1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. vanalberto

    vanalberto Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Avrei bisogno di un chiarimento.
    Un uomo è deceduto nell'anno 2012 ed ha lasciato solo alla sorella con testamento olografico in eredità la propria abitazione ; faccio presente che il defunto ha ancora in vita i genitori , un altro fratello ed i nipoti.
    Il testamento olografico è stato registrato e la proprietà dell'immobile è stata volturata alla sorella al catasto del comune di pertinenza.
    Quali sono i rischi nell'acquisto dell'immobile dalla sorella che lo ha avuto in eredità? ed eventualmente ci vuole il consenso anche dell'altro fratello e genitori nell' atto di compravendita?
    Vi ringrazio se mi volete dare un chiarimento in merito
     
  2. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    diciamo che secondo ciò che hai scritto , tutti i soggetti che potrebbero fare opposizione sono eredi di secondo grado



    qui forse intendevi "quali sono i rischi del terzo acquirente che acquista un immobile pervenuto tramite testamento olografo"

    Diciamo che il testamento olografo regolarmente pupplicato, dichiarazione di succesione regolarmente presentata da parte del beneficiario comprese le imposte pagate, non è sufficiente a escludere qualsi voglia azione da parte degli altri potenziali eredi che rivendicano la loro quota di leggittima.

    Molti (istituti di credito, dottrine di pensiero etc) tendono ad eguagliare la provenienza di immobili tramite testamento olografo alle donazioni.

    Diciamo che quando in famiglia si va d'amore e daccordo , le scelte de de cuius vengono rispettate.

    se tutti sono in armonia , basterebbe un atto di acquiescenza sottoscritto dagli altri , eventuali aventi diritto, per avvalorare le volonta del "ei fù"

    altrimenti il terzo acquirente potrebbe ritrovarsi coinvolto con un atto probabilmente impugnabile
     
  3. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    I rischi sono che se gli ascendenti hanno accettato l'eredità (o i loro eredi e aventi causa) visto che hanno riservata la quota di legittima di 1/3 e il valore dell'appartamento supera i 2/3 del totale potrebbero esperire l'azione di riduzione per ottenere la reintegrazione dell'eventuale quota di legittima lesa.
    Nel caso di lesione prima chiederanno il reintegro alla sorella e nel caso di insucesso dell'escussione lo potranno chiedere al terzo o ai terzi che hanno alienato l'immobile in ordine dato dalle date di alienazione.
    Se sono passati comunque dieci anni dall'accettazione dell'eredità l'azione non potrà essere piu' esercitata.

    Per quel che riguarda l'alienazione invece non e' necessario nessun consenso essendo lei l'unica proprietaria del bene.

    nb: testamento olografo e non olografico.
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  4. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    non ti sfugge nulla :D

    diciamo che gli eredi non possono accettare un eredità, che fino a prova contraria , non gli compete a fronte di un testamento, semmai dopo che siano riusciti a rivendicare ed ottenere riconosciuta la loro parte di leggittima
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  5. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Se non ha lasciato altro ad altri si concordo parliamo di legittimari pretermessi cioe' gli ascendenti (piu' che di eredi) non vi e' accettazione ma solo azione di riduzione che se ha successo fa acquistare al legittimario la qualità di erede.
     
  6. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    scusa od1n0 accettazione da parte di chi?, qui non ho capito



    fino a prova contraria


    Chiunque abbia interesse diretto può impugnare un testamento per invalidità. L’impugnazione consiste nell’instaurare un giudizio davanti al Tribunale citando tutti gli altri eredi e legatari.
    La legge prevede due figure di invalidità: la nullità e l’annullabilità.

    Un testamento è da ritenersi nullo quando è contrario alla legge oppure presenta gravi difetti di forma.
    Nel caso del testamento olografo, tali difetti possono riguardare l’autografia (per esempio un testamento non interamente scritto di pugno del testatore) e la mancanza della sottoscrizione.

    Il testamento è invece annullabile nel caso in cui il testatore sia incapace d’intendere e di volere o per altri difetti di forma del testamento, quali la mancanza della data.

    La possibilità di impugnare un testamento per nullità non ha limiti di tempo mentre l’azione di annullamento va esercitata nel termine di cinque anni da quando il Notaio legge il testamento davanti ai chiamati.

    L’art. 590 del codice civile stabilisce che la nullità di una disposizione testamentaria non possa essere fatta valere da chi, conoscendo la causa della nullità, abbia confermato la disposizione o abbia dato ad essa volontaria esecuzione dopo la morte del testatore.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  7. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Certo sempre fino a prova contraria.
     
  8. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    è questo il problema di base .

    scusa ma questo 3d mi mette ansia,
    ho ricevuto una proposta d'acquisto per un immobile pervenuto in forza di testamento olografo recentissimo.

    proposta subordinata all'erogazione di un mutuo :pollice_verso: (tanto per cambiare)

    Le possibilità che diversi istituti eguaglino il testamento olografo ad una donazione sono alte

    cerca di comprendere le mie perplessità :pollice_verso:

    certo che se fossero passati almeno i cinque anni dalla pubblicazione mi sentirei più tranquillo :)

    fino a prova contraria
     
  9. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Concordo con te sulle perplessità; Personalmente eviterei di comprare un immobile in queste condizioni.
    Dopo cinque anni resta comunque la possibilità di nullità.
     
  10. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    :)

    non ti ci mettere anche tu

    diciamo che nel mio caso il testatore è una (era) una donna vedova anziana , senza figli, che ha lasciato l'immobile alle nipoti , e con un solo fratello che è stato lui a consegnare il testamento olografo ricevuto dalla sorella alle nipoti per poi farlo pubblicare al fine di rispettare le volontà della sorella .

    Oggi come oggi come si pronuncia mutuo vai in ansia :)

    per le Banche tutti i pretesti per non erogare mutui sono buoni , questo è il vero problema :disappunto:
     
  11. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    La difficoltà di accesso al credito secondo me sta alla radice dell'aggravemento della crisi economica in questo paese sopratutto ma non solo nel vostro campo.
    Siamo passati da una situazione di relativo lassismo nella concessione ad una di rigidità oltremisura. Le banche non fanno piu' le banche praticamente.
    Del resto per loro e' piu' conveniente prendere i soldi ad un tasso di favore dalla bce e investirli in titoli di stato piuttosto che mettersi a rischio erogando crediti.
     
    A Antonello, Bagudi, ludovica83 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  12. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non solo paradossalmente tendono a proporre ai clienti crediti personali a tassi più alti a breve durata, piuttosto che concedere mutui che in questo momento sono visti come prodotti a rischio e poco rumerativi.

    che dire ............ speriamo che tra eccessi ed eccessive restrizioni si arrivi ad un giusto punto di equilibrio ;)
     
    A od1n0 piace questo elemento.
  13. vanalberto

    vanalberto Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    vi ringrazio per le spiegazioni.
    Ma mi è sorto un altro dubbio , in quanto sono in contatto tramite una agenzia immobiliare per l'immobile ereditato e casualmente guardando un altro portale internet ho visto che lo stesso immobile vieni offerto da un'altra agenzia immobiliare ( anche con le stesse foto) ad un prezzo anche inferiore.
    ma può una persona che vuol vendere un immobile affidarsi a 2 agenzie immobiliari diverse? non ha l'agente immobiliare un diritto di esclusiva per la trattativa di immobile ?
     
  14. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Si il proprietario puo' darlo in carico a piu' agenzie se non ha firmato con l'agenzia immobiliare un incarico/mandato di esclusiva.
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  15. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ma il prezzo di vendita dovrebbe essere uguale.

    Quindi, una delle due agenzie bara....[DOUBLEPOST=1377466737,1377466713][/DOUBLEPOST]O il proprietario non ha le idee molto chiare...
     
    A dormiente piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina