1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. simona17

    simona17 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti. Volevo informazioni sul mio caso:

    il figlio possiede la nuda proprietà di un terreno agricolo il cui usufruttuario è il padre del medesimo.
    Quanto può costare la cessione dell'usufrutto da padre a figlio?
    Grazie
     
  2. Kurt

    Kurt Membro Attivo

    Altro Professionista
    Dipende dall'atto che viene effettuato. Esso può essere:
    a) rinuncia (negozio unilaterale, con causa abdicativa);
    b) donazione dell'usufrutto (contratto bilaterale, con causa liberale, a forma vincolata);
    Interessante a tal proposito la sentenza della Cassazione del 10.01.2013 n. 482

    Comunque, ai sensi dell’art. 2643 del Codice civile, comma 1, numero 5, si devono trascrivere gli atti di rinuncia che abbiano ad oggetto i diritti reali su beni immobili mentre ai sensi del successivo art. 2657 co.civ. è previsto l’intervento del notaio per la trascrizione nei registri immobiliari dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata.

    - se per la rinuncia non è previsto un corrispettivo l’atto è gratuito e dunque soggetto alla disciplina dell’imposta di successione e donazione di cui al Dlgs 346/1990.
    In caso di rinuncia tra parenti in linea retta, l’aliquota è pari al 4% del valore dell’usufrutto, per il valore che oltrepassa la franchigia di un milione di euro;
    le imposte ipotecarie e catastali sono rispettivamente pari al 2% e all’1% del valore catastale dell’usufrutto (in questo caso non si applicano le previsioni prima casa).

    - se per la rinuncia è previsto un corrispettivo si devono applicare le imposte di registro.
    Kurt
     
    A Bastimento, Umberto Granducato e panetto piace questo elemento.
  3. luberto

    luberto Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Kurt, io e mia moglie abbiamo il 25% ciascuno di usufrutto su appartamento intestato a mio figlio - prima casa - Quindi lui ha piena proprietà sul 50% e nuda proprietà sull'altro 50%. Dopo aver letto quanto sopra, sono andato dal notaio che a suo tempo aveva stipulato l'atto di acquisto per conoscere il costo per la rinuncia a titolo gratuito del ns. diritto. Lui dice che si deve fare un atto pubblico e non scrittura privata autenticata (quindi avrei una parcella più alta). Inoltre mi dice che i costi sono comunque € 235 fissi per bolli, € 336 fisse per ipotecarie e altri € 336 per catastali (il doppio di € 168 poiché siamo due donanti).
    In particolare per la scrittura privata, può sostenere la sua impostazione?
    Ringrazio
     
  4. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Tieni presente chela durata del diritto di usufrutto , che venga donato, venduto, ceduto o altro, è legata alla vita del usufruttuario originario... inoltre il diritto di usufrutto si costituisce per contratto o per testamento, se costituito per contratto, ( contestuale o meno alla vendita ) questo è un atto pubblico e come tale ne ha i costi.
    Non esiste poter trasferire l'usufrutto con atto privato se non in disposizione testamentaria... Fabrizio

    P.S. La risposta alla tua domanda è si in Notaio ha ragione
     
    Ultima modifica: 8 Novembre 2013
  5. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ciao Fabrizio
    Sei proprio sicuro che non si possa fare con una scrittura privata autenticata e trascritta ??
     
  6. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Certo che si può fare, ma alla fine sempre atto pubblico è... per evitare di generare confusione e far credere ( come molti pensano ) che basta fare un contratto scritto e si cede l'usufrutto che ho preferito parlare di atto pubblico e testamento.
     
  7. Kurt

    Kurt Membro Attivo

    Altro Professionista
    Per quanto riguarda la donazione è atto che non può essere effettuato in forma di scrittura privata autenticata ma deve essere effettuato con atto solenne, cioè pubblico e intervento di testimoni, pena sua nullità (art. 48 L.notarile 13/1989). Quindi il notaio Ti ha dato indicazione corretta.
     
  8. luberto

    luberto Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ok ringrazio. Peraltro mi ha rettificato la spesa: i 168 € sono per ogni beneficiario e non per il n. dei donanti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina