1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. parvati

    parvati Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,
    anni fa comprai un casa con un giardino di corte condiviso con un altro proprietario, nell`atto notorio viene riportato il diritto di passaggio del vicino confinante (no proprietario del giardino di corte) poiche` all`epoca c`era un bombolone del gpl (nel giardino di corte) che erogava gas anche al mio vicino. Ora gia` da 3 anni abbiamo tolto il bombolone in quanto abbiamo l`allaccio alla linea pubblica del gas, ma il vicino non si e` mai pronunciato in merito a questo diritto che secondo me e` venuto a mancare.
    Cosa mi consigliate di fare?
    1. poiche` ovviamente la corte e` condivisa da me e un altro proprietario possiamo eventualmente fare un atto congiunto per la cessazione del diritto di passaggio.
    2. Oltretutto per la registrazione in atto notorio (presuppongo) a chi spettano le spese di calcellazione?
    3. Possiamo agire noi proprietari del giardino di corte senza avere il consenso del vicino eventualmente?
    Grazie infinite per il vostro costante supporto.
     
  2. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ciao parvati
    Credo che non possiate di vostra iniziativa (tu e il tuo comproprietario) fare un atto unilaterale che escluda il vicino (dominante in questo caso) anche se di fatto la servitù è venuta meno

    Art. 1074 Impossibilità di uso e mancanza di utilità
    L'impossibilità di fatto di usare della servitù e il venir meno dell'utilità della medesima non fanno estinguere la servitù

    La servitù si estingue per prescrizione dopo vent'anni di mancato utilizzo
    (un pò come un 'ipoteca il cui debito è stato saldato ma di fatto grava solo formalmente in consevatoria se non cancellata previo assenso del creditore soddisfatto)
    scusa l'esempio poco calzante ma solo per rendere l'idea.

    In base a questo principio non credo che possiate (voi comproprietari del fondo servente) disporre la cancellazione della servitù senza l'assenso del vicino che sinceramente non vedo perchè non si debba rendere disponibile.
     
  3. parvati

    parvati Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Grazie della risposta,
    ma ovviamente andremo incontro a dei costi per la cencellazione presuppongo, sono da dividersi tra le parti compreso il vicino?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina