1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. lucabr

    lucabr Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno,

    avrei intenzione di dare in locazione (4+4) un immobile di mia proprietà e di applicare il regime della cedolare secca.

    Vi elenco brevemente i miei dubbi:

    1) Da quanto ho capito sussiste l'obbligo di allegare al contratto di locazione l'attestato di prestazione energetica (APE) e di prevedere una clausola nel contratto nel quale si dice che l'inquilino ha preso visione del certificato e che gliene è stata consegnata una copia. Io sono in possesso di un Attestato di certificazione energetica in corso di validità (redatto a dicembre 2011). Leggendo in giro mi sembra che possa allegare questo in luogo dell'APE... ma in questo caso, nella clausola contrattule cosa scrivo? Che l'inquilino ha ricevuto l'ACE o devo scrivere comunque APE? L'A.d.E. non mi ha saputo rispondere.

    2) Qualcuno sostiene che nel contratto di locazione occorra prevedere una clausola in cui si dice di optare per il regime di cedolare secca. L'A.d.E. oggi mi ha detto che non sussiste l'obbligo, ma nel caso in cui non lo scriva, dovrò mandare all'inquilino, prima della registrazione e prima della decorrenza del contratto, la raccomandata in cui dico di aderire alla cedolare secca e di rinunciare per la durata dell'opzione agli aumenti istat e contrattuali.
    Posso comunque mettere una clausola in cui dico che aderisco alla cedolare secca riservandomi la possibilità di cessare l'opzione per gli anni successivi con comunicazione tramite raccomandata con rievuta di ritorno? In questo caso posso omettere la comunicazione all'inquilino?

    3) Fermo restando la rinuncia agli aumenti per la durata della vigenza del regime di cedolare secca, posso comunque prevedere degli aumenti contrattuali da far valere nel caso decidessi di rinunciare all'opzione? Esempio: prevedo un'aumento di 100 euro dopo il 4 anno e lo faccio valere uscendo dal regime di cedolare nel quinto anno?

    4) Vorrei versare io le quote condominiali, facendomele rimborsare dall'inquilino.
    A questo proposito ho questi dubbi:

    *) Se nel contratto specifico separatamente, rispetto al canone, la cifra annua dovuta a titolo di rimborso oneri condominiali scrivendo "salvo conguaglio", cosa vuol dire? Che l'inquilino verserà mensilmente la quota dovuta e che potrò, a fine di ogni anno chiedergli ogni maggiore spesa chiesta dal condominio? In questo modo potrò chiedere anche ogni eventuale aumento condominiale che dovesse intervenire nel corso degli anni?

    *) Il condomino potrà versare il canone di locazione e le spese condominiali con un unico bonifico? In caso di accertamento posso dimostrare che il maggior importo versato dallinquilino rispetto al canone è dovuto al pagamento degli oneri condominiali semplicemente opponendo il contratto e i bollettini del condominio? Oppure i pagamenti devono essere effettuati separatamente (cosa che vorrei evitare)?

    Grazie.

     
  2. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Puoi inserire l'ACE e scrivere che alleghi appunto L'ACE.
    Ma visto i tanti dubbi perché non ti rivolgi direttamente ad un AI che ti redige contratto e ti inserisce le varie clausole senza rischio di sbagliare (considera che ne risponse in modo solidale) e ti cura anche il discorso della cedolare etc e ti completa la registrazione in modo telematico.
     
    A lucabr piace questo elemento.
  3. lucabr

    lucabr Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta. Diciamo che sono in una fase preliminare e mi piacerebbe saperne di più prima di chiedere aiuto. Cosa si intende per AI?

    Grazie.

    Luca.
     
  4. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Agente Immobiliare
     
    A lucabr piace questo elemento.
  5. lucabr

    lucabr Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie. Credo che lo farò... mi piacerebbe comunque conoscere il suo parere, naturalmente se ne avesse tempo e voglia, in merito alle questioni sollevate... vorrei avere meno dubbi possibili prima di prendere ogni decisioni. In particolare il quarto punto mi perplime parecchio!

    Grazie per la cortese disponibilità.
     
  6. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ti consiglio di specificare in due distinti bonifci i pagamenti. Ad evitare che l'AdE ti fzccia pagare sull'importo totale. È da vedere intanto che tipo di contratto si voglia compilare e registrare. 3+2 (concordato); 4+4 (libero); o transitorio (per il quale occore una determinata motivazione che lo giustifichi).
     
    A lucabr piace questo elemento.
  7. lucabr

    lucabr Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie ancora. Come dicevo il contratto è libero (4+4).
     
  8. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    ricorda di inserire anche la Classe energetica ed il valore P.E.
     
  9. lucabr

    lucabr Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie. Ma una volta che l'inquilino avesse versato quota condominiale e canone in un'unico bonifico, non mi sarebbe sufficiente, in caso di rilievo, mostrare i versamenti da me fatti al condominio e il contratto in cui sono riportati i due diversi importi?

    Gli operatori dell'A.d.E. sostenevano questo, mentre due Agenti Immobiliari e un rappresentante di un sindacato di piccoli proprietari avevano ciascuno una propria idea...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina