1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Carlomaggio

    Carlomaggio Membro Junior

    Privato Cittadino
    Buongiorno
    Sono proprietario di un sottotetto non mansardato di altezza 2,10 m all interno di un edificio del 1939 accatastato A4 e dunque da sempre abitato. In Comune mi hanno detto che l'agibilità non c'è e che non può essere ne' affittato ne' venduto poiché non c'è stato alcun condono ma io stesso l'ho acquistato 6 anni fa. Vi chiedo di aiutarmi a capire se essendo ante 1942 e' possibile che l'immobile sia comunque legittimo e quindi io non abbia problemi . Grazie e saluti
     
  2. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Probabilmente il comune per mancanza di agibilità intendono i requisiti necessari ed indispensabili per vivere nei locali, mi riferisco alle altezze, rapporto aeroilluminante, condizioni igieniche, etc
    Comunque sebbene la legge urbanistica a riguardo sia del 1942 esiste un decreto regio del 1934 che disponeva sull'abitabilità.

    https://pti.regione.sicilia.it/port...tica/APPUNTI SUL CERTIFICATO DI AGIBILITA.pdf
     
  3. Carlomaggio

    Carlomaggio Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie e quindi ciò cosa può voler dire? Che l appartamento e' legittimo o no? In caso negativo cosa dovrei fare per sanare la situazione ?
     
  4. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Devi chidere l'intervento di un professionista ( es:geometra) ma dubito che con altezza 2,10 possa essere abitabile senza contare tutto il resto.
    Tuttavia non capisco come possa essere accatastato A4
    @cafelab
     
  5. Carlomaggio

    Carlomaggio Membro Junior

    Privato Cittadino
    E' alto 2.10 m ma ha grandi finestre di cui una si affaccia su un terrazzo di 50 mq anche il bagno ha la sua finestra quindi è molto luminoso e ben areato
     
  6. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    bene ma l'altezza minima non c'è, senti un professionista
     
  7. Carlomaggio

    Carlomaggio Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie. E tra di voi non c e qualche professionista che può sapere qualcosa a riguardo ?
     
  8. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Se il sottotetto (con altezza inferiori al minimo) è accatastato unitamente all'abitazione A/3 è un mero accessorio di quest'ultima e non può essere venduto separatamente, a meno che tu non lo frazioni, ma resterebbe comunque una soffitta, da quel che ho capito. Vendere puoi farlo anche senza abitabilità, chi dice queste cose significa che ha scarse conoscenze della materia: devi solo precisare che lamca questo documento e che farà carico al compratore. Per quanto riguarda l'abitabilità, la stessa è necessaria fin dal 1934, quindi precedentemente al 1939.
     
    A enrikon piace questo elemento.
  9. Carlomaggio

    Carlomaggio Membro Junior

    Privato Cittadino
    Buongiorno e grazie il sottotetto e' accatastato da solo non come accessorio di un appartamento. Se dal 1934 esisteva già l'abitabilità allora può voler dire che questo ce l 'abbia ... Come mi consiglia di agire per esempio con una sanatoria o cos altro?
     
  10. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Se è accatastato (da solo) fin dal 1939 ed in Comune non c'è niente, lo riterrei legittimo, a meno che sia posto all'interno del centro abitato e, all'epoca, il Comune avesse già dei propri regolamenti che imponessero la licenza di costruzione. Sulla planimetria cosa c'è scritto, nei locali? L'altezza di 2,10 è quella media oppure la massima?
     
    A PROGETTO_CASA piace questo elemento.
  11. Carlomaggio

    Carlomaggio Membro Junior

    Privato Cittadino
    E' in un palazzo in pieno centro l altezza e' di 2,10 m ed è' un lastrico solare quindi dritto. Sottolineo che l abitazione e stata costruita in quel modo non ha mai subito modifiche e da sempre abitata per questo non è stato fatto in condono . Non può essere che essendo del post 1934 quindi dopo che è' stato introdotto il concetto di abitabilita , esso ce l'abbia? Grazie
     
  12. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Penso che se ha l'abitabilità nessuno può togliergliela. Quindi puoi non solo venderlo, ma venderlo come civile abitazione.
     
    A Tobia piace questo elemento.
  13. Carlomaggio

    Carlomaggio Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie. Il problema e' proprio questo non so se e' sufficiente la classe catastale A4 a dimostrare che e' abitabile
     
  14. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite


    perché non reperisci una visura catastale storica che forse scopri qualcosa ?
     
    A Carlomaggio piace questo elemento.
  15. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Forse non sono stato abbastanza chiaro:
    1. se prima del 1942, anche nel tuo Comune non occorreva Licenza Edilizia per costruire un fabbricato, significa che lo stesso è perfettamente legittimo, visto che nel 1939 già era esistente ed accampionato e questa è la cosa più importante;
    2. se è classato come A/3 fin dall'origine, significa che è ed era abitativo: l'unica cosa che dovresti verificare è la planimetria catastale (se c'è) per controllare la destinazione dei singoli locali (cucina, ripostigli, ecc.);
    3. la mancanza di abitabilità (peraltro depenalizzata) non comporta l'impossibilità di trasferire un bene immobile: si pensi ad esempio ad un rudere, basta rendere edotto l'acquirente;
    4. tale documento può essere comunque ottenuto/attestato (ignoro i procedimenti nella Regione di collocazione), previa dimostrazione della regolarità:
    - ai permessi edilizi (ce l'hai in quanto all'epoca non necessitavano);
    - alle norme igienico-sanitarie inerenti alle dimensione ed all'altezza dei locali abitabili nonchè all'aeroilluminazione (che sicuramente all'epoca non c'erano);
    - alle norme igienico-sanitarie circa lo smaltimento dei liquami (in questo caso dovresti invece controllare ed eventualmente metterti a norma);
    - alle norme di sicurezza impiantistiche (idem c.s.: vedere se gli impianti sono a norma e farti fare una dichiarazione di conformità da una ditta oppure rispondenza da un ingegnere od un perito elettrico, a seconda dell'epoca di realizzazione);
    - alle norme di sicurezza statiche (solo se l'immobile è in c.a. e costruito dopo il 16/11/1939);
    - alla planimetria catastale.
    Sennò puoi sempre chiedere spiegazioni, minacciando di far causa a chi ti ha venduto il fabbricato, se nell'atto è riportata la mancanza di abitabilità (magari il geometra avresti dovuto prenderlo allora); oppure chiedere all'amm.re od al Comune.
     
    Ultima modifica: 7 Ottobre 2014
  16. Carlomaggio

    Carlomaggio Membro Junior

    Privato Cittadino
    Che io sappia prima del 42 nel mio comune non c era licenza edilizia... Grazie per la puntuale delucidazione
     
  17. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Sicuro sicuro? La cosa mi interessa direttamente:

    Avevo acquistato dal costruttore un alloggio all'ultimo piano di un condominio, comprensivo di sottotetto: tutti hanno poi fatto opere edilizie nel locale sottotetto e chiesto il condono (in genere come estensione dell'alloggio sottostante), se ricordo bene intorno agli anni 1980-83.

    Per non essere da meno, ho fatto anch'io la medesima pratica con una variante: ho chiesto il condono come unità a se stante.
    Mi è stato regolarmente concesso e la mansarda è stata accatastata in modo autonomo in A2. L'altezza media è superiore al limite richiesto.
    (Ma a detta dell'amministratrice-geometra, il comune pur di incamerare soldi, ha glissato sull'aspetto dei rapporti aeroilluminanti: che in effetti non sarebbero sufficienti).
    Ufficialmente l'abitabilità non risulta attribuita in modo specifico, mentre è stata attribuita a posteriori all'intero condominio, d'ufficio da parte comunale, dopo un contenzioso ventennale col costruttore, che non ha prodotto alcun intervento.

    Come considerare questa situazione?
     
  18. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    a catasto è abitazione e va bene, hai detto che non ci sono stati condoni o sanatorie ed anche questo va bene, ma in comune come considerano questa unità immobiliare?

    a) abitazione anche se con soffitti H 210
    b) soffitta o accessorio
    c) non c'è nulla

    nel caso a) e c) il tuo immobile NON avrebbe l'abitabilità (nel tuo comune non era richiesta nel '39) ma resta esonerato dalla sua mancata produzione come alla legge 47/1985. Sarebbe quindi un'abitazione esonerata dal produrre l'abitabilità, vendibile senza problemi.


    ovviamente non sono un tecnico ed aspetto che qualcun'altro possa esprimersi al riguardo
     
  19. Carlomaggio

    Carlomaggio Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie x la risposta si tratta del caso C...
     
  20. alessandro66

    alessandro66 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Dovresti fare una visura storica per verificare se è stata fatta una variazione catastale e se si, in virtù di quale strumento urbanistico. Che sia accatastata come abitazione (a/4, popolare) non ci piove ma è abbastanza strano, vista l'altezza di soli 2, 10...bisogna capire come ci si è arrivati.
     
    A Carlomaggio e Tobia piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina