1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. andman1980

    andman1980 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti, avrei bisogno di un vostro parere.
    la situazione è la seguente: ho acquistato casa in una vecchia corte colonica costituita da un corpo di fabbrica principale di 2 piani fuori terra composto da 6 u.i., da un piccolo edificio strutturalmente indipendente, ed infine da un edificio (il mio) costituito da pt e soppalco, costruito in epoca successiva, edificato in aderenza con il corpo principale ma visivamente diverso e strutturalmente indipendente dall'altro ad eccezione del muro in comune (probabilmente una vecchia stalla o fienile).
    il mio alloggio possiede in condivisione con il resto delle u.i. un impianto autoclave, il relativo locale, il muro che separa il mio alloggio dal corpo di fabbrica principale e null'altro.
    ogni altro elemento della corte non rientra tra quelle a servizio o completamento del mio immobile: il mio coperto è differente da quello del corpo principale e posto ad una quota diversa, nessun locale del mio alloggio ricade all'interno della sagoma del corpo principale, accedo in modo totalmente indipendente, sul mio rogito di acquisto risulta specificatamente esclusa la particella costituente l'area esterna a servizio del corpo principale (che consente l'accesso, il parcheggio e la fruizione del parco comune agli altri proprietari), perfino i prospetti del mio alloggio (che si affaccia su 3 lati) sono visibilimente diversi dal resto della struttura.
    Al momento del mio acquisto non esisteva una gestione condominiale classica, ma i proprietari gestivano in forma amichevole le spese sostenute per la gestione delle aree comuni.
    Adesso, alcuni di essi hanno deciso di gestire tutto tramite un amministratore, mi comunicano di far parte del condominio e che pertanto devo partecipare alla sua costituzione, con la conseguente preparazione delle tabelle millesimali, apertura conto corrente, nomina dell'amministratore, ecc.
    secondo il vostro parere ed in base a quanto descritto sono pbbligato a partecipare al condominio? e se si, in che misura?
    considerando che le mie spese per la gestione delle parti in comune con gli altri sono ridicole (il muro di confine e l'autoclave) corro il rischio di pagare più per le spese generali (assicurazione stabile [che peraltro ovviamente ho gia per il mio alloggio], amministratore, conto corrente ecc.) che per il resto!!!!
     
  2. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ciao andman1980
    La misura in cui rientri a far parte del condominio è relativa alla sola proprietà indivisa dell' autoclave per la quota millesimale di competenza.

    Inoltre ti consiglio di avvisare l'amministratore nominato di tale situazione di comproprietà condominiale diversa per cortile, autoclave,assicurazione edificio in modo tale che il professionista che redigerà le relative tabelle ne costituisca una relativa alla manutenzione dell'autoclave e locale dello stesso, un'altra raccomandazione nell'approvazione del regolamento di condominio dove viene trascritto anche la modalità di ripartizione delle spese e quali competono pure te e quali no.

    Tutto quanto suggerito nel secondo capoverso ovviamente se non esistono sia le tabelle millesimali che il regolamento.
    Ciao salves
     
  3. STUDIOMINUCCI

    STUDIOMINUCCI Membro Assiduo

    Amministratore di Condominio
    Concordo pienamente con Salves sul fatto che il punto davvero saliente sarà rappresentato dai criteri di elaborazione delle tabelle millesimali, e che sia molto importante interloquire con il Tecnico a cui sono state commissionate e rappresentargli le varie particolarità della situazione.

    In ogni caso...io non avrei dubbi che la tua unità immobiliare debba considerarsi in condominio. Non dimentichiamo che, oltre all'autoclave e al suo locale, infatti, quello che tu chiami "muro di confine" è un muro portante, tanto per casa tua quanto per quelle che si sviluppano sul lato opposto!!!

    E quindi , almeno secondo me, andare a disciplinare questo fabbricato dotandolo degli strumenti tipici dell'amministrazione condominiale (tabelle e regolamento) è quanto mai opportuno , e nell'interesse di tutti (anche tuo). Poi è chiaro che la condominialità riguarda tutti i proprietari soltanto per pochissimi elementi (quelli da te indicati), mentre si hanno una serie di ulteriori condominii parziali che dovranno essere valorizzati dal Tecnico come tali (il cortile dei tuoi confinanti, per esempio, essendo comune soltanto ai tuoi confinanti, è un condominio parziale tra loro, che dovrà avere una propria tabella in cui tu non compari, e così via).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina