1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ugofoscolo

    ugofoscolo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Dato per scontato (ma non ne sarei così sicuro) che l'usufruttuario di un immobile (esempio: genitori) può stipulare un contratto di locazione senza dire niente al nudo proprietario (esempio: figlio, al quale serviva l'immobile), è lecito che in Agenzia Immobiliare durante la stipula si presenti al conduttore come proprietario e forse come tale (ma dovrei verificare) si firmi sul contratto?? Altra domanda: come può il nudo proprietario entrare in possesso di tale contratto? Chiedendolo all'Ag. delle Entrate? Grazie attendo risposta.
     
  2. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    USUFRUTTO significa USARE e SERBARE I FRUTTI.

    E' l'usufruttuario che DEVE stipulare il contratto ed è l'usufruttuario che RISCUOTE integralmente i canoni. Non deve necessariamente informare il nudo proprietario anche se potrebbe essere comunque eticamente corretto farlo.

    A tutti gli effetti l'usufruttuario è titolare di un diritto reale sull'immobile che non corrisponde alla piena proprietà, così come il nudo proprietario non è il pieno proprietario.

    Il nudo proprietario non è tenuto ad avere copia del contratto stipulato legittimamente trai contraenti.
     
    A Luna_ piace questo elemento.
  3. ugofoscolo

    ugofoscolo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ma se sul contratto l'usufruttuario si autodefinisce "proprietario" commette un illecito si o no?? Se si, può ricorrere l'ipotesi ex art. 1418 CC??
     
  4. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Puoi chiedere ad un legale. La locazione è un contratto che regola il rapporto tra due parti, inquilino e locatore, normalmente chi da in affitto un appartamento sul contratto si definisce locatore (e non proprietario) ma se anche si fosse definito in maniera errata con l'inquilino, questo ricadrebbe comunque nell'ambito dell'interesse contrattuale non avendo alcun effetto su terze parti.

    Direi che gli estremi della 1418 sono decisamente da escludere e l'eventuale errore, qualora venisse riscontrato, non avendo alcun tipo di impatto sul contratto, verrebbe considerato un semplice refuso.
     
    A Luna_ piace questo elemento.
  5. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Concordo con la precisa spiegazione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina