• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

fran107

Membro Junior
Privato Cittadino
Ho calcolato l'ammontare del canone d'affitto del mio comune d'appartenenza seguendo le indicazioni della scheda tecnica. Mi chiedevo se tale scheda deve essere anche consegnata all'inquilino o addirittura certificata dalle associazioni inquilini/proprietari (questo pare essere un possibile obbligo futuro). Io ho sempre consegnato solo contratto ed AGE ed al comune mai nulla avendo fatto sempre online.
Tale scheda è un documento di guida o è qualcosa da firmare tra le parti?

Grazie
 

Umberto Granducato

Fondatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Ho calcolato l'ammontare del canone d'affitto del mio comune d'appartenenza seguendo le indicazioni della scheda tecnica. Mi chiedevo se tale scheda deve essere anche consegnata all'inquilino o addirittura certificata dalle associazioni inquilini/proprietari (questo pare essere un possibile obbligo futuro). Io ho sempre consegnato solo contratto ed AGE ed al comune mai nulla avendo fatto sempre online.
Tale scheda è un documento di guida o è qualcosa da firmare tra le parti?

Grazie
devi solo fare il contratto seguendo il modello previsto dalla legge. Non è un contratto 'libero'.
Niente al comune e niente alle associazioni
 

Umberto Granducato

Fondatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Con le nuove disposizioni, se il tuo Comune le ha recepite, dovrai recarti presso l'associazione di riferimento e far validare il contratto.
Il nostro per ora no, fino a poco tempo fa mi pare...
A me risulta che, al momento, le nuove disposizioni non siano ancora in vigore. Sbaglio?
 
Ultima modifica:

fran107

Membro Junior
Privato Cittadino
sembra che per avere la detrazione del 25% sull'IMU debba fare verifica della conformità.
Mi sapreste dire quanto vogliono le associazioni per certificare il conteggio.
 

brina82

Membro Senior
Professionista
Io ne ho fatti 2 a 2 Comuni diversi, e mi hanno detto 2 cose diverse: il primo Comune che non occorreva assolutamente nulla; il secondo, che serviva l'approvazione dell'associazione consumatori...
 

Bastimento

Membro Storico
Privato Cittadino
Scusate. Se non ricordo male l'obbligo di certificazione è stato reintrodotto l'anno scorso con una legge. Non mi risulta occorra altro per rispettarla.
Semmai potrebbe essere la aliquota IMU a cambiare in funzione di conseguenti delibere comunali

Correggo: non era esattamente una legge, bensì il decreto ministeriale (infrastrutture e Trasporti) del 16 gennaio 2017: , all'art. 2 comma 8.

Vale per i nuovi contratti stipulati dopo la data.

Poichè le modalità di questa attestazione di conformità di almeno una associazione sindacale, saranno definite nei nuovi accordi territoriali, può effettivamente sussistere una disparità di situazioni. ( e te pareva.....)
 
Ultima modifica di un moderatore:

Bastimento

Membro Storico
Privato Cittadino
Cito il passo del DM

8. Le parti contrattuali possono essere assistite, a loro
richiesta, dalle rispettive organizzazioni della proprieta' edilizia
e dei conduttori. Gli accordi definiscono, per i contratti non
assistiti,
le modalita' di attestazione, da eseguirsi, sulla base
degli elementi oggettivi dichiarati dalle parti contrattuali, a cura
e con assunzione di responsabilita', da parte di almeno una
organizzazione firmataria dell'accordo, della rispondenza del
contenuto economico e normativo del contratto all'accordo stesso,
anche con riguardo alle agevolazioni fiscali.
 

Max

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Domanda le associazioni che rappresentano gli agenti immobiliari (FIAP, FIMAA ecc.) cosa ne pensano ? Questo decreto legge non è un danno alla categoria?
 

Bastimento

Membro Storico
Privato Cittadino
Comincerei a chiedermi se sia utile alla categoria dei locatori e conduttori....
Questo tentativo ha già avuto simili tentativi, successivamente abrogati.
Questo mi sa che sia passato inosservato e poco applicato.

Queste forme di finanziamento indiretto dei vari sindacati, CAF e compagnia, mi sembrano un vero abuso.
 

dormiente

Membro Senior
Agente Immobiliare
Guarda che in questi accordi locali ci sono anche le Associazioni immobiliari. Quindi una è presente poi per la riduzione dellI'mu si porta la copia del contratto in Comune.
 

Bastimento

Membro Storico
Privato Cittadino
Esattamente ciò che ipotizzavo: l'obbligatorietà della attestazione discende dalla delega che le strutture amministrative dello stato conferiscono ai vari organismi intermedi. Ora non ci sarebbe nulla da ridire, salvo la constatazione che l'apparato della PA e assimilabili sia in Italia notoriamente elefantiaca e piuttosto "costosa"; per cui queste forme di decentramento amministrativo non affiancate da uno snellimento dell'apparato, si traducono in una ulteriore forma occulta di tassazione.

Ne abbiamo ogni giorno esempi. Ecco cosa mi sono sentito rispondere:

- AdE: non siamo tenuti a fornire consulenza fiscale: si rivolga ad un CAF o ad un commercialista.
- INPS: noi non ci occupiamo di assistenza alle domande di pensione, sia di reversibilità che di vecchiaia o invalidità: si rivolga ad un CAF . Solo dopo averlo fatto presente mi confermano che è possibile avventurarsi nella compilazione diretta delle domande, on line.
- Contratti concordati: vedi sopra l'allegato

La giustificazione è sempre del tipo: il CAF (o chi per esso) è gratuito....

Ora l'assurdo non sta nei pochi euro eventualmente richiesti: ma nel non avere dagli enti preposti le risposte ed i servizi istituzionalmente previsti (che siano solo supposti?)
 

dormiente

Membro Senior
Agente Immobiliare
Grazie Laura ma dalla lettera non fa altro che ribadire che l'attestazione non é obbligatoria. Dice che le parti contrattuali nella definizione del canone " possono essere assistite" art.1 comma 8 del 16 gennaio 2017 e non che devono obbligatoriamente. Poi non vi é obbligo alcuno di farsi avvallare l'attestato da ben 2 Associazioni ( propr. e condutt.). Per poter dimostrare all'agenzia delle entrate la fondatezza del canone concordato ( non vedo cosa gli interessi, semmai si dovrebbe occupare di cedolare secca!) e non, gli porto i conti scritti sul contratto stesso, perché se vogliamo, anche una Associazione che sta con i piedi dietro alla scrivania, non é in grado di garantire l'autenticità delle dichiarazioni a proposito di metratura dell'immobile o cosa viene concesso o no sul contratto, per cui, immagino che le Associazioni scaricheranno la responsabilità delle affermazioni, sul proprietario. Alla fine di questo ping pong, fanno bene i Comuni, che per l'IMU agevolata, ti chiedono la copia del contratto di locazione e se ne hanno voglia, faranno dei controlli agli insorti ed a quelli che viaggiano per conto loro. Da ciò si consiglia, a chi non é pratico, onde evitare errori e di conseguenza multe, di rivolgersi a una Associazione che non chieda 2 oboli o all'agente immobiliare iscritto a una Associazione immobiliare.
 

Bastimento

Membro Storico
Privato Cittadino
Condividerei tutto quello che dici sul merito, salvo la premessa.
non fa altro che ribadire che l'attestazione non é obbligatoria. Dice che le parti contrattuali nella definizione del canone " possono essere assistite" art.1 comma 8 del 16 gennaio 2017 e non che devono obbligatoriamente
La legge è scritta coi piedi nel senso che gioca sull'equivoco.
Un conto è la possibilità di farsi assistere.
Altra è la obbligatorietà dell'attestazione di almeno una delle associazioni.

La lettera allegata ribadisce l'obbligatorietà dell'attestazione.
 

dormiente

Membro Senior
Agente Immobiliare
E' proprio scritta con i piedi. Non vedo una legge che afferma ciò, questa é una risposta a un quesito!
 

Bastimento

Membro Storico
Privato Cittadino
E' proprio scritta con i piedi. Non vedo una legge che afferma ciò, questa é una risposta a un quesito!
No: rivedi il post #10, dove ho riportato la legge.
E' facoltativa l'assistenza, ma la certificazione è "da eseguirsi" addirittura con "le modalità definite" dagli accordi.

Rimane eventualmente la domanda: le modalità sono definite ab origine dagli accordi, o sono /saranno contenute in una successiva norma di attuazione? Se così fosse la certificazione potrebbe rimanere in sospeso fino a quando queste modalità non sono definite. Il che preluderebbe a situazioni a macchia di leopardo.
 

ab.qualcosa

Membro Storico
Agente Immobiliare
A me non piace neanche il fatto che inizialmente si parla solo di determinare il canone attraverso gli elementi oggettivi dichiarati dalle parti, e poi aggiungono a tradimento gli elementi giuridici del contratto, ma senza aver visto il contratto evidentemente.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

This in not a love song This in not a love song This in not a love song This in not a love song
(Not a love song!)
buonasera se l'acquirente di un immobile stipula il compromesso con caparra e poi si accorge che l'immobile presenta delle difformità tra la planimetria e lo stato di fatto, può pretendere la restituzione della caparra, anche se l'immobile è sanato prima del rogito?
Grazie
Alto