Sanarco

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno, innanzitutto mi scuso se ho sbagliato categoria, ma non sapevo dove inserire il mio quesito.
Avrei un problema con la casa che abbiamo preso in affitto, casa ad uso abitativo in cui abbiamo preso residenza e che si é rivelata un disastro, piena di muffa.
Abbiamo preso in affitto la casa 2 anni fa, la casa sembrava a posto, vecchia, ma a posto, solo che dopo qualche mese hanno cominciato a venire problemi di muffa e umidità e quindi abbiamo contattato la proprietaria per farci risolvere il problema, ma quest'ultima ci ha solo detto di usare della candeggina per toglierla e di arieggiare bene tutti gli ambienti, noi così abbiamo fatto, ma la muffa é tornata, l'abbiamo tolta ancora ed é ritornata al che, abbiamo parlato di nuovo con la proprietaria che ha dato tutta la colpa a noi, con la scusa che non arieggiano abbastanza e teniamo troppo chiuso. Allora vista la quantità esagerata di muffa presente in casa, su tutte le pareti e i soffitti di ogni stanza, muffa nera e suppongo pure pericolosa per la salute, abbiamo deciso di contattare l'ufficio igiene della zona per prenotare un sopralluogo per farci dire se era veramente colpa nostra o se era un problema strutturale della casa e questi ultimi quando sono venuti hanno appurato che il problema era strutturale e l'ambiente insalubre, quindi non adatto all'abitazione. Al che siamo andati da un avvocato con questi dati, e abbiamo citato in causa la proprietaria, visto che non ha voluto fare niente per risolvere il problema alla nostra richiesta di aiuto, e oltrettutto al mio compagno sono venuti pure problemi di salute a respirare in un ambiente insalubre, occhi rossi e problemi respiratori, ora é sotto cortisone per gli occhi e antistaminici, quindi non c'erano alternative per risolvere la questione. Il giudice ha incaricato un CTU per venire a fare un sopralluogo, visto che il certificato dell'ufficio igiene in causa non veniva considerato come prova, e la proprietaria di casa per "difendersi", ha nominato un CTP, quindi un esperto di parte che dovrà contestare le opinioni del CTU per favorire la proprietaria in pratica. Quindi, la mia domanda é:

Quante possibilità ci sono che il CTP possa plagiare il CTU quando la situazione é cosi, palesemente grave? E poi, si può velocizzare questo procedimento di sopralluogo vista la condizione disastrosa della casa in cui viviamo e i problemi salutari che abbiamo e potrebbero venire in questo ambiente insalubre? Non esiste una sorta di priorità?

La muffa é nera ed é presente su tutti i muri di casa, e alla base del muro ci sono macchie di umidità grandissime e il muro in quei punti é giallo, marrone e nero e tutto crepato o comunque cade a pezzi. La casa é senza riscaldamenti se non una stufa a pellet e un camino in cucina e gli infissi sono formati da doppie finestre vecchie da cui passa un sacco di aria e umidità visto che non sono ben isolate e questo porta ad avere sempre condensa su di esse.
In più, gli impianti della casa non sono a norma, spesso quando inserisci una presa di corrente partono le scintille non essendoci la messa a terra ed esce pochissima acqua e quel poco che esce o é dai muri o per lo più congelata. La padrona di casa richiede pure il pagamento dell'affitto di 500€ e in più il pagamento delle bollette intestate a lei (quindi maggiorate essendo seconda casa per lei, nonostante noi avremmo diritto ai bonus dello stato avendo un isee inferiore a 6000€) visto che non ha mai voluto fare la voltura a nome nostro, nonostante la casa sia un vero schifo, sia per gli impianti sia per la muffa. Quindi la mia seconda domanda é:

Le bollette vanno pagate ugualmente o esiste un tipo di morosità per giusta causa?

Ripeto, io non so se sto scrivendo nella categoria giusta e neanche se sono sul forum giusto, se cosi fosse mi dispiace, non era mia intenzione, solo che ho bisogno di risposte e il nostro avvocato non ce ne da e non possiamo chiamare direttamente il CTU competente per saperlo purtroppo.
Intanto allego una foto per rendere l'idea della condizione in cui viviamo.
Grazie a chi mi sa aiutare in qualche modo.
 

Allegati

  • 16389735361811899055543.jpg
    16389735361811899055543.jpg
    96,4 KB · Visite: 39

Lady25

Membro Attivo
Privato Cittadino
Si. Bollette e affitto vanno comunque pagate. In questo caso o date disdetta con effetto immediato per gravi motivi, oppure potete chiedere di abbassare il canone. Avete un regolare contratto registrato o siete a nero? Rivolgetevi ad un sindacato inquilini, ne sanno di più e possono aiutarvi meglio di un legale non specializzato. In questi casi sono necessari , infatti, legali che si occupano di questi problemi tutti i giorni. La legislazione non è infatti chiarissima è tutto dipende dal caso specifico.
 

francesca63

Moderatore
Membro dello Staff
Privato Cittadino
Premesso che non so proprio come possiate pensare di vivere in un ambiente come quello della foto, la soluzione più semplice era quella di cambiare casa: per 500 euro al mese credo che avreste potuto trovare altro…
Pessima idea quella di fare causa, perché rischi seriamente di perdere soldi , senza alcuna certezza che ti sia data ragione: temo che l’avvocato abbia badato più al suo interesse che al tuo.
Non sono convinta delle risposte avute sulla muffa, se prima del vostro ingresso in quella casa il problema non si era mai presentato : anche la condensa sulle finestre può essere indicativa del fatto che davvero non arieggi abbastanza, e l’umidità prodotta dall’attività umana (docce, panni stesi, cucina) si sfoga nei punti più freddi, se non si arieggia con costanza e a sufficienza
Se fossi in te, pur dispiaciuta della tua situazione, scapperei da lì di corsa, lasciando perdere la causa.
 
Ultima modifica:

Sanarco

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Il sindacato inquilini lo avevamo contattato tempo addietro, ma non ha saputo darci una risposta chiara neanche questi.
Abbiamo un contratto il regola con cedolare secca.
Non possiamo andarcene per motivi di salute e lavoro, lui sta facendo delle cure che non gli permettono neanche di uscire e senza un anticipo di 2-3 mensilità, non ti affittano casa e la nostra cauzione di 1000€, ce l'ha ancora la proprietaria di casa da 2 anni. Noi purtroppo non siamo ricchi e non abbiamo 2000 euro da parte da dare a un locatore come cauzione per la casa, avevamo solo quelli che ci trattiene tuttora la padrona di casa e che dubito voglia ridarci.

La zona in cui stiamo é molto costosa, siamo costretti a stare qua in quanto lui ha una figlia piccola avuta da un matrimonio precedente e non può allontanarsi troppo. Con 500€ trovi solo case vecchie e, a quanto pare, pure costruite male.
Non abbiamo speso un cent per l'avvocato, perché é stato assunto tramite patrocinato dello stato e quindi pagato da esso, visto che abbiamo un reddito praticamente nullo causa covid.
La casa al nostro ingresso era appena stata ridipinta e messa a posto dalla proprietaria proprio a suo suo dire, non potevamo sapere che le condizioni strutturali fossero queste.

É stato appurato dall'Asl che la colpa non é nostra in quanto la muffa é davvero troppa e ci sono infiltrazioni dall'alto e dal basso, perché dovrebbero dir balle?
 

marchesini

Membro Assiduo
Privato Cittadino
Il problema della muffa non è la prima volta che viene trattato in questo forum, ma se non ricordo male, se non vi erano infiltrazioni d'acqua, i consigli si riducevano ad arieggiare i locali ed ad usare, al primo apparire della muffa, i prodotti che sono in commercio.
Per dare un parere può "giusto" passatemi il termine, servirebbe almeno sapere il piano dell'appartamento, la classe energetica, il tipo di infissi in opera.
Comunque prima che un ambiente si riduca come da foto ... si poteva intervenire al primo manifestarsi e potevate farlo facilmente anche voi con una spesa modesta.
Ora, trovarsi a vivere in ambienti così, non è certamente salutare ed anche fare interventi con voi dentro... non è proprio l'ideale, in quanto quando si usano questi prodotti bisogna arieggare a lungo i locali.
Se vi sono infiltrazioni di acqua dall'alto spettava alla proprietà intervenire per eliminarle, quelli dal basso spesso necessitano di interventi incompatibili con l'occupazione dei locali.
Avete optato per andare in causa, forse non vi hanno consigliato al meglio, la proprietà in questa fase non ha interesse ad intervenire e nel frattempo vanno pagati sia gli affitti che le altre spese altrimenti sarete morosi con quello che ne consegue.
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
Quante possibilità ci sono che il CTP possa plagiare il CTU

Nessuna
e avreste potuto incaricare anche voi un CTP

Come fa una stanza a diventare in quel modo ?

Sarà una cantina o un garage interrato

Pessima idea quella di fare causa, perché rischi seriamente di perdere soldi , senza alcuna certezza che ti sia data ragione: temo che l’avvocato abbia badato più al suo interesse che al tuo.

Concordo,
le cause durano troppo, se tutta casa è così voi non potete continuare a stare li dentro
e poi causa per ottenere cosa?
 
Ultima modifica:

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Le Ultime Discussioni

Alto