1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. EgoMe

    EgoMe Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti, secondo voi, è possibile in cambio di servizi ricevuti o come liberalità, assegnare una piccola quota di ricavo di vendita futura di immobile? Quale sarebbe la forma più adatta e semplice? Essendo che nei tanti anni che sono assieme alla mia compagna, io mi sono sempre sobbarcato tutti i faticosi aspetti di gestione a protezione del suo patrimonio contro molti interessi senza chiedere ricompensa alcuna, consideriamo ormai opportuno darvi un assetto che permetta dopo tutti questi anni di sentirci che sto partecipando a qualcosa, per quanto minimamente, anche di mio in modo più "ufficiale" con un impegno formale anche piccolo. Per questa nuova commistione più ufficiale dei nostri interessi, si pensava inizialmente al trasferimento mediante donazione di una piccola quota dell'immobile, ma per motivi sentimentali e di retaggio pare una soluzione miglior assegnare una piccola quota che diventerebbe mio nel caso di una vendita futura, lasciando a lei tutti i diritti di proprietà ma a modo che tutte le migliorie oltre alle fatiche per difendere quella casa contro i più svariati interessi sono anche a mio beneficio in modo più diretto se pur minimo, come si diceva. Se ciò è possibile, posto che si parlerebbe di una percentuale di ricavo solo in caso di vendita, siamo ancora nella sfera immobiliare? Visto che uno scambio pur informale e senza qualifiche di servizi-beni esiste anche una strada percorribile in scrittura privata o meglio una donazione classica? Ringrazio anticipatamente a chi potrà darmi anche il più piccolo consiglio autorevole.

    EgoMe
     
  2. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Io non vedo soluzione a questa strana forma di gratificazione.
    Sarebbe un contratto senza una data di obiettivo.
    La signora ti dovrebbe promettere che in riconoscenza di ..... ti donerà, in caso di vendita dell'immobile, l'X% del prezzo del rogito.
    La signora potrebbe non vendere mai, morire od altro e tale accordo non so che valore avrebbe.
    Una cosa più complessa non poteva venirvi in mente.
    Poi tutti i contratti hanno una scadenza. I notai non fanno, in genere, procure a tempo inderteminato. Ma a tempo determinato e poi se ne fa una nuova. Ciò è sintomatico della non perseguibilità della via della inderminatezza.
    Non vedo al momento forme che non vincolino lei in maniera determinata.
    Tanto vale continui con la tua generosa collaborazione disinteressata.
     
  3. EgoMe

    EgoMe Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta, sicuramente autorevole. Mi pare strano che non vi siano formule di questo tipo, sopratutto, visto che sono sempre più le persone che non si sposano e si trovano ad aver contribuito al patrimonio altrui. il senso è questo: io mi spacco la schiena ad impedire che ti costruiscano una strada, ti murano la vista ecc. e così facendo dentro al valore della tua casa c'è il mio lavoro. Io ti amo, quindi in gran parte lo faccio comunque come tante altre cose, ma se un giorno decidi di vendere una piccola parte lo destini a me. Così io sento anche che sono più parte di un qualcosa senza entrare in questioni di proprietà. Se io entrassi in comproprietà con la mia compagna anche per una piccola quota, oltre agli oneri della proprietà che mi accollerei secondo la mia quota, lei si troverebbe a sentirsi di aver dovuto cedere qualcosa per non essere stata all'altezza di difenderlo, probabilmente sbagliato ma - che dire? - l'emotività vuole la sua parte.
    Ad ogni modo vi dev'essere una formula anche se per dire, il mio lavoro vale tot, sei debitore di un tot, quel tot equivale ad una piccola quota della tua casa che mi versi quando vendi, se poi non vendi è un problema mio, ma non m'importa perchè hai tenuto intatto quello che per te ha un valore sentimentale.

    EgoMe
     
  4. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Scusa se non ti ho risposto prima.
    Una promessa può essere fatta per iscritto, ma che poi abbia valore giuridico nel tempo o che ti dia la possibilità di recuperare da eventuali eredi il credito, è li che la vedo fragile. Non sono all'altezza di consigliarti nulla. Mi dispiace.

    Un debito contratto con te esigibile solo sul ricavato della vendita dell'immobile a tempo inderteminato. In caso di non vendita vita natural durante di entrambe le parti nulla il creditore considerà estinta l'obbligazione.
    Puoi provare così e ne possiamo riparlare.
    Se va liscia bene e se no resta l'amore che vi state godendo.
     
  5. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Mah...mi accodo ad Hf.
    Al momento della vendita si vedrà.
    Ma poi...in una coppia si fanno questi discorsi?Ho letto i 2 post.Un uomo quando fà qualcosa vedi tu che ragionamenti contorti si va a fare in mente e .....nel caso opposto dalla donna tutto è dovuto.
    Comunque nel caso in cui vogliate tutelarvi a vicenda,sposatevi.
    In una coppia,come nel matrimonio,entrambi collaborano alla vita di coppia,al menage familiare e alla crescita della prole.
    Non esiste una gratificazione per 4 servizi effettuati!!!!!!Allora bella sarebbe!
    La tua compagna,invece,a te cosa fà?
     
    A H&F piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina