1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. tromeo78

    tromeo78 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Si può?

    Che rischi ci sono?

    Avete esperienze in merito?

    Nel caso specifico, viene venduta una casa a costo molto ribassato dal privato tramite agenzia; trattasi però di casa all'asta e nella perizia viene detto che l'immobile risulta occupato dal debitore/coniuge/figli/comproprietario non esecutato (cosa signidfica non esecutato?)
     
  2. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Rischi ci sono quando non sai quel che fai ma se l'agenzia è preparata dovrebbe rispondere in modo convincente a tutte le tue domande e dubbi.

    Se non ti fidi abbastanza dell'agenzia fatti seguire, magari dietro le quinte, da un avvocato specializzato in immobiliare.

    L'esecutato è l'attuale proprietario sotto pignoramento.
     
    A PyerSilvio piace questo elemento.
  3. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    se la casa e' all'asta ufficialmente , quindi con protocolli e tutti i dati inseriti dal tribunale per identificarla , e l'agenzia non li menziona rischia grossissimo in quanto e' una turbativa ( e si rischia seriamente la gabbia ;) )
     
    A Maurizio Zucchetti piace questo elemento.
  4. tromeo78

    tromeo78 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ma come è possibile che sia contemporaneamente all'asta e in vednita? se è all'asta la proprietà di chi è ora?
    E che significa non esecutato
     
  5. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Se una casa è all'asta il proprietario è sempre il vecchio proprietario (cioè l'esecutato). Nel momento in cui verrà venduta all'asta, se verrà venduta, la proprietà viene trasferita a chi si aggiudica l'asta che diventa il nuovo proprietario.

    Detto questo, se il proprietario vuole vendere prima che si sia l'asta, con le dovute accortezze, una casa all'asta si può vendere tranquillamente se sai come fare.

    In pratica i tuoi soldi servono per soddisfare TUTTI i creditori e, se ne restano, anche all'esecutato.

    Non che sia semplice semplice ma se tutti i creditori ed il proprietario sono d'accordo si fa.


    NON esecutato significa che non ha un pignoramento in corso.
    Probabilmente, nel tuo caso, moglie e marito sono comproprietari ma il solo marito (o la sola moglie) sono oggetto del pignoramento.
     
    A tromeo78 piace questo elemento.
  6. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Confermo. La casa si può vendere tranquillamente (in teoria, in pratica è molto complicato) prima della prima asta.
    Se invece almeno un'asta è andata deserta, devi chiedere il permesso al Giudice altrimenti, come diceva Andrea, è turbativa d'asta e si va nel penale! :confuso:
     
    A tromeo78 piace questo elemento.
  7. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare

    Significa che la casa probabilmente è andata all'asta perché l'esecutato ( ovvero colui che non ha saldato il debito che ha generato il pignoramento e che quindi è il titolare unico del procedimento che ha generato l'esecuzione da cui il termine esecutato) era titolare unico del debito ma non dell'immobile.
    Ti faccio un esempio: mutuo intestato al marito e casa cointestata.
    Fai molta attenzione.
    C'è una sentenza del 2001 se non ricordo male del tribunale di Busto Arsizio che in un caso analogo ha stabilito che il co proprietario non esecutato (in quel caso l'anziana consorte dell'esecutato) non poteva essere sfrattata e quindi è rimasta nell'immobile sino alla fine naturale della sua vita che per sfotuna sua e per fortuna dell'incauto acquirente è avvenuta "solo" cinque anni dopo l'aggiudicazione.
    E già ti è andata bene, pensa se fosse stata occupata da inquilino con contratto non opponibile alla procedura, in quel caso avresti preso probabilmente l'affitto ma te li saresti dovuti necessariamente tener dentro sino alla naturale scadenza del contratto.
    ...salvo profumata buonuscita ovviamente...
     
    A PyerSilvio e tromeo78 piace questo messaggio.
  8. tromeo78

    tromeo78 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie, ora ho capito un po' di cose.
    Sarebbe anche una buona occasione, ma va fatta molta attenzione agli aspetti sollevati da skywalker, per non parlare dei tempi che sono stretti e quindi dovendo io prima vendere...
     
  9. Tovrm

    Tovrm Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non è così. Se il contratto non è opponibile alla procedura, l'appartamento viene considerato libero e il contratto come se non fosse mai stato stipulato (perché o non c'è o la sua registrazione è successiva alla trascrizione del pignoramento). E poiché il decreto di trasferimento è un atto esecutivo, in tempi relativamente rapidi il bene viene consegnato all'aggiudicatario (in genere entro il 3° accesso dell'Ufficiale Giudiziario).

    Ma forse hai solo lasciato un refuso nel tuo post...
     
  10. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non sono esperto del settore ma posso raccontare la mia esperienza di questi ultimi mesi.
    Una grossa società costruttrice del Nord Italia è fallita lasciando sul campo alcuni immobili un po' per tutta Italia.
    Noi, come agenzia, siamo stati selezionati dal Curatore nella nostra provincia, il quale ci ha dato mandato di vendita contestualmente all'asta immobiliare che viene effettuata presso un tribunale piuttosto lontano da qui.
    Abbiamo l'obbligo di relazionare il curatore sulla pubblicità che si effettua e ci è stato richiesto di utilizzare il medesimo prezzo indicato in asta.
    La scorsa settimana abbiamo ritirato una proposta d'acquisto ad un prezzo leggermente inferiore a quello previsto per la vendita all'incanto ed abbiamo dovuto spedire il tutto al curatore.
    Questi ha provveduto a girare la proposta al giudice che ha indetto l'asta a prezzo uguale a quello della nostra proposta.
    In assenza di proposte al rialzo, il nostro cliente si aggiudicherà l'immobile. In presenza di proposte al rialzo, avrà la possibilità di avanzare nuova proposta.
    Si tratterà comunque di acquisto dal tribunale.
     
  11. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare


    Esatto ho scritto non opponibile al posto di opponibile ma dovrebbe comprendersi comunque il senso, noo?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina