1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. giugiugiu

    giugiugiu Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    buongiorno,
    avrei bisogno di un consiglio. Questa la situazione: attualmente possiedo in comproprietà con il mio coniuge un appartamento sul quale abbiamo il mutuo e abbiamo acquistato come prima casa 9 anni fa. Vorremmo acquistare un'altra casa nello stesso comune dove abitiamo, accendendo un secondo mutuo (visto che non riusciamo a vendere la nostra casa)
    per non versare l'IVA al 10% della seconda casa, posso donare il 50% della mia attuale abitazione al mio coniuge e lui, poi, acquistare l'altra come prima casa?
    quali sono rischi?

    eventualmente, potremmo entrambi fare una donazione del 100% della casa ai nostri due figli minorenni? anche in questo caso, quali rischi?

    grazie in anticipo per la collaborazione. saluti.
     
  2. Kurt

    Kurt Membro Attivo

    Altro Professionista
    Mai sottovalutare i problemi conseguenti, sia nella successiva rivendita
    degli immobili provenienti da donazione, sia per l’ottenimento di un mutuo garantito da ipoteca iscritta su un immobile donato.
    Le difficoltà poste dagli acquirenti e dagli Istituti mutuanti trovano fondamento nell’azione di riduzione della donazione che può essere intrapresa, entro 10 anni dalla morte del donante, dagli eredi cosiddetti legittimari, cioè ai quali la legge riserva una quota di eredità, qualora la donazione li privi della quota loro riservata.
    Tale azione di riduzione, se vittoriosa e previa escussione dei beni del donatario, potrebbe comportare per l’acquirente, entro 20 anni dalla trascrizione della donazione, il rischio di dover restituire l’immobile o l’equivalente in denaro, agli eredi non soddisfatti nei loro diritti successori.
    A nulla valgono eventuali dichiarazioni preventive di rinuncia fatte sottoscrivere (patti successori vietati dall’art. 458 C.C.), infatti i legittimari non possono rinunciare al loro diritto finché colui della cui eredità si tratta è ancora in vita, né con dichiarazione espressa, né prestando il loro assenso alla donazione.

    Con i minori poi i problemi si moltiplicano in quanto la vendita viene complicata dalle procedure proprie a tutela degli stessi.
    In altre parole con la donazione blocchi solo la circolarità del tuo bene.

    kurt
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina