• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

andreafa

Membro Attivo
Privato Cittadino
Domani in assemblea si voterà una delibera nella quale il proprietario di un appartamento al piano terra (ex fondo in procinto di essere convertito) chiede che tutti i proprietari partecipino alle spese della realizzazione della fossa biologica alla quale poi attaccare gli scarichi ora a perdere e bonificare il pozzo a dispersione.

Senza fosse biologiche niente conversione e con l'occasione viene imposto che il condominio si allacci.

Ho sentito gli altri condomini e la maggior parte non vuole pagare i lavori per la propria quota e il proprietario dell'ex fondo minaccia di fare causa a coloro che, votando no, bocciano la delibera.

Secondo me la causa dovrebbe intentarla verso tutto il condomino, quindi anche a se stesso quale condomino e anche a me che voto a suo favore.
L'amministratore se ne lava le mani.

Chi ha ragione?

Grazie...
 

Dalila_1

Membro Junior
Privato Cittadino
Se è una questione sulla quale deve deliberare la maggioranza condominiale, che causa vuole fare??
 

angy2015

Membro Attivo
Professionista
a volte occorre la delibera condominiale anche per cose che sarebbero un semplice diritto di un condomino, perchè non contrastano con i diritti degli altri ad esempio e non sono vietate dai vari regolamenti.
In certi casi il consenso dell'assemblea è un atto dovuto e se negato potrebbe giustificare un'azione legale da parte del condomino a cui è stato negato quello che sarebbe un suo diritto. Come andrebbe a finire la causa è incerto visto come funziona la giustizia in Italia e questo vale anche per la ripartizione delle spese legali in caso di soccombenza del condominio.
 

andreafa

Membro Attivo
Privato Cittadino
Il proprietario del fondo è determinato. Da un punto di vista logico e formale ha, per il mio modesto parere, ragione e mi ha detto che in caso di rifiuto da parte del condominio oppure di ulteriori ritardi che possono precludergli la conversione, e quindi l'utilizzo del bene, partirà lo stesso con i lavori farà allacciare gli scarichi condominiali non a norma e, successivamente, chiederà il rimborso delle spese.
A me è sembrato tranquillo, suo fratello è avvocato e mi ha fatto sapere che pur non avendo la sfera di cristallo le motivazioni per ottenere "soddisfazione" (parole sue) in mediazione oppure in tribunale ci sono tutte...
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Non sarei così convinta che il cambio di destinazione d’uso sia un diritto, se non ci sono le condizioni per ottenerlo, e che si possa obbligare il condominio a sostenere una spesa per questo.
A meno che la situazione attuale degli scarichi non sia fuori norma, a prescindere dalle esigenze del proprietario del locale commerciale.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Da un mio punto di vista esterno, anche io vedrei il tutto come un sua personale esigenza che vorrebbe far passare per adempimenti di norma.
Anche se fossero adempimenti di norma lui non può assumere iniziative personali
successivamente, chiederà il rimborso delle spese.
in questo viene d'aiuto il 1134 del codice
" Art. 1134. Gestione di iniziativa individuale
((Il condòmino che ha assunto la gestione delle parti comuni senza autorizzazione dell'amministratore o dell'assemblea non ha diritto al rimborso, salvo che si tratti di spesa urgente))."


quindi solo se si tratta di spesa urgente.
 

andreafa

Membro Attivo
Privato Cittadino
Le condizioni sono quelle della realizzazione del bagno che lui farà con o senza consenso dell'assemblea salvo richiedere il rimborso delle spese sostenute.
Mi ricordo che nell'incontro che ci fu qualche settimana fa disse che l'allaccio immediato durante i lavori avrebbe permesso di non distruggere i pavimenti appena posati.
C'è da dire, poi, che il pozzo nel quale sversa il condominio è proprio sotto quello che dovrà diventare un appartamento.
Sugli scarichi a norma, da quello che ho capito e mi ricordo, lo sono fino a quando il
Comune, o chi per lui, non interviene e fa mettere in regola ma qui si parla di un paesino dove si sono messi in regola solo quelli che hanno avuto situazioni simili.
L'interessato dice che praticamente il Comune costringe solo se ci sono situazioni come quelle attuali dove si deve fare un wc, non si può più sversare nel terreno ma fare la fossa biologica.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
C'è da dire, poi, che il pozzo nel quale sversa il condominio è proprio sotto quello che dovrà diventare un appartamento.
e credo che questo qualifica la situazione sotto altri aspetti.
vi è in essere una palese servitù condominiale sulla sua proprietà ......che ovviamente vuol spostare in una zona comune.
ebbene spostare la servitù, è onere a carico di chi la subisce .....anche questo è regolato dal codice civile > al momento non ricordo di quale articolo.
ma è chiaramente un suo onere
 
Ultima modifica:

andreafa

Membro Attivo
Privato Cittadino
Interessante...
In realtà la fossa biologica la costruirebbe sulla strada con un pozzetto, credo, sul marciapiede (o sulla strada stessa non me lo ricordo...).
Ma diciamo che alla fine ci salviamo perché lui sposta a sue spese la servitù allacciando gli scarichi del condominio e, quando non riceve il rimborso richiesto, ci fa causa e la perde...
Che cosa succede della gestione della fossa biologica e delle tubazioni?
Ci sarà da fare lo spurgo, lo paga lui anche se alla fine ci scarichiamo tutti?
Egoisticamente sarei particolarmente felice ma mi sembrerebbe un po' strano...
 
Ultima modifica:

marcanto

Membro Attivo
Professionista
in che senso " la costruirebbe sulla strada "
per strada ti riferisci comunque ad uno spazio comune condominiale.

per la manutenzione etcc
anche se agisce secondo l'indicato
Art. 1134. Gestione di iniziativa individuale
resterebbe poi parte comune del condominio, quindi alla manutenzione partecipa il condominio, come per tutte le parti comuni.
in parole povere non diviene una sua proprietà privata.
 

andreafa

Membro Attivo
Privato Cittadino
Nel senso che non ci sono corti, o la fa in casa o la fa in strada e dato che deve smantellare tutto per rifare l'appartamento porterebbe la fossa in strada (pedonale) o almeno questo è quello che ha detto, o quello che mi sembra di aver capito.
Lui, pur facendo i lavori, non vuole la proprietà ed è per questo che vuole noi condomini a partecipare...
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Sembra che tu stia facendo il gioco delle 3 carte: ore dici una cosa, ora ne dici alta, ore scrivi in questo forum, ore scrivi in altro forum, qua dai delle indicazioni mentre la' non ne dai oppure viceversa.
 

andreafa

Membro Attivo
Privato Cittadino
ore dici una cosa, ora ne dici alta,.
Non ti seguo? In quale contesto? Quale cosa ho detto e poi ritrattato o modificato?

ore scrivi in questo forum, ore scrivi in altro forum
Ma è vietato? Non ho volutamente messo link agli altri due forum dove ho posto l'identica domanda perché non credo che linkare a forum concorrenti, che campano grazie alla passione con l'aiuto di qualche annuncio di Google, sia ben corretto e tollerato (e mi sembrerebbe giusto).

qua dai delle indicazioni mentre la' non ne dai oppure viceversa.
In che senso? Ogni discussione aperta segue un differente filo logico in base a come questa si sviluppa.

Per chi fosse interessato comunico che la riunione straordinaria che dovevano fare non si è tenuta perché i contrari, la maggioranza, non si sono presentati.
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Puoi partecipare tranquillamente a tutti i forum che vuoi, senza problemi.
Ci mancherebbe.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Puoi partecipare tranquillamente a tutti i forum che vuoi, senza problemi.
Ci mancherebbe.
diciamo che è una risposta o intervento da membro dello staff, quindi risposta di parte.
occorrerebbe essere obbiettivi.

in qualità di partecipante a questa discussione, io mi sento preso per il naso in quanto non si ha fiducia ne di quanto gli viene indicato qui, ne di quello che gli è stato indicato nell'altro forum !!!!
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Per chi fosse interessato comunico che la riunione straordinaria che dovevano fare non si è tenuta perché i contrari, la maggioranza, non si sono presentati.
Continuo a ritenere che fare un bagno dove non c'è non sia un diritto assoluto ; se non si può , per motivi urbanistici o condominiali, non si fa.
Non tutto quello che si desidera fare è possibile, e mi pare che le soluzioni prospettate dall'avvocato siano quantomeno azzardate.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno volevo chiedervi se e' possibile accedere in una compravendita tra srl e privato in cui il privato acquista un locale commerciale pagare l imposta di registro al 4% e non al 9% grazie a tutti
Salve, ho comprato una casa in asta e c’erano DIFFORMITÀ CATASTÒ k posso sanare con 1800 euro. Ho parlato con un geometro e mi ha detto k la spesa e di 10000 euro ....E possibile k la cifra detta nella perizia del tribunale e così poco o mio geometro k nn ha capito bene la situazione...
Grz mille chi mi da la risposta
Alto