• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

kaicer

Membro Attivo
Privato Cittadino
Buongiorno a tutti
l'accordo tra le parti (io sono il proprietario) è quello di locare l'immobile (è un deposito), con un canone crescente di anno in anno!
Esempio: primo anno 100/mese; secondo e terzo anno 200/mese; e dal quarto anno 400/mese.

L'immobile è un deposito

E' possibile fare un regolare contratto d'affitto con questa necessità? Se si, come si andrebbero a pagare le imposte?
 

Andrea Occhiodoro

Membro Attivo
Amm.re Condominio
Buonasera kaicer,
stipulando un regolare contratto di locazione ad uso non abitativo locatore e conduttore hanno la piena libertà di pattuire la determinazione del canone in misura differenziata e crescente per frazioni successive di tempo, purchè ciò avvenga all'atto della stipula del contratto e nel rispetto dell'art. 32 della legge 392/78 che vieta appunto l'aggiornamento del canone mediante parametri diversi da quelli stabiliti. Ti consiglio quindi di esplicitare in contratto i motivi che hanno portato alla diversificazione del canone per evitare il sospetto di aggiramento dell'art. 32 suddetto. Le imposte le andresti a pagare normalmente considerando anno per anno importi diversi.
 

kaicer

Membro Attivo
Privato Cittadino
Grazie tanto
Buonasera kaicer,
stipulando un regolare contratto di locazione ad uso non abitativo locatore e conduttore hanno la piena libertà di pattuire la determinazione del canone in misura differenziata e crescente per frazioni successive di tempo, purchè ciò avvenga all'atto della stipula del contratto e nel rispetto dell'art. 32 della legge 392/78 che vieta appunto l'aggiornamento del canone mediante parametri diversi da quelli stabiliti. Ti consiglio quindi di esplicitare in contratto i motivi che hanno portato alla diversificazione del canone per evitare il sospetto di aggiramento dell'art. 32 suddetto. Le imposte le andresti a pagare normalmente considerando anno per anno importi diversi.
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
Ti consiglio quindi di esplicitare in contratto i motivi che hanno portato alla diversificazione del canone
Aggiungo di stare bene attento a quello che scrivi. Ad esempio, se scrivi che il canone base è 400 mensili e che per abbuoni il 75% il primo anno e il 50% il secondo e il terzo, l'AdE potrebbe farti pagare come se tu i 400 euro li avessi presi sempre.
In base al principio che il canone è quello pieno, se fai sconti al locatario sono cavoli tuoi, il fisco a te di sconti non ne fa.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

fabiocaroli ha scritto sul profilo di il Custode.
salve cè possibilitá di pubblicare bannerini pubblicitari di un nuovo portale imm e costi grazie..i moduli richieste non funzionano!
Justyfra=G💝 ha scritto sul profilo di Avv Luigi Polidoro.
Buona sera Egregio Avvocato,le chiedo scusa per l’orario se la disturbo. Ho un problema di divisioni di beni di miei suoceri (ancora vivi) tra mio cognato e mia figlia adolescente, ma visto che suo padre cioè mio marito è deceduto tre anni fa, ma come vanno la divisione? Aiutatemi a capire.
Alto