1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Leeka

    Leeka Ospite

    Se dopo la stipula del compromesso il promittente acquirente muore, lasciando tre figli minori che verrebbero affidati all'ex coniuge (divorziato), il contratto di compromesso decade? o i figli eredi (e quindi il genitore affidatario) diventano obbligati nei confronti del venditore? Capisco che è una domanda un po' macabra:shock:ma il dubbio nella mia situazione è legittimo...
     
  2. Il Mattone

    Il Mattone Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Diciamo che hanno il diritto di proseguire nell'acquisto al posto del defunto, ovviamente, in caso di minori, col benestare del Tribunale dei Minori. Se non vogliono, perdono la caparra.
     
  3. Leeka

    Leeka Ospite

    Pensavo che un compromesso (non una proposta d'acquisto...) avesse già valore di contratto e che quindi, volenti o nolenti, gli "eredi" potessero essere obbligati all'acquisto al quale si era impegnato il defunto.
     
  4. Il Mattone

    Il Mattone Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Si, infatti lo sono: se non vogliono procedere con l'acquisto, perdono la caparra, salva la facoltà del venditore di restituire la caparra e chiedere un maggiore danno tramite avvocati, ricorrendo in giudizio. Anche se questa strada è abbastanza rischiosa e lunga.
    Gli eredi hanno gli stessi obblighi del defunto: lui si era impegnato ad acquistare versando una caparra. Se non avesse concluso la vendita, sarebbe diventato inadempiente e avrebbe perso la stessa caparra versata. Lo stesso vale per gli eredi. L'unica differenza è che, essendo minori, il Tribunale dei minori ci mette sempre lo zampino.
    Ti faccio un esempio che, mio malgrado, ho visto in famiglia.:triste:
    Mio zio e mia zia hanno fatto un Preliminare per l'acquisto in comunione di un immobile. Tra il Preliminare e il Rogito mio zio, ammalatosi di un tumore ai polmoni, è deceduto. Prima di rogitare, mia zia e mio cugino (che all'epoca aveva 16 anni) hanno dovuto attendere 10 mesi che il Tribunale dei minori lasciasse un nulla osta necessario per permettere a mio cugino di diventare, anche se minorenne, cointestatario della casa.
     
  5. Leeka

    Leeka Ospite

    Grazie, capito!
     
  6. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    ragionevolmente sì però... hanno la possibilità di acquistare? perchè seppur il contratto preliminare in sè legittimi sia compratore che venditore ad agire per l'esecuzione in forma specifica (sentenza al posto di rogito) nei fatti è generalmente il compratore ad agire in tal senso quando il venditore non vuol più vendere.
    quando è il compratore a dichiarare di non voler comprare, spesso è per impossibilità economica a farlo e ciò fa perdere al venditore qualsiasi interesse nei suoi confronti...
     
    A acquirente piace questo elemento.
  7. Leonardo Raso

    Leonardo Raso Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Secondo me gli eredi (i figli minori con la tutelda del Giudice dei Minori) hanno solo la facoltà di decidere se proseguire o meno nel contratto. In caso di rifiuto a portar avanti la compravendita, il Venditore ha l'obbligo di restituire la caparra confirmatoria percepita in base alle norme sull'arricchimento indebito.
     
  8. Leeka

    Leeka Ospite

    E perchè dovrebbe restituire la caparra? Sarebbe il compratore (nella figura degli eredi tutelati dal giudice) a rinunciare all'acquisto.
     
  9. Leonardo Raso

    Leonardo Raso Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Non rinuncia, muore.
     
    A Il Mattone piace questo elemento.
  10. Leeka

    Leeka Ospite

    Si si... infatti dicevo nella persona degli eredi minori tutelati dal giudice ma affidati all'ex coniuge....
     
  11. Leonardo Raso

    Leonardo Raso Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    loro non hanno assunto alcuna obbligazione nei confronti del venditore, il quale, a seguito del decesso si troverebbe "arricchito" senza causa, non essendo stato possibile giungere alla conclusione del contratto definitivo non perchè ci sia stato un inadempimento dell'acquirente, ma perchè quest'ultimo, essendo venuto a mancare, non ha potuto procedere all'acquisto (immagina il caso del padre di famiglia unico produttore di reddito che voleva richiedere mutuo alla banca ed è morto, come lo comprano la casa gli eredi?). Se invece gli eredi hanno i fondi e la volontà di proseguire nel contratto, il venditore venderebbe a questi che interverrebbero al posto del de cujus.
     
    A Leeka piace questo elemento.
  12. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    vero ma ereditando subentrano nei rapporti attivi e passivi... mi auguro che in qs caso, essendo coinvolti minorenni, il venditore si metta una mano sulla coscienza..
     
    A Claudia... piace questo elemento.
  13. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Gli eredi, ereditano solo se accettano l'eredità. Quindi se non gli conviene, possono anche rinunciarci.
     
    A Claudia... piace questo elemento.
  14. Leonardo Raso

    Leonardo Raso Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Secondo me in questo caso si applica l'art. 2041 C.C. In base al quale una delle due parti di un contratto non può avere un arricchimento senza causa. Se l'altra parte muore prima del rogito o gli eredi dichiarano di voler concludere loro il contratto definitivo ovvero se non vogliono il venditore che ha ricevuto la caparra deve restituirla. :p
     
  15. Il Mattone

    Il Mattone Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Si, ma se rinunciano perdono anche la caparra versata dal defunto.

    Non mi torna proprio...
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  16. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    qs senz'altro. il punto è che può essere conveniente accettare l'eredità ma che nn abbiano interesse di acquistare l'immobile e concludere il contratto. intendevo dire che, giuridicamente, mi par difficile sostenere che "loro non hanno assunto nessuna obbligazione nei confronti del venditore" e che quindi possono ereditare e semplicemente, a costo zero, non essere vincolati al preliminare.. il punto è che o sei erede o nn lo sei...
    anche perchè se le parti fossero state invertite? nel senso se, concluso un preliminare di vendita, moriva il promittente venditore ben avrebbe potuto il promissario acquirente agire ex artl 2932 c.c. nei confronti degli eredi (posta l'accettazione dell'eredità) per ottenere la sentenza sostitutiva del rogito. e gli eredi sarebbero stati vincolati, eccome!

    :ok:
     
    A Il Mattone piace questo elemento.
  17. Leonardo Raso

    Leonardo Raso Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Anche nel caso di morte del promittente venditore prima del rogito, sempre se i suoi eredi non intendono vendere l'immobile già compromesso in vendita, secondo me si dovrebbe procedere alla restituzione della caparra confirmatoria ed il contratto sarebbe sciolto dall'intervenuta morte di una delle parti. Non c'è inadempimento, c'è la morte dell'acquirente.

    Se un pittore ha ricevuto e. 20.000 di acconto (su un totale di euro 100.000 di lavori previsti in un contratto) per ridipingere le pareti di un museo e se il pittore muore prima di iniziare ogni attività, ad esempio mentre si reca ad ordinare le vernici, che fanno gli eredi? Sono obbligati a dipingere le pareti del museo al posto del defunto? Se sono pittori potrebbero anche decidere di farlo, sempre che al committente andasse bene, ma se non sanno neanche tenere una matita in mano? In tal caso gli eredi dovrebbero restituire l'importo ricevuto dal committente per l'inizio dei lavori mai effettuati. Secondo me anche nel caso di compromesso, potrebbe valere la stessa cosa, ossia se gli eredi del defunto decidono di proseguire nel contratto, tutto è più semplice, altrimenti chi si è arricchito senza la conclusione del contratto, dovrebbe restituire la prestazione ricevuta dalla parte deceduta (nel nostro caso la caparra ricevuta).
     
  18. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    mentre se al posto che un museo doveva dipigere un'abitaizone ed il proprietario muore secondo te il pittore nn insiste x andare a verniciare ugualmente? o secondo te se aveva ordinato una macchina gli eredi nn sono obbligati a comprarla?
     
  19. Il Mattone

    Il Mattone Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Forse non sono obbligati a comprare la macchina, ma il concessionario non ha l'obbligo di restituire la caparra versata.
     
  20. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    credo anche io... del resto il venditore che colpa ha se l'acquirente è deceduto?

    secondo me infatt gli eredi possono non acquistare, ma il prezzo del loro recesso è la caparra.. poi magari nel caso in esame il venditore si mette la mano sulla coscienza e pur avendo giuridicamente diritto a ritenere la caparra, lascia perdere visto che sono coinvolti dei minori..
     
    A Umberto Granducato e Il Mattone piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina