1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. annibi

    annibi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il mio collega ed io abbiamo uno studio professionale ed il contratto di locazione, a nome da tutti e due, per i primi 6 anni scade a fine novembre. Un anno fa circa il proprietario dell'immobile ci ha dato la disdetta non scrivendo alcuna motivazione a questa sua richiesta. Noi, molto a malincuore, ci eravamo rassegnati ad andarcene, ma poco tempo fa abbiamo saputo che il contratto ad uso non abitativo si intende rinnovato per altri 6, secondo la legge 392.
    Pertanto abbiamo, per ora telefonicamente, fatto presente al proprietario la nostra lecita intenzione di rimanere. Il proprietario asserisce che la sua motivazione è lecita poiché durante il decorso del contratto ha acquisito dal padre la proprietà ed il padre, a sua volta, è diventato usufruttuario. Preciso che il contratto è stato effettuato all'epoca con il padre, non c'è mai stata nessuna modifica contrattuale e la lettera di disdetta è stata inviata a noi dal figlio (attuale proprietario). Fra l'altro circa a metà giugno si è presentato il proprietario (figlio), con la sorella e un agente immobiliare che cura la compravendita. In quell'occasione mi è stato fatto firmare uno scritto in cui compariva la data della scadenza del contratto, che accettavo, con la scusa che serviva questa mia ammissione per delegare l'agente immobiliare a prendersi cura della compravendita. Io in buona fede ho firmato, ma il mio collega no poiché non era presente. Pertanto chiedo è possibile che riesca a mandarci con le seguenti scuse
    - E' lecita la scusa della vendita poiché figlio dell'allora proprietario?
    - Anche se ho firmato solo io quella sorta di accettazione della disdetta ce ne dobbiamo andare o il fatto che non ci sia la firma del collega fa sì che comunque il contratto sia valido per altri 6 anni?
    Fra l'altro se utilizzasse la scusa della mia firma di cui sopra mi sentirei raggirata ....
    Chi cortesemente mi sa dare informazioni? Grazie!
     
  2. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Scusa quindi il figlio è nudo proprietario ed il padre usufruttuario? Sei sicura?
    E che c'entra il figlio con la gestione del contratto? Chi ti ha inviato la disdetta?

    Detto questo ci sono dei paletti per la prima scadenza, e la disdetta che non riporti il motivo tra quelli indicati tassativamente dall'art. 29 della legge 392/78 è nulla.
    Bisogna però vedere anche cosa hai firmato.
     
  3. annibi

    annibi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Dalle tabelle delle spese condominiali il figlio risulta proprietario e il padre usufruttuario.
    Altro non so. Comunque la disdetta è stata inviata dal figlio, che comunque non è il firmatario del contratto che è rimasto invariato. Per quando riguarda ciò che mi hanno fatto firmare, francamente non me lo ricordo poiché me l'hanno presentatao come una sorta di delega per incaricare l'agente immobiliare alla vendita e l'ho fatto in buona fede essendo all'epoca convinta di dover andarmene. Tuttavia c'è da tenere in considerazione che il contratto è intestato sia a me che al mio collega, per cui, penso che qualsiasi cosa abbia firmato non si estende anche a lui che non ha sottoscritto nulla... per cui, spero, che il contratto sia valido comunque.
     
  4. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Al massimo può risultare nudo proprietario.

    Temo che la gestione del contratto tra coinquilini sia congiunta, ma non ricordo ora.
     
  5. annibi

    annibi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    In che senso? Io so che quando ci sono più affittuari, se uno se ne va il contratto vale per gli altri che rimangono. Mi sapresti dire qualcosa, anche perché oggi vediamo il proprietario per discutere la questione e mi hai messo in agitazione (senza colpa s'intende!)
     
  6. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Risulta anche a me, ma in quel caso la disdetta è individuale.

    Sul fatto che uno solo possa disdire per tutti e due o meno rimango indeciso, ma è una cosa su cui non ho esperienza personale per cui non ti crucciare più di tanto.

    Mi dispiace per l'agitazione!
     
  7. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Il nudo proprietario non può dare disdetta al contratto semplicemente perchè il rapporto locativo è in favore del solo usufruttuario. Quindi la disdetta inviata a suo tempo non avrebbe alcun valore, non solo perché priva delle necessarie motivazioni che devono essere indicate a pena di nullità della stessa ma anche perché inviata da un soggetto non legittimato.

    L'accettazione della disdetta da parte di uno dei conduttori vale anche per l'altro (siete solidali nella disdetta) tranne nel caso in cui il contratto non preveda diversamente. Solo nei contratti per studenti universitari esiste l'obbligo della disdetta disgiunta. Ma nel caso in questione non si tratterebbe una disdetta anticipata. Si tratterebbe dell'accettazione di una mancata proroga per fine locazione alla prima scadenza inviata dal locatore... (e non dal conduttore)...

    Vista la delicatezza della situazione farei visionare la documentazione ricevuta e sottoscritta, nonchè il contratto di locazione ad un legale per poter affrontare l'incontro con la dovuta consapevolezza. In assenza rimanderei di qualche giorno...
     
    Ultima modifica: 26 Settembre 2016
    A ab.qualcosa piace questo elemento.
  8. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Puoi anche andare a sentire il parere dell'Associazione Inquilini (es. SUNIA...)
     
    A annibi piace questo elemento.
  9. annibi

    annibi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il colloquio è già avvenuto e il proprietario ha ammesso che la sua richiesta non è stata fatta correttamente. Ha messo tutto sul pietistico dicendo che ne ha bisogno ecc. e che noi, se ci comportassimo umanamente, dovremmo lasciar perdere le questioni formali.
    Per quanto riguarda lo scritto, a cui ho fatto riferimento, e firmato solo da me non mi è stata mia data copia anche se l'avevo chiesta, comunque sia nel colloquio avuto non è stato fatto alcun riferimento a questo. Mah, mi sembra una risoluzione fin troppo facile, per quanto ha ammesso il proprietario, che non mi sembra uno sprovveduto. Non vorrei avesse un asso nella manica...
     
  10. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ma io non ho capito. Voi avete intenzione di lasciarlo l'ufficio oppure no ?
     
  11. annibi

    annibi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    No,non vorremmo uscire poiché andremmo incontro a spese inutili e problemi ai clienti che ricadrebbero sul nostro lavoro.
     
  12. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    A differenza di un immobile residenziale, uffici, studi e negozi si possono vendere con più facilità in presenza di un contratto di locazione.

    Questo perchè, per ovvi motivi, gli inquilini di un immobile "non residenziale" sono generalmente più stabili, l'incasso dell'affitto generalmente più semplice e, in caso di morosità, più brevi gli sfratti.

    Io proporrei ai proprietari di mettere in vendita l'immobile con voi dentro. Date la disponibilità di un orario di visita settimanale o bisettimanale (un' ora ogni settimana o 2 ore ogni 2 settimane).

    Questo potrebbe andare incontro alle necessità dei venditori senza compromettere la vostra permanenza.
     
    A annibi e Bagudi piace questo messaggio.
  13. annibi

    annibi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il proprietario è da un po' che sta cercando di vendere e continuano ad arrivare possibili acquirenti a visitare lo studio. Il problema è che lui pensa di venderlo vuoto poiché ricaverebbe di più dalla vendita. Inoltre, dalle persone che vedo arrivare, ho notato che le richieste sono soprattutto ad uso abitativo.
     
  14. annibi

    annibi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Fra l'altro siamo stati avvisati della sua decisione di vendere solo a voce e non ufficialmente, come si dovrebbe fare per permetterci di usufruire di un eventuale diritto di prelazione nella compravendita
     
  15. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ad uso abitativo per un immobile accatastato come ufficio ?

    E' una cosa che dovete chiarire.
    Vaii al Sindacato Inquilini e fatti spiegare come procedere.
     
    A annibi piace questo elemento.
  16. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Questo proprietario vive nel mondo dei sogni...
     
    A annibi piace questo elemento.
  17. annibi

    annibi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sì, sì è mia intenzione andare al sunia e sono in attesa del loro contatto. Io non so se viva nel modo dei sogni o sia un gran furbone... anche perché ha un fratello avvocato ed è seguito dal responsabile di un'agenzia immobiliare molto nota.
     
  18. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non sono d'accordo sul "si dovrebbe fare".
    La prelazione data in questo momento sinceramente avrebbe ben poco senso.
    Verrà fatta quando ci sarà un'offerta concreta.

    Che non siate stati contattati per una offerta commerciale, ovvero per chiedere se eravate interessati, invece è quantomeno strano.

    Per quanto riguarda il lasciare o non lasciare il locale, se decideste nonostante tutto di liberarglielo fatelo in cambio di un qualcosa di tangibile che vi compensi del disturbo.
     
    A annibi piace questo elemento.
  19. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Magari in quella zona è prassi concedere il cambio d'uso.
     
    A annibi piace questo elemento.
  20. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    La prelazione si esercita "dopo" aver trovato un possibile compratore perché corrisponde al diritto di essere preferiti a parità di condizioni economiche offerte.
    In assenza di un'offerta alternativa, al massimo il proprietario può proporvi un acquisto diretto.

    Inoltre, il fatto che l'immobile non sia abitativo non determina necessariamente il diritto di prelazione in capo al conduttore che potrà esercitarlo solo se la sua attività è a diretto contatto con il consumatore = vendita al dettaglio. Ad esempio, un agente immobiliare od un avvocato non hanno diritto di prelazione sull'acquisto dell'ufficio all'interno del quale esercitano l'attività.
     
    A annibi piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina