• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

kaicer

Membro Attivo
Privato Cittadino
Buongiorno a tutti
l'accordo tra le parti (io sono il proprietario) è quello di locare l'immobile (è un deposito), con un canone crescente di anno in anno!
Esempio: primo anno 100/mese; secondo e terzo anno 200/mese; e dal quarto anno 400/mese.

L'immobile è un deposito

E' possibile fare un regolare contratto d'affitto con questa necessità? Se si, come si andrebbero a pagare le imposte?
 

Andrea Occhiodoro

Membro Attivo
Amm.re Condominio
Buonasera kaicer,
stipulando un regolare contratto di locazione ad uso non abitativo locatore e conduttore hanno la piena libertà di pattuire la determinazione del canone in misura differenziata e crescente per frazioni successive di tempo, purchè ciò avvenga all'atto della stipula del contratto e nel rispetto dell'art. 32 della legge 392/78 che vieta appunto l'aggiornamento del canone mediante parametri diversi da quelli stabiliti. Ti consiglio quindi di esplicitare in contratto i motivi che hanno portato alla diversificazione del canone per evitare il sospetto di aggiramento dell'art. 32 suddetto. Le imposte le andresti a pagare normalmente considerando anno per anno importi diversi.
 

kaicer

Membro Attivo
Privato Cittadino
Grazie tanto
Buonasera kaicer,
stipulando un regolare contratto di locazione ad uso non abitativo locatore e conduttore hanno la piena libertà di pattuire la determinazione del canone in misura differenziata e crescente per frazioni successive di tempo, purchè ciò avvenga all'atto della stipula del contratto e nel rispetto dell'art. 32 della legge 392/78 che vieta appunto l'aggiornamento del canone mediante parametri diversi da quelli stabiliti. Ti consiglio quindi di esplicitare in contratto i motivi che hanno portato alla diversificazione del canone per evitare il sospetto di aggiramento dell'art. 32 suddetto. Le imposte le andresti a pagare normalmente considerando anno per anno importi diversi.
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
Ti consiglio quindi di esplicitare in contratto i motivi che hanno portato alla diversificazione del canone
Aggiungo di stare bene attento a quello che scrivi. Ad esempio, se scrivi che il canone base è 400 mensili e che per abbuoni il 75% il primo anno e il 50% il secondo e il terzo, l'AdE potrebbe farti pagare come se tu i 400 euro li avessi presi sempre.
In base al principio che il canone è quello pieno, se fai sconti al locatario sono cavoli tuoi, il fisco a te di sconti non ne fa.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto