1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. katerbury

    katerbury Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Salve a tutti. a pranzo con i colleghi uno ha esordito dicendo che il padre stà seguendo la possibilità di acquisto all'asta di un immobile per la piena proprietà (ovviamente il prezzo in perizia è calcolato come piena proprietà al 100% quindi non ci sono dubbi) ma occupato dal comproprietario del 50% dell'esecutato (che possiede l'altra metà) e quindi appunto definito "occupato". Io gli ho detto che a me sembra una contraddizione in quanto o si vende il 50% del bene e l'altra quota rimane del comproprietario (e quindi è evidentemente occupato) altrimenti se il perito ritiene che il bene sia indivisibile e quindi l'unica via è vendere il 100% mi chiedo come si può ritenere occupato (premesso che non ci sono assegnazioni per separazioni ecc.).
    Ho notato che tanti periti nonostante il loro mandato sia favorire la vendita con la massima trasparenza di informazioni, spesso lasciano un velo di mistero sul reale stato di occupazione forse per evitare "beghe" successive ma di fatto penalizzando la vendita e anche il prezzo stesso (in caso di "occupazione" degli esecutati alcuni periti scrivono occupato senza titolo, altri scrivono libero in quanto abitato dagli esecutati, altri ancora scrivono solo occupato lasciando grandi dubbi ai potenziali acquirenti) Il collega stesso mi diceva che si stà scontrando con questa cosa, infatti non riesce a capire se acquistandolo e quindi non permanendo la comproprietà deve ritenere l'immobile "occupato dal comproprietario" come scritto in perizia (che però non specifica "con titolo opponibile" o senza) o meno . Ha aggiunto poi che nel calcolo del valore non c'era alcuna decurtazione per immobile non liberabile come normalmente succede per esempio in caso di usufrutto.Vi è mai capitata una cosa simile?
     
  2. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Domandare al custode, al curatore o al giudice? (a limite chiamare lo studio tecnico del perito?)
     
  3. katerbury

    katerbury Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Nessuna delle figure che citi credo che si esporrà sulla possibile liberabilita' dell'immobile...in questi casi quello che conta è la legge, cmq considerando la latenza di risposte è evidente che gli Agenti Immobiliari del forum non si occupano di aste (speriamo!).
     
  4. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Non credo che non ci siano esperti di aste... Anzi! Forse non si vogliono esprimere, forse per la delicatezza della cosa, non so... Comunque solitamente si riscontra la piena disponibilità delle persone citate, compresi, in ultima istanza, i tecnici che hanno redatto la perizia... Poi c'è da dire che spesso custodi e/o curatori sono Avvocati, molto preparati che essendo intenzionati alla bontà dell'operazione (in sostanza che l'asta vada a buon fine), danno sempre informazioni chiare. Se poi l'asta è nelle mani di un Notaio, ti consiglio di non esitare nel chiamare, come ti ripeto queste persone vogliono vendere, non desiderano che l'asta vada deserta... Non pensare che necessariamente debbano piazzare l'immobile ad amici...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina