1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. nemo55

    nemo55 Membro Junior

    Privato Cittadino
    In gennaio abbiamo acquistato casa a cui manca il certificato di agibilità.
    Il venditore si e impegnato a farmelo avere entro 180 giorni, scritto in atto.
    Ad oggi il venditore non ha ancora ottemperato a tale obbligo, nell'ultimo sollecito telefonico
    ha detto "stiamo provvedendo", questo un mese fa.
    La domanda è: c'è un termine, qualora volessimo agire per vie legali per ottenere quanto pattuito?
    credo che 9 mesi siano + che sufficenti per ottenere un certificato.
     
  2. enzo6

    enzo6 Ospite

    Si tratta di casa di nuova edificazione e dove è l'immobile?
     
  3. nemo55

    nemo55 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Npn e nuov
    Non è nuova è del 94/95, è in periferia di Cagliari a Selargius.
     
  4. enzo6

    enzo6 Ospite

    Col caos che esiste nei comuni non mi stupisce piu' nulla.
    Tuttavia dovrebbe essere già disponibile dopo 9 mesi.
    Perchè non provi a sentire il notaio che ha rogitato la casa al tuo venditore.
    Se la casa era nuova molto probabilmente esiste tale certificato in atti oppure vai direttamente in comune.
    Il problema non è tanto avere il certificato (a Milano non mi capita mai tale richiesta per case non nuove) ma che la casa sia realmente agibile.
     
  5. nemo55

    nemo55 Membro Junior

    Privato Cittadino
    La casa è una bifamiliare, in comune ci sono già stato, esiste un certificato d'agibilità parziale solo per l'altro appartamento.
     
  6. enzo6

    enzo6 Ospite

    Allora non è necessario solo fare la richiesta del documento ma avviare la pratica
     
  7. nemo55

    nemo55 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Infatti, ma dopo 9 mesi avrebbero dovuto già concludere, il comune è piccolo.
    ma il dubbio è:nel caso non provveda, c'è una scadenza? oppure posso sempre chiede di onorare l'impegno preso.
     
  8. enzo6

    enzo6 Ospite

    chiedi al venditore quale professionista sta seguendo la pratica
    9 mesi sono tanti e doveva aver già fatto
     
  9. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Il certificato di agibilità non è un elemento essenziale per la compravendita, nel senso che si può rogitare anche senza (cosa che infatti è successa nel tuo caso). Diventa invece indispensabile quando si vogliano fare dei lavori, senso che in mancanza non è possibile presentare la SCIA (almeno a Roma).
    Per fortuna l'agibilità è solo una certificazione emessa dal Comune, nel senso che il possesso dei requisiti necessari (altezza minima, rapporto aero-illuminante ecc.) è già statuito dalla licenza di costruzione, o dalla concessione in sanatoria). :ok:
    Più che sulla tempistica per l'ottenimento (a Roma ci possono volere anni) dovresti a mio avviso accertarti che la domanda sia stata correttamente presentata; i problemi, come detto, potrebbero sorgere solo se nel frattempo dovessi effettuare dei lavori! :occhi_al_cielo:
     
    A H&F piace questo elemento.
  10. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Il termine è quello reciprocamente controfirmato in rogito, a meno che il venditore non abbia notiziato della difficoltà riscontrata e le modalità di risoluzione.

    Inoltre, vi è un'indirizzo giurisprudenziale secondo cui la vendita di immobile destinato ad abitazione, priva del certificato di abitabilità, incidendo del bene compravenduto ad assolvere la su afunzione economico-sociale, si risolve nella mancanza di un requisito giuridico essenziale al fine del legittimo godimento del bene e della sua commerciabilità e,configurando un’ipotesi di vendita di “aliud pro alio”, legittima l’acquirente a domandare il risarcimento dei danni, per la ridotta commerciabilità del bene (Cfr. Cass. n. 2729/2002; n. 1701/20009)

    A questo punto valuta bene il rapporto beneficio spesa.

    Ciao salves
     
    A H&F piace questo elemento.
  11. nemo55

    nemo55 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie a tutti per le risposte,

    Son già stati eseguiti dei lavori, solo sulla parte esterna, confinante con terreno comunale, il tutto secondo le regole e con regolare progetto e autorizzazione comunale.

    Nei prossimi giorni mi recherò in comune per accertarmi se la richiesta è stata presentata, in caso negativo mi rivolgerò ad un legale.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina