1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Naoto

    Naoto Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    e' vero che non serve piu' dare la comunicazione di cessione fabbricato se i contratti vengono registrati all'agenzia delle entrate? e solo se se sei cittadino straniero bisogna procedere con lo scarico all p.s.?
     
  2. Luca1978

    Luca1978 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    In teoria dovrebbe essere cosi, ma nelle locazioni bisogna continuare a consegnarle all p.s., addirittura un notaio che conosco le continua a portarle per le compravendite.
     
  3. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    non è piu necessario.
    Una volta che ci alleggeriscono perchè non rispettare le direttive? ;)
     
    A francescolaghezza piace questo elemento.
  4. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    esatto
     
  5. Luca1978

    Luca1978 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Esatto stessa cosa che è risposto alla p.s., loro mi hanno risposto che non hanno ricevuto comunicazioni in merito e di conseguenza li continuano a prendere, ho interpellato più notai e tutti mi hanno detto che non è più obbligatoria per le compravendite ed è rimasta in vigore per le locazioni.
    Cosi mi hanno detto e cosi ti dico, cmq spero tanto che sia come dici te, approfondirò ulteriormente la cosa.
    Ciao
     
  6. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Che io sappia ė rimasta x le donazioni
     
  7. Luca1978

    Luca1978 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Grazie dell'info, cmq sia questo paese è un delirio:shock:
     
  8. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Sia la domanda che la risposta non sono molto corrette.....

    L'esenzione dalla comunicazione di cessione fabbricati, è limitata ai casi in cui il contratto di locazione viene effettuato con modalità telematica. E' stata in proposito emessa dalla AdE anche una circolare esplicativa, a chiarire il senso del DLgs. Rimane necessaria la comunicazione se il conduttore è non comunitario.

    Appena posso, posterò il Dlgs relativo; non ricordo al momento le implicazioni in caso di vendita o donazione: presumo che valga lo stesso principio dove gli atti vengono ricevuti dalla amministrazione in modo informatico, e quindi trasmissibili alle altre amministrazioni.
     
  9. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    se la cessione è inerente ad un europeo non serve più fare la comunicazione, se extracomunitario serve ancora, è inutile rispondere con si, con un no, con un ni, con un ma,
     
  10. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
  11. carbisig

    carbisig Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Si.
    Riporto la nuova normativa.
    DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79
    Entrata in vigore del provvedimento: 21/06/2012.
    Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 2012, n. 131 (in G.U. 09/08/2012, n. 185).
    Art. 2


    Comunicazione della cessione di fabbricati

    1. La registrazione dei contratti di locazione e dei contratti di
    comodato di fabbricato o di porzioni di esso, soggetti all'obbligo di
    registrazione in termine fisso, ai sensi del Testo unico delle
    disposizioni concernenti l'imposta di registro, di cui al decreto del
    Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, assorbe l'obbligo
    di comunicazione di cui all'articolo 12 del decreto-legge 21 marzo
    1978, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 maggio
    1978, n. 191.
    2. L'Agenzia delle entrate, sulla base di apposite intese con il
    Ministero dell'interno, individua, nel quadro delle informazioni
    acquisite per la registrazione nel sistema informativo dei contratti
    di cui al comma 1, nonche' dei contratti di trasferimento aventi ad
    oggetto immobili o comunque diritti immobiliari di cui all'articolo
    5, commi 1, lettera d), e 4 del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70,
    convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106,
    quelle rilevanti ai fini di cui all'articolo 12 del decreto-legge n.
    59 del 1978, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 191 del
    1978, e le trasmette in via telematica, al Ministero dell'interno.
    3. Nel caso in cui venga concesso il godimento del fabbricato o di
    porzione di esso sulla base di un contratto, anche verbale, non
    soggetto a registrazione in termine fisso, l'obbligo di comunicazione
    all'autorita' locale di pubblica sicurezza, ai sensi dell'articolo 12
    del decreto-legge 21 marzo 1978, n. 59, convertito, con
    modificazioni, dalla legge 18 maggio 1978, n. 191, puo' essere
    assolto anche attraverso l'invio di un modello informatico approvato
    con decreto del Ministero dell'interno, adottato entro novanta giorni
    dalla data di entrata in vigore del presente decreto, che ne
    stabilisce altresi' le modalita' di trasmissione.
    4. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano per
    la comunicazione all'autorita' di pubblica sicurezza, di cui
    all'articolo 7 del testo unico delle disposizioni concernenti la
    disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero
    di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, per la quale
    resta fermo quanto ivi previsto. Con il decreto di cui al comma 3
    sono definite le modalita' di trasmissione della predetta
    comunicazione anche attraverso l'utilizzo di un modello informatico
    approvato con il medesimo decreto.
    5. L'articolo 3, comma 3, primo periodo, del decreto legislativo 14
    marzo 2011, n. 23, e' soppresso. Al medesimo articolo 3, comma 6,
    primo periodo, le parole: «ai commi da 1 a 5» sono sostituite dalle
    seguenti: «ai commi 1, 2, 4 e 5».
    6. Dall'attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi
    o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
     
  12. Peter76

    Peter76 Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    una Domanda, se la cessione riguarda una famiglia di Cittadini Stranieri, va compilato e firmato un modulo per ogni componente o basta il capo famiglia ed eventualmente i documenti allegato o un certificato di residenza dove compaiono i conviventi? la famiglia trasferirà la residenza in blocco (moglie marito e figlio)... Grazie!.
     
  13. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Solo chi è presente nel contratto, con i suoi familiari
     
  14. Roberto65

    Roberto65 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Se ho ben compreso in caso di cittadini stranieri e' ancora necessario fare la cessione fabbricato . Se avessi capito bene, bisogna andare come una volta ai vigili urbani e fare il solito modulo ?
     
  15. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    dipende dal comune.
    da noi c'è un ufficio in comune
     
  16. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Si per gli stranieri la norma non si applica e quindi devi comunque fare la comunicazione di cessione fabbricato.
     
    Ultima modifica: 1 Ottobre 2013
  17. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Per me va fa fatta solo per stranieri uffici di P.S. con apposito modulo scaricabile dal sito del comune
     
  18. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Diversi interventi legislativi (in particolare il DL n°79/2012) hanno eliminato l’obbligo di presentare la Comunicazione di cessione fabbricato all’autorità di P.S. (o, in mancanza di sede, all’ufficio competente del Comune) in caso di locazione o di vendita.

    La registrazione (cartacea o telematica in regime ordinario o in cedolare secca) in termine fisso (quando l’atto deve essere presentato per la registrazione entro un determinato termine di legge) di tutti i contratti di locazione (sia ad uso abitativo sia ad uso diverso dall’abitativo) di immobili (o di porzioni di essi) e dei contratti di comodato (in forma scritta) assorbe l’obbligo in questione. Viceversa, chi non registra il contratto in termine fisso (comodato verbale o locazione turistica di durata inferiore ai 30 giorni) resta, comunque obbligato alla comunicazione, entro 48 ore dalla consegna dell’immobile, con modalità cartacea (a mano o postale (a mezzo lettera raccomandata AR = fa fede la data di spedizione, ai sensi dell’art. 12, comma 1 del DL n°59/1978 come modificato dalla legge n°191/1978), o telematica (in futuro).

    Con riguardo alle locazioni turistiche brevi (di durata inferiore ai 30 giorni) è da osservare, però, una cosa: prima dell’entrata in vigore del recente DL n°79/2012, i contratti di locazione inferiori ai 30 giorni non erano soggetti all’obbligo di comunicazione, in quanto l’art. 12, comma 1 del DL n°59/1978, come modificato dalla legge n°191/1978, prevedeva che “Chiunque cede la proprietà o il godimento o a qualunque altro titolo, per un tempo superiore ad un mese, l’uso esclusivo di un fabbricato o di parte di esso, ha l’obbligo di comunicare all’autorità locale di P.S. […] le generalità dell’acquirente, del conduttore […]”. Ora, invece, con il DL n°79/2012, solo la registrazione del contratto in termine fisso esonera dall’obbligo della comunicazione. Pertanto chi non registra un contratto di locazione turistica di durata inferiore ai 30 giorni (non soggetta a registrazione in termine fisso), è tenuto a presentare tale comunicazione.

    Il DL n°79/2012 ha inoltre disposto – per qualsiasi tipo di contratto per il quale è dovuta la registrazione (vendita, comodato in forma scritta, locazione 4+4, 3+2, per studenti universitari, turistici ecc.) – un analogo obbligo di comunicazione, da effettuarsi, però, con un altro modello, denominato Comunicazione di ospitalità di straniero o apolide, quando ad occupare l’immobile, a qualsiasi titolo (ospitalità, locazione, comodato, vendita ecc.) sia non un cittadino straniero, ma un cittadino non appartenente all’Unione europea o apolide. Pertanto, se il cessionario è un francese, nessun obbligo di comunicazione, se, invece, è un inglese obbligo di Comunicazione di ospitalità di straniero o apolide.
     
    A Bastimento piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina