1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. LucaViareggio

    LucaViareggio Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    salve, nel 1999 mia madre(vedova), divise in vita il valore della nostra casa (valore 300 milioni), tra me e mia sorella. dei 150 milioni spettanti, a me ne furono tolti altri 30 poichè mia madre avrebbe vissuto nella stessa con mia sorella( il geometra di mia sorella, alludendo al fatto che non avrebbe avuto la piena disponibilità ecc.ecc.). I soldi a me spettanti li lasciai sul conto di mia sorella e li prelevavo un tot al mese, se non che dopo 5 mesi all'atto di prelevare gli ultimi 30 milioni, li aveva usati mia sorella. Nel 2002 gli ho pagato ben 8600 euro per rate insolute di un mutuo. Ora per sue vicessitudini mia sorella vuol vendere casa (anche se mia madre è usufruttuaria). Mia madre ha quota di una casa paterna in eredità e lei vorrebbe lasciarla solo a me per saldare il danno o il furto di mia sorella, come potrebbe fare, visto che io sarei intenzionato ad acquistare la suddetta casa liquidando gli altri eredi ed eventualmente portare con me mia madre, visto la situazione tragica che sta vivendo!! di quanto asserito ho mio cognato, la mia ex moglie e mia madre testimoni .
     
  2. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Bel ginepraio.

    Il mio consiglio e' di risolvere "i cespiti" uno alla volta.

    I trenta milioni, sommati agli 8600 gia' anticipati, possono costituire l'acconto, da defalcare dal saldo prezzo, che converrai con tua sorella, che ti cedera' la rispettiva quota.

    cosi' facendo, tua sorella avra' venduto e restera' fuori dai diritti di questa casa.
    Allontanando da essa i rischi futuri, che le sue voragini finanziarie, possano coinvolgerti.

    Anche l'usufrutto, in favore di tua madre, e' da acquisire nel tuo diritto.

    Cosi' da avere le "mani libere" e la piena disponibilita' del bene.

    Per garantire tua madre, si puo' ovviare con altre procedure, come ad esempio quella del diritto di abitazione, se non disponendo un semplice contratto di comodato gratuito.

    Per quanto riguarda l'eredita' in quota paterna di tua madre il mio consiglio e' di attendere.

    Deceduta tua mamma, tua sorella potrebbe mettersi ancora "di traverso" nell'asse ereditario.
     
    Ultima modifica: 28 Gennaio 2016
    A LucaViareggio e Tobia piace questo messaggio.
  3. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    quoto tutto Pyer

    Una precisazione,
    Tua mamma potrebbe vendere l'usufrutto ma esso cessa di esistere con la morte della mamma e non del nuovo acquirente.

    Ovvio che prendere tutto ti mette al riparo da qualsiasi scherzetto..
     
  4. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ...AJA...

    Potrebbe cederlo alla sorella.

    La linea potrebbe essere labile.

    Una mamma di fronte ad un figlio che ha bisogno, andrebbe perfino a rubare.

    Come darle torto?

    Immagina poi la sorella a quanto lo (RI)venderebbe...:sorrisone:

    Inoltre potrebbe accadere che le venga riconosciuta l'incapacità di intendere e di volere e che la sorella potesse insidiarsi quale tutore legale.

    Nel caso di contenzioso tra eredi, il diritto di proprietà, potrebbe rimanere "sospeso", fino all'esito della morte.

    Il tribunale potrebbe decidere di soprassedere non dando luogo a procedere alla cessione.

    Una situazione poco simpatica nel danno di quello che ha già provveduto a saldare la quota all'altro coerede.
     
    A LucaViareggio piace questo elemento.
  5. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Io chiederei a Luca innanzi tutto alcune precisazioni.
    1) La casa valutata 300 Mni oggi a chi è intestata? Presumo a tua sorella, nuda proprietaria, con riserva usufrutto alla mamma (nel qual caso dal liquido a te spettante doveva giustamente essere sottratto il valore dell'usufrutto
    2) di quale casa sei intenzionato all'acquisto: la casa di tua sorella o la casa paterna ereditata pro quota anche da tua madre?
    A me pare aver inteso che si tratta di altro immobile: tua madre non potrà lasciare solo a te la sua quota, salvo un preciso calcolo della quota legittima compensato dalle appropriazioni precedenti): io propenderei per un acquisto della suo quota: la mamma in vita ne fa quello che vuole, senza obbligo di rendiconto.ai figli.
     
    A LucaViareggio piace questo elemento.
  6. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Quoto in pieno... ma non sul punto "come darle torto..." nel momento in cui ruba ad un altro figlio.
     
    A kanthima, ab.qualcosa e Bastimento piace questo elemento.
  7. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Ruba è un parolone.
     
  8. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    In effetti possiamo anche chiamarla appropriazione indebita... che quando è condotta sotto lo stesso tetto non è nemmeno punibile... Quindi si chiama danno con beffa...
     
  9. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Per essere ancora più precisi, si chiama sicuramente danno: cui spesso si aggiunge anche la beffa....
     
  10. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Le questioni di questo genere sono sempre a sè.

    Io non mi stupisco più di niente.

    Di ieri è l'ultima rilievo sui generis.

    Muore la moglie e non hanno figli.

    La moglie in vita ha disposto di lasciare la casa ( solo la casa) ad un nipote depositando le disposizioni dal notaio almeno 5 anni fà.

    Dopo due settimane dalla morte il nipote tira fuori un altro testamento.

    Diviene erede universale al 70%

    Negli anni passati recenti, il nipote "uomo di fiducia" degli anziani coniugi, dispone alcune polizze assicurative, l'acquisto di titoli e buoni fruttiferi.

    Nei vari "travasi" di danaro, dispone il tutto, in due "rami" di intestazione.

    Alcuni fondi e conti correnti, sono solo intestati alla zia (i più cospicui), altri invece sono cointestati tra i due coniugi.

    Loro firmano sempre perchè hanno fiducia e non se ne accorgono.

    Adesso che la zia è andata il nipote è un uomo ricco.
     
    A LucaViareggio piace questo elemento.
  11. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    ..... ma resta un poveruomo....
     
    A LucaViareggio e ludovica83 piace questo messaggio.
  12. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare

    Stante nel mezzo, meglio non giudicare mai, questo tipo di accadimenti.

    Nessuno puo' avere certezze assolute, sulle effettive ed ultime volonta', che un soggetto, mentre e' in vita, dispone nel segreto della propria coscienza.

    In questo caso, accade che il marito, che tale era da oltre cinquant'anni, possa rimanere stupefatto, dalle volonta' della sua compagna di sempre.

    Fatto e' che il "vedovo", che mi aveva promesso l'incarico di vendita per la (super) casa, non vuole mantenere la sua promessa, per fare un dispetto al suo congiunto, che ovviamente, firmerebbe domani mattina.

    Attenderemo.
     
    A LucaViareggio piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina