1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Silano

    Silano Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Su un palazzo attiguo?

    Qualcuno ha esperienza in proposito?
     
  2. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Devono rispettare le distanze ....
     
  3. Silano

    Silano Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Nei pressi c'e' una scuola materna e una elementare:disappunto:
     
  4. Wile

    Wile Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Fai volantinaggio ai genitori.

    Le distanze sono meramente indicative, quello che fa fede sono le emissioni RF indicate a progetto e verificate dall'ARPA (guardacaso quel giorno li' i lineari di potenza saranno trimmati al minimo...:fico:)

    Pero' anche in presunzione di non nocivita', i sistemi di trasmissione radio vengono predisposti lontani da scuole e luoghi di ritrovo di bambini.

    Chiedi all'ASL di competenza.
    Comunque sia io ho un misuratore di campo RF e non mi e' mai capitato di riscontrare nei pressi di ponti cellulari (e alle distanze in cui il cono si chiude) potenze RF superiori ai 20 V/m di legge. Vieversa, mi basta essere ad un metro dal microonde acceso per farlo andare quasi fuori scala. E lo stesso con il cellulare acceso e il misuratore a pochi cm. Questo per dire che molte volte e' piu' la mitologia che il resto. E fa molto peggio 1 ora al telefono cellulare attaccato all'orecchio che una vita vicino ad una antenna per telefonia mobile. Ergo, fa molto peggio l'aifon che ogni bimbo ormai ha in tasca o quello della maestra che pinga di continuo per non perdere la connessione e ricevere le ultime minkiate di feisbuc.

    P.S.: il miglior modo per contrastare l'installazione su un palazzo attiguo e' quella di chiedere l'installazione sul proprio!!!:shock::shock:

    Infatti in tal caso si rientrerebbe nel cono d'ombra delle antenne trasmittenti (il cosiddetto "piano di massa") sotto il quale non ci sono emissioni.
     
    Ultima modifica: 4 Ottobre 2013
    A giorgio28, Bagudi, gigi85438 e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  5. Silano

    Silano Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie,sei stato molto chiaro
     
  6. evoluzioneCasa

    evoluzioneCasa Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Raga,dimenticate che è stato provato scientificamente che i ripetitori non fanno alcun danno oggi, poichè le radiazioni diminuiscono con l'aumentare dei ripetitori, che oggi sono praticamente dovunque,purtroppo sono molte altre le cose che fanno male e del quale non ci lamentiamo affatto....
     
    A gigi85438 piace questo elemento.
  7. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Infatti.
     
  8. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    A quali studi ti stai riferendo perche' molto dipendedalla frequenza dalla durata dell'espozione e dalla potenza irradiata e anche dallo studio epidemiologico che e' stato fatto.
     
  9. Silano

    Silano Membro Attivo

    Privato Cittadino
    I rischianche se potenziali ci sono,quando saremo sicuri potrebbe essere tardi x le persone che sono state colpite...anche x l'amianto si diceva nn vi fossero rischi..erano gli anni 50/60 ..oggi sappiamo la verita'
     
  10. Wile

    Wile Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Diciamo che pee l'amianto non si diceva "sono stati fatti studi, e' un materiale sicuro", semplicemente non erano stati fatti studi!!!
    Per quanto riguarda le RF e anche le BF e le ELF (le piu' subdole, praticamente la 50Hz della corrente) studi ne sono stati fatti e molti e si sono stabiliti parametri ai quali bisogna stare sotto, specialmente per la tutela dei i lavoratori (il caso amianto e' stato molto importante anceh in questo caso). Ad ogni tipo di frequenza c'e' una diversa interazione con gli organismi e diverse soglie di attenzione (vedere le tabelle ARPA).
    Proprio per stare al di sotto di tali soglie c'e' una tale concentrazione di ripetitori, per rimanere, vicino ai punti di emissione, al di sotto dei parametri massimi di esposizione.
    Molti si ricordano il caso di Radio Vaticana, con i suoi kW di trasmissione che si sentivano anche nei citofoni e facevano saltare impianti eettrici ed accendere le lampade fosforescenti. Ma li' dovevano andare a migliaia di km, non le poche decine di km di raggio una cella.

    Ripeto, sono di alcuni ordini di grandezza piu' alte le emissioni di un cellulare da pochi mW vicino all'orecchio che quelle di un ripetitore da qualche decina di watt a 100 metri di distanza.

    Peccato che e' piu' difficile cercare di cambiare le nostre abitudini che obbligare qualcun altro a cambiare i suoi piani tecnologici.
     
  11. Silano

    Silano Membro Attivo

    Privato Cittadino
    grazie x le precisazioni...

    e' che l'antenna sta vicina alla tua casa 24 ore al giorno.,...

    mi chiedevo se il sistema wi fi di casa x internent possa essere nocivo e se e' simile alla trasmissione cellulare
     
  12. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Le frequenze sono diverse e le potenze ridotte. Poi non essendoci studi approfonditi epidemiologici in tal senso (che si basano sulla statistica) non si puo' escludere a priori.Sicuramente piu' si estenderanno maggiore sara' il contributo che daranno all'elettrosmog globale.Quando non serve sarebbe opportuno staccare l'apparato.
     
    Ultima modifica: 7 Ottobre 2013
    A Silano piace questo elemento.
  13. Wile

    Wile Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Tieni sempre conto che la distanza e' essenziale. La potenza cala (molto all'incirca) con il quadrato della distanza e quindi e' piu' probabile un campo piu' elevato causato dalla WiFi domestica che non dal ripetitore. La WiFi domestica ha pero' potenze molto limitate ed e' predisposta a rimanere a bassa potenza (irradiando solo un periodico segnale di "presenza") se non c'e' un dispositivo autenticato in uso. Sempre meglio spegnerla quando non si usa, ma talvlta meglio la comodita' che aspettare 5 minuti che il router si autentichi.
     
  14. Silano

    Silano Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie sei molto chiaro,ma se usi il pc 8/9 ore al giorno e' rischioso il WiFi?

    Mi chiedevo se c'e' differenza tra ultimo piano e piano intermedio se il rip e' messo in terrazza di un palazzo adiacente
     
  15. Wile

    Wile Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non piu' del tuo cellulare appoggiato sulla scrivania. O della lampada al neon o a risparmio energetico che hai sulla capoccia.

    No.
     
    A Silano piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina