1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Pil

    Pil Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Chissà se quancuno può darmi una mano ?
    Un mio cliente ha acquistato un alloggio ed ha successivamente venduto un vano di questo alloggio al condomino confinante che ha provveduto ad effettuare la variazione catastale e la comunicazione (senza allegati o relazione firmata da tecnico abilitato).
    1° Quesito:
    A seguito della nuova legge (122/2010), è davvero sufficiente quanto effettuato o era necessario fare una DIA / SCIA ?
    2° Quesito:
    Volendo ristrutturare l'alloggio comprato abbattendo i muri interni non portanti (in pratica da ingresso su disimpegno da cui si ha accesso a camere, bagno e cucina -> ingresso su zona living con parete attrezzata da cui si accede direttamente a camera e bagno) è sufficiente fare una comunicazione o è indispensabile preentare una SCIA con allegati e relazione firmata da tecnico ?
    Ho sentito due professionisti (ingegnere ed architetto) ma uno dice che basta la comunicazione al Comune firmata dalla proprietà mentre l'altro dice che è obbligatoria la SCIA.........
    Il comune è TORINO.
    Grazie per l'aiuto
     
  2. ma70

    ma70 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    è la burocrazia bellezza... è la burocrazia. :fico:
     
  3. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    in merito al trasferimento di un vano da un'unità alla confinante ti consiglio la DIA onerosa (sulla SCIA c'è ancora troppa incertezza e richi che l'ufficio tecnico ti blocchi l'istanza) pagando solamente il contributo del costo di costruzione;

    per la ristrutturazione interna è sufficiente una comunicazione di manutenzione ordinaria ai sensi dell'art. 6 del DPR 380/01come modificato dalla LEGGE 73/2010
     
  4. Pil

    Pil Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ok sul punto 1, ma per la ristrutturazione interna di tipo specificato nel quesito e cioè abbattimento e o spostamento di muri interni e porte, non si ricade come tipo di intervento nell'art. 6 comma 2 lettera a DPR 380/2001 (manutenzione straordinaria spostamento muri interni e porte: comunicazione inizio lavori + asseverazione) ? :shock:
    Sul sito del Comune di Torino tali tipi di interventi vengono classificati come manutenzione straordiniaria :shock:
     
  5. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    ma visto che una scia deve essere fatta... fa rientrare tutto in quella no?
     
  6. Pil

    Pil Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Già, ma pare che al primo punto vi abbia provveduto direttamente l'acquirente del vano con semplice comunicazione al Comune (senza allegati o altro) e variazione catastale....mentre adesso il venditore del vano si trova a dover ristrutturare l'alloggio (con spostamento di muri etc)....
     
  7. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    la prima cosa che mi viene in mente è di consigliarti di fare una comunicazione ai sensi dell'art. 6 in quanto il governo, con l'approvazione della Legge 73/2010, ha praticamente ridefinito gli interventi soggetti ad attività edilizia libera.

    per il principio della gerachia delle fonti una Legge statale è superiore ad un regolamento comunale (anche se quest'ultimo può essere più restrittivo)

    oltre tutto non è propriamente esatto affermare che il regolamento edilizio comunale sia uno strumento urbanistico...

    un consiglio... al di là di quello che leggi sul sito del comune, vai a parlare direttamente con qualcuno dell'ufficio tecnico

    in conclusione (scusa la divagazione)... attacca l'asino dove vuole il padrone (cioè, se l'ufficio tecnico ti dice che per l'intervento da eseguire necessita un determinato titolo edilizio, tu dovrai produrre quello che ti chiede... inutile andare a scontrarsi)
     
    A Pil piace questo elemento.
  8. Pil

    Pil Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Okk, grazie per i suggerimenti.
     
  9. adima

    adima Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Mi inserisco in questo argomento per avere qualche delucidazione. Io e mio marito vorremmo acquistare un alloggio che va ristrutturato totalmente, quindi impianti, spostamento di qualche termosifone, abbattimento di due pareti per aprire la cucina e innalzamento di una parete per rimpicciolire l'attuale salone e ricavarne una cameretta. Non ho idea di quale sia la trafila da seguire e soprattutto i costi per la DIA/SCIA, qualcuno potrebbe illuminarmi? Grazie mille

    Antonella
     
  10. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ciao Pil
    La prassi che si doveva intraprendere era la seguente:
    Il tuo cliente doveva procedere alla richiesta di dia per frazionamento e realizzazione di n. due unità abitative, contestualmente intraprendere dichiarazione di docfa con la stessa casuale e poi vendere.
    L'acquirente dopo il rogito a sua volta doveva intraprendere dia per fusione di due unità immobiliari e contestualmente docfa con la sessa casuale o più precisamente soppressione delle due unità immobiliari e fusione delle due unità in una.:ok:
    Ciao salves
     
  11. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ciao adima
    Per i lavori che hai descritto occorrerebbe una dichiarazione scia con accertamento del tecnico poichè intraprendi lavori di modifica degli impianti tecnologici.
    p.s. apri una nuova discussione per evitare confusione di risposte.
    Ciao salves
     
  12. studiopk

    studiopk Membro Attivo

    Altro Professionista
    Buongiorno cara signora Antonella,
    per eseguire le opere da lei indicate sicuramente sarà necessario procedere con una pratica edilizia che sia CIL o SCIA a seconda del tipo di opere che si andranno ad effettuare. In seguito sarà da farsi la variazione catastale e la richiesta dell'agibilità (ove necessaria).

    Restano poi tanti i fattori da valutare prima di compiere questo passo...il comune in cui si trova l'immobile ed il tipo di opere che il regolamento permette di eseguire, eventuali cambi di destinazione d'uso, opere abusive pregresse mai sanate, etc.

    Nel caso in cui avesse bisogno mi contatti senza problemi.

    Cordialmente
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina