1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. daci

    daci Membro Junior

    Altro Professionista
    Buongiorno ed un saluto a tutti.
    Premetto che ho effettuato una ricerca sia on line che su questo, davvero ricco, sito, senza riuscire a trovare una risposta.
    Ho acquistato un immobile all'asta ed ai fini ICI e pagamento arretrati condominio ho il dubbio su quale delle seguenti tre date sono diventato proprietario:
    Data Decreto Trasferimento firmata dal Giudice
    Data Registrazione
    Data Trascrizione
    Il dubbio non e' puramente accademico in quanto la prima data e' il 23/12/2011, le altre due a gennaio 2012.
    Son diventato proprietario nel 2011 o 2012?

    Un cordiale saluto ed un grazie a chi volesse delucidarmi
    Antonio D'Acierno
     
  2. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    Sei proprietario dalla data del decreto di trasferimento. Il decreto di trasferimento è paragonabile al rogito notarile. Ai fini ICI, non credo avrai problemi. Per le spese di condominio sì; perché dovrai pagare anno in corso e anno precedente, quindi 2011 e 2010.
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  3. jacopoge

    jacopoge Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    E' questa.
     
  4. daci

    daci Membro Junior

    Altro Professionista
    Innanzitutto grazie per le risposte.
    Mi son preso qualche giorno per rispondere per poter chiedere direttamente a chi con i Decreti di Trasferimento ci lavora.
    Sia il custode (avvocato) che il Cancelliere firmatario (avvocato) mi hanno assicurato che la data che fa fede e' almeno quella di registrazione, in quanto prima di allora non si e' ancora proprietari.
    Cosa ne pensate?
    Saluti
     
  5. jacopoge

    jacopoge Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    la registrazione serve per la liquidazione delle imposte. E la trascrizione rende l'atto opponibile ai terzi, ma la data di trasferimento della proprietà è quella del decreto di trasferimento. così mi insegnarono.
     
  6. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    art. 586 c.p.c. Trasferimento del bene espropriato

    Avvenuto il versamento del prezzo, il giudice dell’esecuzione puo’ sospendere la vendita quando ritiene che il prezzo offerto sia notevolmente inferiore a quello giusto, ovvero pronunciare decreto col quale trasferisce all’aggiudicatario il bene espropriato, ripetendo la descrizione contenuta nell’ordinanza che dispone la vendita e ordinando che si cancellino le trascrizioni dei pignoramenti e le iscrizioni ipotecarie, se queste ultime non si riferiscono ad obbligazioni assuntesi dall’aggiudicatario a norma dell’articolo 508 (1).
    Il decreto contiene altresi’ l’ingiunzione al debitore o al custode di rilasciare l’immobile venduto.
    Esso costituisce titolo per la trascrizione della vendita sui libri fondiari e titolo esecutivo per il rilascio.
    (1) Comma cosi’ modificato dall’art. 19 bis, D.L. 13 maggio 1991, n. 152.


    da http://www.studiomiglio.com/LinkClick.aspx?fileticket=bbRfSIiaIWg=&tabid=56&mid=411 :
    Quando si verifica l’effetto traslativo della proprietà ?
    La dottrina ha dibattuto a lungo per individuare il momento in cui si verifica l’effetto traslativo della proprietà. Secondo la giurisprudenza di legittimità l’acquisto della proprietà avviene al momento della emanazione del decreto di trasferimento. Principalmente si fa leva sul 1° e 3° comma dell’art. 586 c.p.c. che prevedono espressamente il trasferimento solo con decreto di Trasferimento, il quale sarà, quindi, l’unico atto a dover essere trascritto. Secondo una diversa corrente di pensiero il trasferimento si realizzerebbe con il saldo prezzo considerando il disposto dell’art. 586 c.p.c. come se si riferisse solo al trasferimento del bene ma non del diritto. Il diritto si trasferirebbe, e quindi l’effetto traslativo avverrebbe nel momento in cui il bene è liberato dal pignoramento. Se però pensiamo che l’effetto purgativo delle trascrizioni e delle iscrizioni gravanti sul bene si ha solo tramite l’ordine contenuto nel decreto di trasferimento, ci rendiamo conto della bontà della tesi della giurisprudenza di legittimità.

    Il Giudice dell’esecuzione ai sensi del suddetto articolo ha il potere di sospendere la vendita “quando ritiene che il prezzo offerto sia notevolmente inferiore a quello giusto”. Ora, senza incardinare il discorso sulla motivazione che ha introdotto la norma, la Corte di Cassazione ha affermato che il potere di sospensione del giudice può essere esercitato, anche dopo il versamento del prezzo, sino alla emanazione del decreto di trasferimento (Cass. 1580/1989; Cass. 1209/1992; Cass. 7453/1993), anche nella ipotesi prevista dall'art. 586 c.p.c. la individuazione del termine finale per la emissione del provvedimento di sospensione deve porsi nell'emanazione del decreto di trasferimento del bene espropriato, non potendosi attribuire efficacia traslativa né all'ordinanza di aggiudicazione, che è provvedimento privo di decisorietà e di definitività data la possibile sua successiva caducazione (Cass. 7139/1997); né al deposito del prezzo in cancelleria da parte dell'aggiudicatario. La norma deve ritenersi a riguardo non equivoca, dato che l'alternativa offerta al giudice dell'esecuzione è quella tra sospensione della vendita e pronuncia del decreto di trasferimento del bene espropriato. La suddetta interpretazione della norma, inoltre, è quella che questa Corte ha già adottato, affermando che la sospensione dell'art. 586 c.p.c. trova applicazione sino a quando non sia intervenuto il decreto di trasferimento del bene espropriato, dal quale soltanto deriva l'effetto traslativo.
    A seguito della sospensione della vendita e della conseguente fissazione di nuovi incanti a prezzo maggiorato il Giudice dispone la restituzione delle somme versate dagli aggiudicatari comprensive degli interessi maturati sul conto corrente dell’esecuzione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina