1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Qualora nell’ambito dei procedimenti aventi ad oggetto la separazione dei coniugi o la cessazione degli effetti civili del matrimonio (divorzio), vengano posti in essere degli atti di trasferimento immobiliare, continuano ad applicarsi le agevolazioni fiscali di cui all’art. 19 della Legge n. 74/1987.

    E’ questa l’opinione dell’Agenzia delle Entrate contenuta nella circolare 2/E dello scorso 21 febbraio.

    I dubbi erano fondati e ne avevo parlato in un precedente post sul tema.

    L’art. 26 del D.L. 104/2013, convertito nella L. 128/2014, modificando l'art. 10 del D.Lgs. 23/2011, oltre a introdurre nuove aliquote per l’imposte di registro, ipotecaria e catastale, ha letteralmente soppresso tutte le esenzioni e le agevolazioni tributarie, anche se previste in leggi speciali, ad eccezione delle agevolazioni concernenti la proprietà contadina.

    Da qui il dubbio, della vigenza, o meno, della particolare agevolazione fiscale riconosciuta dall’art. 19 della L. 74/87, che garantisce la completa esenzione fiscale per tutti gli atti, i documenti ed i provvedimenti relativi ai procedimenti di separazione e divorzio.

    Ma l’Agenzia delle Entrate è stata chiara:la soppressione delle esenzioni fiscali prevista dall’art.10, non opera con riferimento a quelle previsioni normative che non si sostanziano in una riduzione di aliquote, nella previsione di una imposta fissa o nell’esenzione dall’imposta di registro (come stabilito dall’art. 19 L. 74/87).

    Come era ragionevole supporre, la neo introdotta soppressione non opera in relazione a quelle previsioni fiscali funzionali alla disciplina di particolari istituti e che hanno un’applicazione ampia, la cui riferibilità ai trasferimenti immobiliari è solo eventuale e prescinde dalla loro natura onerosa o gratuita.

    Non si tratta, dunque, del solo art. 19 L. 74/87, ma anche delle norme dettate in materia di mediazione civile e commerciale, o di conciliazione giudiziale, che prevedono una normativa fiscale di carattere generale, che può trovare applicazione anche per i trasferimenti immobiliari, posti in essere nell’ambito degli stessi procedimenti.

    Sarebbe stato dunque illogico che, per lo stesso istituto, vigesse un’agevolazione fiscale destinata, però, a venire meno, se l’oggetto della controversia riguarda un bene immobile o un diritto reale su tale bene.

    Sarebbe, comunque, apparso illogico prevedere, soprattutto per fini transattivi e quindi di deflazione del carico giudiziale, delle agevolazioni fiscali, per poi andarle ad escluderle, in un secondo momento, seppure limitatamente ai trasferimenti immobiliari.

    Prescindendo da ogni valutazione in ordine all’opportunità o meno di sopprimere, in questo particolare momento storico, delle agevolazioni fiscali in settori trainanti, come ad esempio quello dell’edilizia, non si può che prendere atto che, almeno a livello interpretativo, sembra che la coerenza l’abbia fatta da padrona.



    Fonte: (www.StudioCataldi.it)
     
    A Bagudi, marcellogall, ingelman e ad altre 2 persone piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina