    la sottrazione è fatta benissimo, diverso è stabilire la convenienza nell'accollo o per meglio dire la convenienza che ha il suo venditore nel cederLe immobile con il mutuo. pochi sono gli elementi per poter valutare !
     
  3. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Un accollo deve ovviamente essere vantaggioso per l'acquirente, in termini di condizioni, quindi tasso di riferimento e spread.

    E' sicuramente un risparmio quanto alle spese notarili del mutuo.
     
  4. peppe06

    peppe06 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Dalle simulazioni fatte on line, che probabilmente non comprendono ulteriori spese accessorie, di cancellazione ipotecaria e notarili, le condizioni del mutuo in essere, ancorchè del 2006, sembrerebbero nella norma, poichè con un tasso fisso annuo del 5,65 % che non si discosta tanto da quanto attualmente proposto da parecchi istituti bancari.
    In merito all'interesse del venditore di cedere l'immobile con il mutuo, ritengo che ne abbia poichè non si trova nelle possibilità di estinguerlo anticipatamente per ottenere la cancellazione dell'ipoteca. Inoltre, detto mutuo è stato acceso nel lontano 2006, dunque in data antecedente al decreto Bersani, pertanto passibile di una penale dello 0,5 % o giù di lì.
    Correggetemi se sbaglio ...
     
  5. giacomino_raider

    giacomino_raider Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ecco ! adesso ci sono più elementi per valutare ... per l'accollatario di un mutuo contratto in "tempi migliori" esistono solo vantaggi, ma sono pari allo zero per il tuo venditore che rimane, come quasi sempre accade, coobbligato in solido nel mutuo. Così fosse, dovesse chiedere un ulteriore mutuo per cambiar casa e venderti la sua, avrebbe pochissime possibilità di vedersi concesso ancora un credito.
     
  6. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare

    Basta chiedere alla Banca e accertarsi di questo particolare.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina