1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Vi ripropongo integralmente la comunicazione della FIMAA di Arezzo riguardo gli affitti turistici e mi è stato confermato che il tutto è valido anche per il privato e nn solo le strutture ricettive

    Gentile Imprenditore,

    il 17 gennaio è entrato in vigore per tutte le strutture ricettive (comprese quelle non professionali e gli affitti turistici) il Decreto del Ministero dell’Interno relativo alla comunicazione degli ospiti alloggiati, che modifica l’articolo 109 del TULPS.

    Dal momento che questo obbligo è esteso anche agli affitti transitori, penso di farLe cosa utile e gradita nell'inviarLe d
    i seguito un riassunto delle parti salienti del provvedimento, invitandoLa a porre la massima attenzione a far rispettare ai Suoi clienti



    • i tempi della comunicazione (va fatta al momento dell’arrivo del cliente per soggiorni inferiori alle 24 ore; entro 24 ore dall’arrivo per soggiorni superiori alle 24 ore);

    • le modalità di comunicazione (va fatta solo ed esclusivamente in via telematica, non sono più ammessi invii per fax se non in caso di guasto del server della Polizia di Stato);

    • il contenuto, che dovrà comprendere il numero di notti di permanenza dell’ospite ma non la sua residenza (NB: purtroppo, ad oggi l’interfaccia per la comunicazione informatica non prevede l’inserimento di questi dati perché non è ancora aggiornata. Le autorità provvederanno ad aggiornarla quanto prima).

    Il parziale o mancato rispetto delle disposizioni di legge prevede pesanti sanzioni pecuniarie e penali.

    Per qualsiasi chiarimento non esiti a contattarmi.

    Cordiali saluti,


    DECRETO DEL MINISTERO DELL’INTERNO 7.1.2013 “DISPOSIZIONI CONCERNENTI LA COMUNICAZIONE ALLE AUTORITÀ DI PUBBLICA SICUREZZA DELL’ARRIVO DI PERSONE ALLOGGIATE IN STRUTTURE RICETTIVE”

    Prevede che la comunicazione delle generalità delle persone alloggiate sia effettuata avvalendosi di mezzi informatici o telematici, e non più con la consegna delle schede cartacee. La comunicazione va effettuata entro 24 ore dall’arrivo dei clienti direttamente alle questure, e non più alle autorità locali di pubblica sicurezza.

    Comunicazione giornaliera (Art. 1) - Come previsto dal TULPS, il Decreto conferma l’obbligo di trasmettere alle questure le generalità delle persone alloggiate entro 24 ore successive al loro arrivo. Il Decreto stabilisce inoltre che la comunicazione deve essere fatta all'arrivo stesso per soggiorni inferiori alle 24 ore.

    Trasmissione della comunicazione con mezzi informatici/telematici (Art. 2 comma 1) – Per essere abilitati alla comunicazione informatica/telematica, è necessario presentare specifica domanda alla questura della provincia in cui ha sede la struttura ricettiva/l'immobile dato in locazione temporanea. La questura abilita la struttura ricettiva (o persona fisica), attraverso certificazione digitale, all'inserimento nel sistema web https://alloggiatiweb.poliziadistato.it dei dati degli alloggiati, con possibilità di consultare solo i dati relativi al giorno di trasmissione..
    Qualsiasi impedimento, anche solo di natura tecnica, che non consenta la trasmissione dei dati con la modalità informatica/telematica deve essere, con ogni mezzo, tempestivamente comunicato alla questura territorialmente competente. In tale ipotesi il gestore deve provvedere ad effettuare la comunicazione giornaliera mediante fax o posta elettronica certificata.
    Attenzione!!!! L’impedimento di natura tecnica è motivo di trasmissione via fax SOLO nel caso in cui tale mal funzionamento dipenda dal server della Polizia di Stato. Un malfunzionamento del sistema della struttura ricettiva non abilita alla trasmissione via fax.


    Dati da comunicare (Art. 2 comma 2 – Punto 1.1 dell’allegato) - I dati da trasmettere sono i seguenti:
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Data di arrivo;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Numero giorni di permanenza
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Cognome;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Nome;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Sesso;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Data di nascita;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Luogo di nascita (comune e provincia se in Italia, Stato se all'estero);
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Cittadinanza;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Tipo documento di identità;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Numero documento di identità;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Luogo rilascio documento (comune e provincia se in Italia, Stato se all'estero).
    Rispetto alle procedure finora in uso, è ora necessario comunicare il numero di giorni di permanenza del cliente. E’ stato invece eliminato l’obbligo di comunicare l’indirizzo di residenza del cliente.
    Attenzione!!!! Anche se il decreto è in vigore, ad oggi il sistema ancora non prevede il numero dei giorni di permanenza, al contrario ancora è previsto il campo “residenza”

    Nel caso di nuclei familiari e gruppi guidati, i dati completi di cui sopra possono riguardare solo uno dei coniugi (e non l'altro coniuge ed i figli minorenni) ed il capogruppo (e non gli altri componenti del gruppo)
    I dati da indicare per i componenti del nucleo familiare o di un gruppo sono invece i seguenti:
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Numero giorni di permanenza;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Cognome;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Nome;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Sesso;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Data di nascita;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Luogo di nascita (comune e provincia se in Italia, stato se all'estero);
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->Cittadinanza.
    Viene quindi confermata la semplificazione esistente per i nuclei familiari ed i gruppi, e viene chiarito che per i componenti del nucleo familiare e del gruppo non è necessario trasmettere gli estremi del documento di riconoscimento.

    Conservazione della ricevuta di trasmissione(Art. 2 comma 2 e art. 3 comma 2 – Punto 3 dell’allegato) - Come riscontro dell'avvenuta comunicazione, ciascuna struttura ricettiva:
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->in caso di comunicazione informatica/telematica: scarica e conserva un apposito documento di ricevuta in formato pdf, convalidato dalla Polizia di Stato, e contenente esclusivamente il numero di schedine trasmesse in una data giornata;
    <!--[if !supportLists]-->· <!--[endif]-->in caso di comunicazione via fax (nei casi di impossibilità alla trasmissione con mezzi informatici/telematici): conserva copia della ricevuta rilasciata dal dispositivo fax attestante la data e l'orario dell'invio e l'esito dello stesso;

    Le ricevute di cui sopra devono essere conservate per 5 anni.

    Privacy - I gestori delle strutture ricettive sono tenuti alla cancellazione dei dati digitali trasmessi, nonché alla distruzione della copia cartacea degli elenchi trasmessi, non appena ottenute le relative ricevute.
    Attenzione!!!!! Qualora siano utilizzati dati personali a fini commerciali DEVE essere acquisito il previo consenso da parte del cliente. (NON FATE FIRMARE LE SCHEDINE!!!)

    Entrata in vigore – Le disposizioni contenute nel Decreto sono entrate in vigore il 17 gennaio 2013. Pertanto le aziende che ancora non utilizzano il collegamento informatico/telematico, devono attivarsi richiedendo alle Questure competenti sul territorio l’accesso al servizio, o concordando l’invio dei dati tramite fax o posta elettronica certificata.
     
  2. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    obbligo per i Transitori nelle strutture ricettive o no?:occhi_al_cielo:
     
  3. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ho un sacco di dubbi e speravo che qualcuno nel forum ne sapesse qualcosa in più, ho telefonato alla questura di Arezzo la persona che se ne occupa si libera alle 11,00 quando ci ho parlato vi darò più info
     
  4. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Scusa Catia, io capisco da quello che hai riportato che é valido anche per i privati che affittano con contratti di locazione transitori ma per scopi turistici.:occhi_al_cielo:
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  5. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Appunto che stona la faccenda per gli affitti turistici io ho sempre fatto il contratto turistico che se supera i 30 gg va comunicata la cessione fabbricato altrimenti no. Cosa centra il transitorio con il turistico?
     
  6. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    No, scusa, se fai contratto turistico e non lo registri perché inferiore all'anno, devi fare la comunicazione alla questura.
     
  7. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ho parlato con la Questura mi hanno detto che l'obbligo di trasmissione telematica dei dati è esteso anche ai privati che affittano per le vacanze un'intera abitazione o porzione di essa anche se fosse un vano nella propria abitazione. Verranno fornite delle credenziali direttamente al locatore e nn all'intermediario. Se noi vorremo fornire il servizio dovremo chiedere le credenziali al cliente. Per quanto riguarda i contratti transitori mi ha rimandato a chiedere spiegazioni alla FIMAA( da cui attendo risposta) perchè loro nn ne sanno niente ....
     
    A Bianca84 piace questo elemento.
  8. JO MARCH

    JO MARCH Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Salve. Ho bisogno di una precisazione. L'obbligo di comunicare l'arrivo di un ospite spetta anche a che non ha una vera e propria struttura alloggiativa? ossia spetta pure nel caso una persona per un periodo o più periodi dell'anno affitti una stanza della propria abitazione? Chiedo perchè l'anno scorso mi è capitato di andare presso un commissariato di zona per segnalare i nomi di due persone che avevano affittato una camera della mia abitazione per tre giorni e mi è stato detto che non era necessario fare questa comunicazione perchè si trattava di un periodo inferiore al mese e anche perchè gli ospiti erano nella mia casa e quindi in questo caso non è richiesto questo adempimento. Posso avere qualche chiarimento nel caso mi ricapitasse in futuro una situazione analoga? Inoltre ho guardato sul sito della polizia di stato e pare che per fare la segnalazione telematica si debba essere autorizzati ed i moduli vanno consegnati previa esibizione di licenza. Quindi non è prevista questa cosa per i privati che affittano un alloggio o parte di esso? Grazie a tutti quelli che mi risponderanno.
     
  9. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Se tu affitti le stanze di casa tua non sono ospiti.:occhi_al_cielo:
    Fai un contratto di locazione?
     
    A H&F piace questo elemento.
  10. JO MARCH

    JO MARCH Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ho usato la parola ospiti forse impropriamente. Si, quando è capitato (pochissime volte), ho fatto un contratto di locazione per uso turistico sia pure per tre giorni, che non ho registrato perchè inferiore al mese, ma che ho conservato per aggiungere l'introito al mio reddito in sede di dichiarazione dei redditi.
     
  11. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Secondo il decreto riportato da Anna , essendo il tuo un contratto di locazione turistico, sembra che tu debba fare la comunicazione alla Questura per via telematica.
     
  12. JO MARCH

    JO MARCH Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Si, questo ho capito anch'io. Però quando sono entrata nel sito della polizia di stato dicono che iscrivono al sito le persone munite di licenza. Ma per fare un affitto, anche turistico, fino ad ora non era necessaria licenza, almeno per quanto ne so. Spero che qualcuno si sia già informato.
     
  13. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non occorre la licenza, essendo tu un privato in casa tua. Anch'io sono andata sul sito del Ministero dell'interno, ma dice che devi fare la comunicazione in Via telematica.
    La tua non é una struttura recettiva che ha bisogno di licenza.
     
    A catia piace questo elemento.
  14. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Nn sono Anna :^^:
     
  15. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Per JO MARCH
    Mi sono informata e ho già risposto vedi sotto

    La FIMMA ha ammesso l'errore di definire i contratti turistici transitori:pollice_verso:
     
  16. JO MARCH

    JO MARCH Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie infinite.
     
  17. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Pardon!:risata: sono un po' strabica:risata:

    :shock: Mamma mia! :shock::shock::rabbia::disappunto::cauto::confuso:
     
  18. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare


    Puntualizzo l'impiegata che rappresenta l'associazione ....
     
  19. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Scusate, gente, ma c’è qualcosa che non mi torna. Francamente mi è difficile capire dove si deduca dal decreto in discorso che tale incombenza si estenda anche ai privati: il paragrafo 2 del decreto recita che “la disposizione del paragrafo 1 si applica per analogia alle persone alloggiate in altri luoghi gestiti da chi esercita la professione di locatore, in particolare in tende, roulotte e battelli”.

    Ora, chi esercita la professione di locatore, in genere, è un imprenditore che gestisce, appunto – in forma imprenditoriale, per un fine speculativo e professionale - un’attività economica, quale può essere quella di gestire “strutture ricettive” diverse dall’alloggio, vale a dire hotel, motel, alberghi, agriturismi, villaggi turistici, residenze turistico-alberghiere, campeggi, ostelli, rifugi alpini, bed&breakfast o affittacamere (a cui, appunto, è richiesta la licenza per svolgere l’attività o la dichiarazione di esercizio d’attività), concedendo in uso singole camere o appartamenti per periodi di tempo non eccessivamente prolungati, ossia locazioni di tipo turistico-imprenditoriale: a me pare di capire che unicamente tali soggetti d’ora in poi, saranno tenuti a comunicare on-line i dati dei loro clienti, ai fini degli opportuni controlli da parte della pubblica autorità, non già un locatore persona fisica (che, di norma, “di professione” non affitta tende, roulotte o battelli), ma si limita a locare un alloggio a conduttori con una tipologia di contratto diversa (locazioni ad uso turistico).

    Pertanto – a giudizio della scrivente (che non è la FIMAA né tantomeno la Questura) – il decreto in esame non modifica la disciplina complessiva della comunicazione di cessione di fabbricato per i contratti ad uso turistico-abitativo, non soggetti all’obbligo di comunicazione sia di durata superiore ai 30 giorni, sia di durata inferiore, ai sensi dell’art. 12, comma 1, DL n°59/1978 (salvo per cittadini extracomunitari e apolidi).
     
  20. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Che confusione ...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina