1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Eemanuele

    Eemanuele Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera,
    Vorrei sottoporre alla vostra attenzione il seguente quesito:
    Possiedo un immobile in comunione con mia sorella.
    Io possiedo 2/3, mia sorella 1/3.
    In accordo con mia sorella, abbiamo deciso che questa suddivisione sia valida solo nel momento dell'eventuale vendita dell'immobile.
    Prima di questa ipotetica vendita, l'immobile è di proprietá esclusiva mia. Ovvero mi occuperei delle spese di manutenzione. Lo sfruttamento dell'immobile sarebbe però a mio esclusivo beneficio (e cosí gli introiti di un eventuale affitto).
    Questa situazione è stata concordata verbalmente.
    È possibile trasferirla in un atto legalmente valido? Se sí, come?
    Grazie.
    Cordiali saluti.
     
  2. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Un contratto di usufrutto.
     
  3. Eemanuele

    Eemanuele Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie ed è possibile un contratto di usufrutto a tempo indeterminato?
     
  4. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Si fino alla morte dell'usufruttuario.
     
  5. mwmb2

    mwmb2 Membro Junior

    Altro Professionista
    Buona soluzione.
    Non conosco la vostra situazione quindi per completezza tieni solo conto che alla morte dell'usufruttuario l'usufrutto si consolida con la nuda proprietà che è di tua sorella, quindi per capirci l'immobile alla tua morte sarà di tua sorella al 100% in piena proprietà. Non cadrà nella tua successione e se hai o dovessi avere figli non andrà a loro.
    Per contro la nuda proprietà di tua sorella cade in successione quindi se tua sorella dovesse avere figli o altri eredi oltre a te va ai suoi eredi, e a te rimarrebbe l'usufrutto fino alla tua morte e in quel momento accade sempre quello scritto sopra: si consolida con la nuda e non va ai tuoi eredi.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  6. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Usufrutto certamente ma attenzione.
    Tu sei già pieno proprietario di due terzi.
    Quindi per avere l'usufrutto completo tua sorella ti deve vendere o donare
    l'usufrutto del suo terzo.
    In questo caso avresti la piena disponibilità dell'immobile mentre tua sorella avrebbe la nuda proprietà di un terzo.
    In caso successivamente decideste di vendere regolerete la questione finanziaria
    secondo il patto verbale già concordato.
    In caso di tuo decesso (facciamo i dovuti scongiuri) tua sorella rimarrebbe sempre piena proprietaria di un terzo e non del 100% dell'immobile, come ti è stato erroneamente detto.
    I tuoi eventuali eredi sarebbero sempre proprietari di 2 terzi dato che l'usufrutto ceduto da tua sorella si consoliderebbe con la sua nuda proprietà
     
    A sarda81, Rosa1968, mwmb2 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  7. mwmb2

    mwmb2 Membro Junior

    Altro Professionista
    Hai ragione! Scusami...mi sono persa ho risposto dimenticandomi il quesito iniziale e ho valutato 100% usufrutto da una parte e 100% di nuda dall'altra, erroneamente. Grazie per la precisazione.
     
    A marcellogall e sarda81 piace questo messaggio.
  8. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Nulla da eccepire sulla liceità di tale patto. Ricordo, però, che i canoni di locazione dovranno, comunque, essere dichiarati (nel quadro RB del modello UNICO PF) da entrambi i titolari del diritto di proprietà sull’immobile, vale a dire da te e da tua sorella. Infatti, il co. 1 dell’art. 26 del DPR 917/1986 è chiaro nel sancire che i redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà o di altro diritto reale di godimento. Secondo il successivo co. 2, poi, in caso di contitolarità della proprietà, come nel caso di specie, il reddito fondiario concorre a formare il reddito complessivo di ciascun soggetto per la parte corrispondente al suo diritto. Tu, insieme con tua sorella, dovrete provvedere autonomamente, in relazione e in proporzione alle proprie quote di diritto sull’immobile posseduto (rispettivamente 66% e 33%), agli ordinari adempimenti dichiarativi e impositivi (imposte dirette e indirette): a nulla, rileva, in proposito che solo tu eventualmente sottoscriva il contratto di locazione dell’immobile posseduto in comproprietà e che riscuota o trattenga interamente il relativo canone (come da accordi verbali).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina