1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. alfiosan

    alfiosan Ospite

    Il conduttore di una locazione commerciale dopo aver ricevuto da parte del locatore una raccomandata che lo informa della vendita del locale e del prezzo richiesto per consentirgli di esercitare il diritto di prelazione può, alla scadenza dei 12 anni opporsi alla disdetta e rimanere in negozio? Oppure può restare insensibile ad una revisione del canone e continuare a pagare il vecchio canone ? Al conduttore non interessa l'acquisto del locale e probabilmente impugnerà la disdetta che le sarà inviata fra qualche giorno ovvero con 1 anno di anticipo sulla scadenza del luglio 2013.Come comportarsi? Grazie
     
  2. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Se sono scaduti i 12 anni il contratto è risolto, e non ci si può opporre. Spetta al conduttore l'indennità per la perdita dell'avviamento commerciale pari a 18 mensilità
     
    A alfiosan piace questo elemento.
  3. alfiosan

    alfiosan Ospite

    Ciao Alessandro, ti ringrazio per la tua pronta risposta. Solo che il legale dell'agenzia alla quale ho affidato la vendita del locale commerciale, mi ha riferito che il conduttore potrebbe anche addurre varie motivazioni (nel mio caso le biciclette rimaste invendute nel negozio) per opporsi alla risoluzione contrattuale. Inoltre il locatario, sempre a detta di tale legale, potrebbe anche non accettare una rivisitazione del canone di affitto nel caso il contratto non venga risolto. A me la questione pare profondamente ingiusta!!
     
  4. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Il conduttore può addurre quello che vuole... che io sappia se il contratto è scaduto e non rinnovato è risolto, e il conduttore deve lasciare il locale libero da persone e cose.
     
    A Antonello piace questo elemento.
  5. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Il problema è che - se l'inquilino si oppone al rilascio dei locali - ti ci vorrà comunque circa un anno (dipende dal Tribunale) per ottenere la sentenza di sfratto per finita locazione ed altri 90-120 giorni (dipende dal carico di lavoro degli ufficiali giudiziari) per ottenerne lo sgombro coattivo (se necessario). Se sai già che l'inquilino si opporrà al rilascio dei locali incomincia la causa per ottenere la risoluzione del contratto un anno prima (insieme alla raccomandata di disdetta gli mandi l'atto di citazione) in modo che allo scadere dei 12 anni tu abbia già il titolo esecutivo per richiedere l'intevento dell'ufficiale giudiziario. Inoltre - salvo diverse pattuizioni contenute nel contratto di locazione - avrai diritto ad una indennità di occupazione pari al canone di locazione maggiorato del 20% dal giorno successivo a quello di scadenza contrattuale. Quello che ti è stato riferito circa le ragionevoli cause di opposizione non corrisponde a realtà.
    Kolia Cassin
     
    A H&F piace questo elemento.
  6. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    come fa a fare una causa se i termini di rilascio non sono ancora partiti?
     
  7. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    I modi per risolvere un contratto di locazione sono due: giudizialmente o consensualmente (registrando all'ufficio del registro la sentenza o la risoluzione consensuale). Anche senza avere degli elementi che indichino la volontà dell'inquilino di non voler liberare i locali per tempo si può decidere di volere che la risoluzione del contratto sia sancita giudizialmente (caso tipico è l'inquilino che rilascia i locali, ma non firma l'avvenuto rilascio). In pratica mi rivolgo al Giudice subito dopo che ho inviato la disdetta per chiedergli una sentenza che sancisca che le incombenze sono state diligentemente compiute, e che il contratto in data X sarà terminato.
     
    A H&F piace questo elemento.
  8. feigmc

    feigmc Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    A me la questione pare profondamente ingiusta!
     
  9. alfiosan

    alfiosan Ospite

    Sig.ra Kolia
    Ho fatto leggere le sue due risposte ad un legale di mia conoscenza che condivide pienamente le sue illuminate osservazioni tranne sul punto riguardante l'indennità di occupazione successivo alla scadenza contrattuale; per il riconoscimento, non automatico, è purtroppo necessario ricorrere alle vie legali e semprechè se ne ravvedi la convenienza.La ringrazio e cordialmente saluto. alfiosan
     
  10. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Se l'inquilino è solvibile io lo consiglio, anche perché i costi legali per ottenere quanto dovuto (chiaramente attraverso una causa) saranno a suo carico ed una causa del genere è documentale e rapidissima (12-18 mesi max), certo che se ci troviamo di fronte ad un conduttore che non è solvibile e non ha niente da perdere e tutto un altro paio di maniche. Quando faccio una causa di sfratto per finita locazione in realtà nelle domande giudiziali iniziali chiedo già anche il riconoscimento dell'eventuale ulteriore indennizzo (+ 20% o diverse patuizioni), per cui al momento della sentenza avrò già nella medesima ordinanza i due elementi che mi servono. In poche parole, se so già che devo fargli causa per liberare l'immobile, tanto vale partire prima e chiedere un' ordinanza sia per il rilascio che per l'indennità nelle misure pattuite o di legge.
     
    A H&F piace questo elemento.
  11. Learco75

    Learco75 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Quindi,se il locatare,volesse disdire il contratto e ritornare in possesso dell'immobile a sua volta affittato potrebbero anche passare degli anni,con tutte le spese a suo carico,e poi potrà ritornare in possesso del suo immobile?O no?
     
  12. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Se il contratto è di tipo Non Residenziale (come il caso di cui sopra) in presenza di sfratto per fine locazione se ci si muove per tempo (iter giudiziario partito con anticipo) anche nei Tribunali più lenti si riesce ad avere una tempistica ragionevole (qulche mese per la liberazione 3-6). Nel caso di immobili residenziali invece ci sono casisitiche più complesse e ci possono volere anche anni (tempo durante il quale però l'inquilino pagherà comunque l'affitto per non ricadere nello sfratto per finita locazione che riporterebbe i tempi di consegna in termini tollerabili 7-10 mesi)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina