1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. maug66

    maug66 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno, sono nuovo e non so se è questo il punto giusto per sottoporre il mio questito:

    sono proprietario al 50%, con mia moglie, di un immobile sul quale è presente un mutuo anch'esso cointestato.
    Premesso che non è prevista alcuna separazione da mia moglie, ho solo la necessità di cederle la mia quota di proprietà dell'immobile. Le domande sono:

    1) La cessione può avvenire sia a titolo gratuito che oneroso? (con eventuale scrittura privata tra le parti?)
    2) Il mutuo può rimanere invariato, cioè cointestato. In altre parole, a fronte della proprietà al 100% di un solo soggetto possono rimanere obbligati entrambi i soggetti nei confronti della banca, quindi senza la necessità di stipulare un nuovo mutuo?

    Grazie
     
  2. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Ciao maug, provo a risponderti per la mia esperienza poi vediamo che dicono i colleghi.

    La cessione a titolo gratuito non è altro che una donazione e credimi la eviterei tassativamente, poi se domani avete bisogno di vendere l'immobile con una donazione di mezzo le banche arricciano il naso e non di poco, perciò ti ripeto la eviterie e farei una vera e propira vendita dichiarando in atto il valore dell 50% della rendita catastale, probabilmente con poche migliaia di euro te la cavi. LE scritture private lascino un pò il tempo che trovano e poi con una scrittura privata non passi di certo la propietà a tua moglie.

    Per il mutuo da come la vedo io nonostante tu passi la piena propietà alla moglie puoi restare cointestatario del mutuo, anzi la banca ne è felicissima, anchè perchè altirmenti dovresti chidere alla banca di riunire la piena propietà di tua moglie con la quota di mutuo e probabilmente non rinetrando nei parametri da sola la banca ti chiederebbe di estinguere la tua parte di mutuo.( e qui haime dovresti sborsare i soldi veramente.......non sò se mi son spiegato :D )

    Attendiamo conferme o soluzioni alternative dai colleghi.

    Ciao Roby.
     
  3. maug66

    maug66 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao Roby,
    ti ringrazio per la risposta.
    In effetti l'idea della cessione gratuita (donazione) non convince neanche me. Riguardo la scrittura privata una precisazione: non intendevo dire che questa debba sostituire l'atto notarile (che farei comunque), ma solo che da questa si evinca che le parti si accordano perchè gli eventuali frutti di una alienazione futura dell'immobile spettino ad entrambi. Mi sembra che sia una pratica comune...

    Per il mutuo anche immagino che per la banca sia preferibile lasciare tutto invariato, ammesso che ciò si possa fare.

    Ciao
    Mau
     
  4. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Quoto Roby :ok:

    La scrittura privata come la intesti tu Mau avrà valore solo ed esclusivamente tra te e la tua consorte....

    Se un domani tua moglie volesse vendere la casa, l'acquirente sarebbe obbligato a pagare l'intera somma SOLO a lei, e tu dovresti far valere quella scrittura con tua moglie.... Finchè tutto va bene non ci sono problemi, ma (mi unisco agli scongiuri) nel caso di futuri problemi di coppia a mio parere parti piuttosto svantaggiato...
     
  5. maug66

    maug66 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie anche a te Sandro. Ovviamente apprezzo e sottoscrivo gli scongiuri...
    Diciamo che in questo momento la necessità (anzi diciamo l'opportunità) di non avere la proprietà dell'immobile è maggiore del potenziale rischio futuro di non poter realizzare la mia parte... ;)
     
  6. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    ECco qui la riposta del nostro preparatissimo avvocato :D

    Ciao a tutti, sono tornata.
    Provo a rispondere: la scrittura privata sottoscritta da ambo le parti ha tra di esse il medesimo valore dell'atto notarile, il problema è rispetto ai diritti eventuali dei terzi.
    Per rendere la scrittura privata oponibile ad essi (terzi) è necessaria la sua trascrizione.
    Molto semplicemente, deve essere contenuta in uno di quegli atti che possono essere trascritti, ovvero, per rimanere nel pratico, solitamente si fa così (senza passare per il notaio): si va dall'avvocato, il quale trascrive la scrittura privata e fa un atto di citazione chiedendo una sentenza di accertamento del diritto in questione. Notifica la citazione e con una copia autentica della stessa provvede alla trascrizione (che ha, in questo caso, effetto prenotativo del diritto, ovvero se poi la sentenza al termine della causa andrà ad accertare che la scrittura privata era autentica, la stessa avrà effetti anche nei confronti dei terzi dal momento della trascrizione della citazione, e non da quello della sentenza). E' un modo per preservare i propri diritti nei confronti dei terzi evitando le lungaggini della giustizia.
    Ho fatto più casino del dovuto?
    Fatemi sapere se avete bisogno di chiarimenti, buona giornata!

    Dipende da quale punto di vista la vedi: tu hai una casa, ne intesti un'altra a tua moglie perchè usufruisca delle agevolazioni prima casa, ma con scrittura privata successiva dici, ad esempio, che l'intestazione è meramente fiduciaria e che l'immobile è tuo (cosa piuttosto frequente tra l'altro), che valore ha quella scrittura privata?
    Verso i terzi: se non trascritta non è opponibile, ovvero se poi tua moglie vende la casa a tua insaputa non ti puoi rifare sul compratre, bensì solo sulla moglie che era consapevole dell'intestazione reale della casa. Quanto a tasse o similari, se non vi sono ipotesi di reato (e secondo me non si ravvisano) saranno al massimo affari dell'agenzia delle entrate, se però l'intestazione fiduciaria regge per gli anni fino a che le sanzioni non vanno in prescrizione.... nessuna conseguenza. Non appena vorrai o ti converrà o succederà (classico, in sede di separazione o divorzio), tirerai fuori la scrittura privata

    Spero questo ti sia di completo chiarimento un saluto.
     
  7. maug66

    maug66 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ottimo, grazie anche all'avvocato.
    Ciao
     
  8. themister

    themister Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Se ho capito bene, la scrittura privata non autenticata ,avrebbe validità tra le parti solo non sarebbe valida verso terzi ossia qualsiasi persona potrebbe acquistare l'immobile dal proprietario e prendersi la casa...in questo caso poi si dovrebbe far causa alla controparte e far valere eventualmente la scrittura pvt?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina