1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. robertaaversa

    robertaaversa Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ciao a tutti.mio marito da sempre praticamente 40 anni possiede una casa, piccolissima, formata da 2 stanzette. la possiede indisturbatamente. un annetto fa una signora gliel'ha chiesta in affitto per deporvi i suoi attrezzi di lavoro e mio marito ha rifiutato. Siccome abbiamo avuto bisogno di soldi successivamente si è giunti a questo accordo: mio marito dava la casa alla signora senza volere il pagamento del canone fino a marzo, e la signora ha dato a mio marito come prestito 4.000 euro, e davanti a un legale mio marito ha sottoscritto una carta in cui dichiarava di aver ricevuto in prestito questi soldi e si impegnava a restituirli al più presto, senza però nessuna menzione alla casa. privatamente mio marito diceva alla signora che a marzo la casa deve essere lasciata libera. ora, questi soldi potremo restituirli solo a settembre, e quindi io temo che non ci lasci la casa e che passato un anno interrompa il possesso di mio marito, e che quindi per 4.000 perdiamo la casa. anche perchè la signora va dicendo che noi i soldi non glieli restituiremo e che quindi si è fatta una casa!
    noi siamo intenzionati a pagare ovviamente, ma la casa deve essere liberata a marzo, come dobbiamo fare?? a chi rivolgerci?? avvocati, polizia, notai??
     
  2. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Ammesso e non concesso che ci si trovi di fronte ad una sorta di comodato verbale, non legato - se capisco bene - al prestito in oggetto, il comodatario è obbligato a restituire la cosa (se non è stato pattuito un termine) non solo non appena il comodante gliene faccia richiesta, ma anche nel caso di imprevisto e urgente bisogno del comodante, ai sensi dell'art. 1840 del codice civile. La prova del comodato, in assenza di forma scritta, può essere data, comunque, da testimoni ed anche per presunzioni, in quanto la legge non prevede alcuna forma particolare (Cassazione, 3 aprile 2008, n°8548).
     
    A residenze piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina