1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. leone448

    leone448 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buon giorno a tutti, chiedo scusa se metto fretta e ringrazio anticipatamente chi fosse in grado di rispondermi. Oggi pomeriggio l'agenzia immobiliare a cui mi appoggio, mi preparerà il contratto da far firmare seduta stante dall'affittuario del mio immobile e il mio commercialista non ha il tempo per documentarsi meglio su questa cedolare secca che a quanto pare non ci ha capito ancora molto nessuno. Io pago un'aliquota annuale che arriva(anche se per poco) al 38% e mia moglie (conproprietaria dell'immobile) il 27%. L'affitto mensile sarà di 800 € mensili. Mi conviene fare la cedolare secca? Quanto pagherei e è vero che lo devo fare in anticipo per tutto l'anno successivo? E iniziando l'affitto il 1 di Luglio prossimo (2011), cosa quando quanto e come? Vi ringrazio per la risposta pronta ancora una volta.
     
  2. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Se arrivi a quelle aliquote ti conviene perchè paghi il 21% sul canone in sede di dichiarazione dei redditi.

    Non potrai applicare gli aumenti istat

    non pagherai nè tu nè l'inquilino le spese di registro e gli ulteriori rinnovi
     
  3. leone448

    leone448 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ok, conviene...ma se facciamo il contratto con inizio locazione dal 15 07 2011, devo pagare in un unica soluzione anticipata tutto l'anno prossimo più quest'anno da Luglio compreso? Perchè io con il ricavato dell'affitto ci pagavo l'affitto della casa in cui mi sposto....:basito:
     
  4. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Dici il 21% in unica soluzione anticipata? Non credo, ma io non sono il tuo commercialista :p
     
    A Limpida piace questo elemento.
  5. vabbene

    vabbene Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Devi pagare, entro il 30/11/2011, un acconto pari all'85% dell'imposta dovuta per l'anno 2011: quindi l'85% del 21% di quello che incasserai dal 15/07 al 31/12 del 2011.
     
  6. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    ... credo sia una svista: ... che incasserai dal 01/07 al 31/12 del 2011
    Il prossimo anno pagherai oltre al saldo 2011, due acconti a parte , oltre quelli IRPEF del resto, alle stesse date IRPEF, sul 95% del canone annuale.

    p.s.: valuta anche di cambiare commercialista ...... :^^:
     
    A Alessandro Frisoli piace questo elemento.
  7. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Quindi come una normale tassa sul reddito giusto?
     
  8. vabbene

    vabbene Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    così aveva scritto Leone
     
  9. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Intanto mi scuso per l'errore: leone aveva parlato di primo luglio, ma poi ha precisato dal 15 luglio, quindi OK la risposta di vabbene #5.
     
  10. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    Nel confronto cedolare sì cedolare no occorre anche considerare le detrazioni (ristrutturazioni edilizie, spese mediche e quant'altro) e le deduzioni del 2011 (valori da prevedere, specie le spese mediche, perché stiamo ancora a metà anno 2011). Potrebbero essere talmente alte da non poter essere utilizzate in toto nel passaggio matematico da imposta lorda ad imposta netta. Esempio: imposta lorda = 1.000 euro, detrazione totale = 1.500 euro. La detrazione usufruibile è 1.000 euro, la restante parte, 500 euro, non è utilizzabile. In questa eventualità potrebbe essere conveniente, almeno per l'anno dei redditi 2011 (dichiarazione UNICO 2012), tenere il reddito da locazione nella "sfera" IRPEF, anzichè sottoporlo a cedolare secca.
     
  11. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Carlor, il tuo ragionamento sulle detrazioni è sicuramente giusto. Se però i redditi da fabbricato si vanno a sovrapporre ad un reddito da stipendio o pensione, è piuttosto improbabile che non ci sia capienza: del resto la convenienza significativa della cedolare scatta per redditi con aliquota del 38%, dove non riesco a pensare a casi dove l'imposta dovuta non abbia capienza per le detrazioni (magari porta a credito). Fin qui condividi?

    Altra cosa è invece "stimare" l'acconto da versare per IRPEF e quello per la cedolare. Qui il rischio di sottostimare è alto; esempio:
    alloggio locato con disdetta al 31 luglio: se per il restante periodo dell'anno rimanesse sfitto ci sarebbe una quota IRPEF dovuta alla rendita catastale x 5 mesi. Ma è l'acconto cedolare che cambierebbe in modo significativo: in pratica il primo acconto è meglio versarlo non tenendo conto della disdetta, e regolarsi poi a novembre con il 2° acconto.
     
  12. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    Esatto: se invece non si sommano, è lecito ammettere che l'imposta lorda (in questo caso funzione del solo reddito da lavoro/pensione) possa essere inferiore alla somma delle detrazioni, facendo "perdere" la differenza tra la seconda e la prima.
     
  13. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    No, volevo dire proprio l'opposto: forse sbaglio a valutare gli italiani: ma continuo a ritenere che chi possiede immobili e gode di un salario/stipendio/pensione possa con una certa facilità raggiungere una aliquota base che sfora il 27% e quindi si porta al 38%. In queste condizioni non credo che una detrazione anche significativa, ma ripartita in 10 anni, non trovi capienza. Ma lasciamo perdere, stiamo allontanandoci troppo dal temna iniziale. Grazie comunque. (Se però non vedo il palo che sta davanti, correggimi pure). Ciao
     
  14. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    ripartita in 3 o 5 anni se al 1 gennaio del 2011 ha rispettivamente 80 o 75 anni compiuti. Ci sono poi anche le spese mediche (da stimare). Ci sono anche le deduzioni.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina