1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ila1970

    ila1970 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ciao a tutti,
    nel 2009 in Emilia è venuta una pioggia torrenziale, irrefrenabile per quasi un'ora e mezza, un vero "nubifragio".
    Secondo "l'osservatorio Meteorologico dell'Università, in ottanta minuti sono caduti all'incirca 57,60 millimetri di pioggia con vento che aveva sfiorato i 100 km/h.
    L'evento atmosferico che aveva carattere eccezionale e poteva a tutti gli effetti considerarsi quale tempesta e bufera. In particolare, gli articoli del quotidiano locale evidenziano come la furia del vento abbia determinato lo sradicamento degli alberi e, di fatto, alluvionato tutto il territorio con conseguente allagamento dell'abitato".
    Nonostante ciò non credo sia stata dichiarata la calamità naturale. (Come fare per accertarmene?)
    Ebbene. A causa di questo diluvio fortissimo, gli scarichi del mio balcone all'ultimo piano, pur in perfetta efficienza e non intasati da foglie o altro, non sono riusciti a far defluire l'enorme quantità di pioggia che scendeva dal cielo (parliamo di decine di litri al minuto).
    L'acqua, trattenuta anche dal muretto del balconcino (non c'è una ringhiera, ma un muretto pieno) mi è entrata in casa dalla porta finestra (non è servito a nulla che fosse chiusa con la tapparella abbassata) e da lì, dopo aver allagato completamente il mio pavimento, è filtrata al piano di sotto.
    Preciso che la casa è del '35 e gli scarichi dei balconi non confluiscono in un tubo comune, ma sono "autonomi": sono 2 tubi di circa 7 cm di diametro, posizionati negli angoli inferiori esrerni dei balconi, che "affacciano" nel vuoto, terminando 30 cm fuori dal balcone stesso.
    Quando piove, la pendenza del pavimento del balcone porta l'acqua verso i tubi, che la scaricano all'esterno nel vuoto senza dare fastidio.
    Purtroppo a maggio del 2009 non è successo così.
    Vista la "straordinarietà" dell'evento naturale, l'accordo con la proprietaria del piano di sotto era che ognuna pagasse i propri danni.
    Ora, invece, mi ha presentato il preventivo fatto al tempo per il tinteggio del suo soffitto chiedendomi il pagamento dei danni.
    Alla luce di quanto sopra, devo pagare io i danni alla proprietaria del piano di sotto o, vista la situazione eccezionale e non essendo imputabile a me la colpa, si considera pari e patta?
    A mio avviso, pago i danni se questi sono dovuti a mia incuria di qualsiasi genere, ma cosa avrei potuto fare contro decine di secchiate di acqua al minuto?
    Probabilmente si può forse dire che gli scarichi sono "sottodimensionati", specie rispetto al diluvio che è venuto. Ma anche in questo caso, cosa c'entrerei io con il sottodimensionamento degli scarichi di un edificio del '35?
    Grazie per ogni vostro parere/consiglio.
     
  2. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Se i rapporti con il tuo vicino di casa sono stati sempre buoni e quindi non si ravvedono scuse per approfittarsi di te e per evitare spese legali che andrebbero a costarti di più, rivolgiti ad un mediatore legale, magari alla IFOAP se esiste una sede nella tua zona e prova una conciliazione legale . In questo modo eviterai di rovinare i rapporti con il tuo vicino, tanti soldi in più da pagare ad un avvocato ed anni di stress.:) Anna
     
  3. ila1970

    ila1970 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ecco.... proprio qui sta il problema.....
     
  4. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Se i rapporti non sono buoni, penso tu non abbia alternative se non quella che ti ho già su suggerito poiché ritengo che nessuno ti darà aiuto gratuitamente. Dovresti adire legalmente ed ecco che tentare una mediazione legale che signica che tu nemmeno lo dovrai incontrare ma sarà un avvocato soltanto che gestirà il tutto per un accordo e qualora rifiutasse l'accordo avresti dalla tua parte una vittoria che ti potrà favorire qualora fossi costretto ad una causa civile.
    Un tentativo di conciliazione ti costerebbe molto meno. Anna
     
  5. ila1970

    ila1970 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ok ma il punto secondo me è se io devo o non devo pagare questi danni che sono:
    - avvenuti nel 2009 e quindi forse già prescritti (si prescrivono in 5 o 10 anni?)
    - avvenuti non per causa mia, ma per cause atmosferiche eccezionali abbinate al sottodimensionamento dei tubi di scarico da parte del costruttore dell'edificio...
    secondo me, la mia vicina questi danni, se non sono già prescritti, li deve andare a chiedere al costruttore della casa, non a me...
     
  6. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    A tutto questo potrà risponderti solo chi conosce le Leggi e vede il tutto della situazione, mi spiace.
     
  7. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Ti hanno presentato un preventivo del 2009 !?!
    Io finché non vedo la fattura (immagino del 2009) neanche gli rispondo.

    I preventivi li considero alla stregua degli oroscopi, qualcuno che ci crede lo trovi sempre..
     
    A dormiente, Bastimento, alessandro66 e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  8. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    tempo addietro a fronte di una tromba d'aria, dal balcone di una conoscente è volato via un tavolino di ferro battuto che si è schiantato sul cofano di un'auto.

    la proprietaria dell'immobile pagò la riparazione e si rifece sulla sua assicurazione che però non rimborsò.
    La motivazione fu che questo chi subisce questo tipo di sinistri, non causati da negligenza, non ha diritto a rimborso.

    ti confesso che non ho approfondito
     
  9. ila1970

    ila1970 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    In questo caso effettivamente la proprietaria avrebbe potuto tirar dentro il tavolino. Per cui un minimo di negligenza (ma veramente un minimo!) si potrebbe intravvedere. Ma nel mio caso (ok, forse non sono completamente neutrale) non vedo nemmeno quel "minimo". Però prima di rispondere "cara vicina, ognun per sé..." preferivo qualche altro parere che supportasse il mio...
     
  10. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    appunto. see nel "mio" caso, nonostante la negligenza (lieve ma dimostrabile) c'erano gli estremi per non rimborsare il danno, a maggior ragione nel tuo...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina