1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. clarachiara1

    clarachiara1 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    buonasera, mi sono appena iscritta e mi serve un lume.
    Dal 1993 ho un appartamento vendutomi dal proprietario di quasi tutto il palazzo, erede del costruttore. La città è Pisa, zona centrale. Nell'atto notarile c'è la frase di rito relativa ai fabbricati antecedenti il 1967. Nel 1986 dal suddetto erede è stata richiesta sanatoria concessa nel 2003 a titolo gratuito, per frazionamento in difformità dalla licenza edilizia che ha generato tra l'altro l'appartamento a me venduto. La planimetria catastale conforme allo stato dei luoghi è del gennaio 1957. Non è poi stata apportata mai alcuna modifica.
    Ora sto vendendo e salta fuori la richiesta dell'abitabilità. Fatta al Comune richiesta di ricerca d'archivio, pare però frequente che gli atti vecchi non si trovino. Cosa posso fare in tal caso? Basta l'attestazione del Comune di ricerca senza esito? Può un geometra emettere una dichiarazione di conformità sostitutiva?
    Grazie per i cortesi suggerimenti.
     
  2. richy149

    richy149 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Buongiorno, più che l'abitabilità originaria del 1957, che il comune non riesce a recuperare (il comune di Pisa non è l'unico), lei dovrebbe recuperare o ottenere l'abitabilità/abibilità dell'immobile ottenuto a seguito delle opere di cui ha la concessione in sanatoria rilasciata nel 2003 in quanto quella del 1957 si riferisce a una situazione non più corrispondente alla realtà.
    Non so se il comune di Pisa è fra quei comuni che rilasciavano la abitabilità della domande di sanatoria a semplice richiesta pagando solo i diritti di segreteria (il comune dove collaboraio io si se la destinazione era residenziale) ma, ad esempio altri comuni per le domande di agibilità per edifici oggetto di sanatoria richiedevano meno documentazione.
    Le consiglio di rivolgersi ad un tecnico della zona che contatti l'ufficio tecnico di Pisa per sentire la prassi migliore da seguire. Per l'eventuale compraventita con dichiarazione negativa da parte del comune dovrebbe sentire un notaio.
     
    A Limpida piace questo elemento.
  3. clarachiara1

    clarachiara1 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie molte, vedrò di attivarmi in questa direzione e poi farò sapere.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina