1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Giovanni72

    Giovanni72 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti, approfitto per chiedere un consiglio su come gestire la situazione dello stabile in cui vivo. Lo stabile è stato ereditato da me e mio fratello dopo la morte dei nostri genitori. Qualche anno fa, poi, ho provveduto (a mie "totali" spese) a sbrigare le pratiche di successione. Allo stato attuale, quindi, lo stabile è di proprietà (accatastamento e successione OK) di mio fratello ed io. Abbiamo poi fatto una nostra valutazione verbale , condivisa da entrambe, su come dividere lo stabile: il piano superiore a me, il primo piano a lui. Il garage, giardino e scantinato a lui e l'officina (locale commerciale) a me. Insomma, diciamo che l'accordo è stato questo e tutto sommato ci sta bene ad entrambi. Il problema, adesso, è che io vorrei prendere possesso della mia parte di stabile e chiudere una volta per tutte la situazione. Ma questo non sembra essere possibile in quanto mio fratello non ha alcuna intenzione di farlo. C'è qualche modo per risolvere la situazione in modo "obbligato"? Per il fatto che le spese di successione (2 successioni: prima da padre a noi e poi da madre a noi) sono state sostenute solo da me (documentate tramite bonifici ed F24) posso chiederne la restituzione della metà spettante a mio fratello? Nel caso in cui lui non avesse disponibilità economiche per far fronte a queste ulteriori spese, posso provvedere io e farmi rimborsare mediante ulteriori porzioni dell stabile?
    Grazie e buona giornata!
    Giovanni
     
  2. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Se quanto a concordato non sussegue la stipula di un rogito notarile di divisione qualsiasi accordo è solo un accordo verbale e basta soggetto a ripensamenti e quant'altro.

    Per obbligare tuo fratello a dividere occorre che procedi a quanto prevede l'art. 713 del cod.civ. ma attenzione che non sarà mai quanto concordato e di fare attenzione al rapporto guadagno spese.

    Per la parte economica affrontata dovuta alle spese di successione occorre che daprima ne richiedi il legittimo 50% in forma cordiale altrimenti dovrai agire in vie legali.

    Ciao salves
     
  3. Giovanni72

    Giovanni72 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille!
     
  4. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Facendo capire a tuo fratello che tu puoi chiedere subito la divisione giudiziale e che ci sarebbero spese per avvocati e perizia degli immobili, potresti ottenere il suo consenso ad una divisione notarile bonaria.
    Ci saranno da pagare le imposte di divisione ( registro, catatstale ed ipotecaria ) con eventuali agevolazioni prima casa, oltre al notaio. Se siete andati d'accordo finora, potrebbe essere che facciate anche l'atto dii divisione in accordo. Forse c'è pure la convenienza per l'IMU, in quanto credo che al momento ognuno dei due abbia avuto il suo 50% dell'immobile dell'altro come seconda casa.
    Per quanto riguarda quello che hai anticipato come imposte di successione di tuo fratello ti da diritto ad azioni esecutive, perchè trattasi di obbligazione in solido assolta una sola parte.
    Il fratello deve rendersi conto che le comunioni ereditarie non convengono a nessuno e ci sono sempre rischi di aggrssione da parte di creditori ( metti anche equitalia) per colpa dell'altro comunista. Ognuno per se al più presto.
    Non si può affittare, ristrutturare. Non si può fare niente senza il consenso dell'altro!
     
  5. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Mi intrometto con una domanda in parte correlata al tema: in caso di successione, c'è qualche vantaggio economico a procedere alla divisione dei beni tra due fratelli contestualmente alla denuncia di successione, o l'onere è lo stesso se la divisione è operata in un secondo tempo?
     
  6. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    L'onere e l'iter è lo stesso. Cioè per spiegarmi in ogni caso si deve procedere a successione legale e poi a rogito di divisione, sia che si è già daccordo prima della successione di come dividere i beni e sia che si convenga dopo tale accordo.

    Ciao salves
     
    A Bastimento piace questo elemento.
  7. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    La successione l'hanno già fatta (vedi primo post). Resta da fare solo la divisione !
     
  8. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    il mio post n 6 e' la risposta a Bastimento
    Forse se leggi bene lo avresti capito.
    Non capisco invece io questa ostinazione a controbattere quello che non dovrebbe essere controbattuto, specie da provenienza mia, comunque continua con il tuo comportamento, il risultato non cambierà anzi ti dico che cozzerai su di un mur di gomma.

    Ciao salves e con questo chiudo
     
  9. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Grazie: ho riaperto il pc solo adesso.
     
  10. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    si legge chiaramente nel post 1 di giovanni 72, che la successione è stata presentata e pagata ( da giovanni72 anche per i fratello) ed ha fatto una serie di domande. A queste si stava rispondendo ed in linea con il caso.
    Il tuo post n. 6, leggendolo come risposta a giovanni72 : fai la successione e poi la divisione, mi è apparso fuori tema. Ma non perchè tuo, ma come se scritto da chiunque.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina