1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. leonardo52

    leonardo52 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    ho questo problema. Ho installato un vetro blindato ad una finestra di casa mia. Questo intervento è ammesso alla detrazione fiscale del 50% in quanto ha per scopo di "impedire o ridurre reati". Fin qui tutto pacifico. Questo intervento non comporta nessuna informativa al Comune, nè autorizzazione, nè DIA. Con la precedente normativa per gli interventi di questo tipo, occorreva mandare una raccomandata al Centro Operativo di Pescara dell'Agenzia delle Entrate. Adesso, per "semplificare" le cose, questa raccomandata è stata abolita. Ma era troppo semplice. E' intervenuta una circolare di Befera che dice che in questi casi dobbiamo fare un'autocertificazione sostitutiva di atto notorio. E qui vado in crisi Che cavolo è questo atto notorio? il Comune mi ha detto che se voglio farlo da loro, devo mettere obbligatoriamente una marca di bollo da 14, qualcosa. Non è per il bollo, ma mi chiedevo se posso fare una dichiarazione io stesso, ma poi non so se devo spedirla a qualcuno o tenerla a disposizione in caso di verifica da parte dell'Agenzia delle entrate. Qualcuno sa darmi una mano?
     
  2. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Il contribuente deve predisporre e conservare una dichiarazione sostitutiva d’atto notorio ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000, con allegata fotocopia di un documento di riconoscimento, in cui sia indicata la data di inizio dei lavori ed attestata la circostanza che gli interventi realizzati rientrano tra quelli agevolabili, sebbene non necessitino di alcun titolo abilitativo ai sensi della normativa edilizia vigente.

    La firma in calce al modello non deve essere autenticata ne deve essere obbligatoriamente apposta in presenza dell'impiegato o funzionario che deve ricevere la dichiarazione.
    La Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà non è soggetta ad imposta di bollo ai sensi dell'art. 37, comma 1, del DPR 445/2000.


    DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO
    Ai sensi e per gli effetti dell’art. 47 del DPR n. 445/2000, sotto la propria responsabilità il/la sottoscritto/a................................., nato/a il................, a…........................, residente in……............., Via/Piazza..................... codice fiscale........................, consapevole delle sanzioni civili e penali previste dall’art. 76, DPR n. 445/2000 in caso di dichiarazioni mendaci e della decadenza dei benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base di dichiarazioni non veritiere di cui all’art. 75, DPR n. 445/2000,
    DICHIARA
    con riferimento alla unità immobiliare di categoria catastale ……, ubicata nel Comune di ……………….,in via …………………… n. …, codice catastale. .… foglio ……, particella ……, sub. ……,

    - che sono state sostenute spese per interventi di ____________________________

    iniziati in data ___________________

    - che gli interventi realizzati rientrano tra quelli agevolabili ai sensi della legge 449/1997 e successive proroghe e integrazioni sebbene non necessitino di alcun titolo abilitativo ai sensi della normativa edilizia vigente.

    Si allega fotocopia del documento d’identità valido.

    Data _________ Firma _______________________

    Autocertificazione da conservare in caso di interventi che non richiedono abilitazioni amministrative

    (fonte mod.: http://www.confartigianatofvg.it/cms/menu/id/21/page/372/)
     
    A m.barelli, Bastimento, Bruno Sulis e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  3. leonardo52

    leonardo52 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    grazie mille
     
  4. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Di nulla!
     
    A Elena e Rosa1968 piace questo messaggio.
  5. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Anche se gli interventi non necessitano di titolo abilitativo, la comunicazione ex art. 6 c. 2 DPR 380/2001, necessita sempre per la manutenzione straordinaria.
     
  6. dragstar

    dragstar Membro Junior

    Privato Cittadino
    io devo fare:
    rifacimento bagno
    impianto elettrico
    infissi e tapparelle..
    climatizzatori
    caldaia

    per tutte queste serve la dichiarazione?
     
  7. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Dipende da quali attività devi fare...cmq

    - Bagno - detrazione 50%
    http://www.immobilio.it/threads/ristrutturazione-bagno.28566/#post-332753
    - Infissi e tapparelle, impianto elettrico - detrazione 50%

    E' tutta in attività libera > Atto notorio
    http://www.immobilio.it/threads/det...za-autorizzazione-comunale.28516/#post-331160

    - Climatizzatori e caldaia se fai il 65% (che se segue tutto un iter differente)
    http://www.immobilio.it/threads/ins...5-per-risparmio-energetico.28590/#post-333267
     
  8. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    LA possibilità di detrazione, a meno che non si tratti di opere su parti condominiale, per le quali è sufficiente anche la manutenzione ordinaria, è prevista solo da quella STRAORDINARIA in poi. Per questa categoria di intervento, non è necessario il rilascio di un titolo edilizio da parte del Comune, a meno che non ci si trovi in presenza di vincoli (ambientali, storici, ecc.). Questo non significa che non si debba redigere la pratica edilizia, che si chiami CIL (in assenza di opere strutturali) o SCIA (per opere più "pesanti"). In definitiva, dalla manutenzione STRAORDINARIA in poi (restauro, ristrutturazione edilizia, ecc.) è SEMPRE necessaria la presentazione di una pratica edilizia, anche se il Comune non rilascia niente. L'attività "libera" è solo per la manutenzione ORDINARIA, sempre che non vi siano modifiche all'aspetto esteriore degli immobili e fatti salvi gli adempimenti sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  9. cucuro

    cucuro Membro Attivo

    Privato Cittadino


    Ma questa dichiarazione, deve essere mandata all'agenzia delle entrate?
     
  10. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    No, ti serve per la dichiarazione dei redditi che farai nel 2014 inerente al 2013.
    Il contribuente deve predisporre e conservare una dichiarazione sostitutiva d’atto notorio ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000, con allegata fotocopia di un documento di riconoscimento, in cui sia indicata la data di inizio dei lavori ed attestata la circostanza che gli interventi realizzati rientrano tra quelli agevolabili, sebbene non necessitino di alcun titolo abilitativo ai sensi della normativa edilizia vigente.
     
  11. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Una dichiarazione mendace comporta sanzioni PENALI.
     
  12. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Chiaro... solitamente non andrebbe dichiarato quello che non corrisponde alla realtà.
     
  13. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Appunto: se la manutenzione straordinaria comporta la redazione di SCIA o la CIL, non si può dichiarare l'assenza della necessità di titoli abilitativi.
     
  14. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Abbi pazienza ma nei miei post ho sempre indicato quali sono le attività che non hanno necessità, indicando un sito dove sono indicate le attività e di cosa necessitano e facendo presente cmq che bisogna anche guardare le normativa comunale...
    Quindi questo vale solo per quelle in libera attività... e cucuro non fa manutenzione straordinaria perché è tutta gente che fa il minimo per avere il Bonus Mobili.
     
    Ultima modifica: 30 Settembre 2013
  15. cucuro

    cucuro Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Centrato!!!
     
  16. leonardo52

    leonardo52 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Tutte queste norme che prevedono la detrazione al 50% dall'IRPEF (dalla manutenzione straordinaria, agli elettodomestici), su quali immobili possono essere fatte? Solo sulle abitazioni o anche sui locali non abitabili, tipo cantine, garage, soffitte NON PERTINENZIALI?
    Faccio un esempio, per capirci: se ho un sottotetto non abitabile in un condominio in cui non ho altri alloggi (e che pertanto NON è pertinenza) , se cambio la serratura con una di sicurezza, oppure metto un dispositivo di allarme, oppure delle inferriate alle finestre, posso poi comprare i mobili e gli elettrodomestici con la destazione?
    Che ne pensate?
     
  17. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    A
    Appunto, se non fai almeno la manutenzione straordinaria, non hai diritto alla detrazione, a meno che le opere siano condominiali, quindi la CIL/SCIA ci vuole sempre...
     
  18. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Non vero hai diritto alle detrazioni per tutte le spese relative agli interventi di cui all'articolo 16-bis dpr 917/1986 Detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici di cui la manutenzione straordinaria e' uno dei casi.

    Ad esempio alla lettera f del comma 1 del 16-bis dpr 917/1986
    f) relativi all'adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi;

    Se cambio la porta blindata ho diritto alla detrazione.
    E' chiaro che non devo fare una CIL/SCIA per fare questo lavoro.
    In quel caso basta fare un'autocertificazione che attesti l'inizio dei lavori e tenerla a disposizione dell'agenzia delle entrate.
     
    A cucuro e ludovica83 piace questo messaggio.
  19. cucuro

    cucuro Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Detrazione 50% per le ristrutturazioni:
    La detrazione fiscale del 50% delle spese per la ristrutturazione degli immobili è prorogata fino
    al 31 dicembre 2013. Sono confermati il tetto massimo di spesa di 96.000 euro e la ripartizione
    in dieci rate annuali.
    Tra gli interventi ammessi alla detrazione, rientrano anche l’adozione di misure per la sicurezza
    della casa, quali:
    - rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate;
    - apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione;
    - porte blindate o rinforzate;
    - tapparelle metalliche con bloccaggi;
    - apposizione o sostituzione di serrature, spioncini;
    - casseforti a muro;
    - installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti;
    - apposizione di saracinesche;
    - vetri antisfondamento;
    - fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati;
    - apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline.
     
  20. dragstar

    dragstar Membro Junior

    Privato Cittadino
    scusate ma l'impianto elettrico e l'installazione del clima permetterebbero anch'esse detrazione al 50% e quindi accesso alla detrazioni mobili.
    Per entrambe non serve dia/scia.
    Confermate?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina