1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ginestra

    ginestra Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ho ereditato un immobile. La cosa sarebbe piacevole pensando ai piccoli guadagni che se ne potrebbero ottenere, ma il sistema vigente ce lo tassa come seconda casa e le cifre da corrispondere sono sempre più alte:un vero salasso, che un semplice dipendente pubblico non può più permettersi. Poi dicono che l'economia non riparte e che la gente non spende. In pratica si lavora, buona parte dell'anno, come tante persone che sono piccoli proprietari, per pagare le tasse.
    La seconda casa è così ripartita:metà è mio esclusivo bene personale e metà in comunione dei beni. Vorrei donare a una mia figlia l'immobile. E' una studentessa e non lavora, come la mettiamo con l'IMU?
    Se donandole l'immobile mi riservassi l'usufrutto, dovrei continuare a pagare l'IMU insieme a mio marito, che della casa ha solo una piccola parte in comunione?
    Che cosa mi consigliate, diversamente?
    Grazie.:fiore:
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    L'unica cosa che NON farei è una donazione, soprattutto a una figlia...

    Se vi trovaste nella necessità di dover vendere avreste difficoltà.
     
  3. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Il fatto che tu abbia scritto che vuoi donare ad una tua figlia presuppone il fatto che tu abbia più di un erede.
    Bagaudi ottima come sempre ti ha dato un buon consiglio, forse lei intendeva che non è il caso di donare perchè in caso di bisogno non potreste venderla.
    Io vorrei andare oltre, anche se doveste decidere di vendere con l'accordo della figlia, con una donazione di mezzo avreste delle difficoltà.
    Gli eredi sono più di uno ed in caso di donazione, l'erede che non si ritiene soddisfatto, può impugnare la donazione e questo può avvenire anche ad anni di distanza.
    In questo caso non sarete più voi a decidere ma un giudice.
    Potrebbe anche decidere che l'erede insoddisfatto ha ragione...quale banca si accollerebbe il rischio di concedere un mutuo al tuo ipotetico cliente con una possibilità di questo tipo.
    Anche uno scritto tra le sorelle non ha in questo caso nessun valore.
    Fosse figlia unica sarebbe diverso.
     
  4. ginestra

    ginestra Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Siete stati gentilissimi, ma non avete risposto alle mie domande.
    Vendere? Neanche per sogno.
     
  5. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Non pensare a domani, pensa anche a settimana prossima o ai prossimi vent'anni, volano sai...
    Non si può mai sapere cosa ci riservà il futuro.
    Magari tua figlia un giorno si sposa con uno sceicco e va a vivere a Dubai o molto più probabilmente finirà dove il lavoro e il cuore la porteranno.
    perchè non fare la scelta migliore ora e che crei non solo a te ma anche ai tuoi eredi i problemi migliori?
    La donazione è una scelta più conveniente nell'immediato ma con possibili ripercussioni in un futuro, io non lo farei.
    Detto questo che vuoi sapere?
    Come non pagare l'IMU?
    Se puoi tenerti l'usufrutto?
    Come non avere una seconda casa?
    Le cose che si possono fare sono infinite.
    Per darti un consiglio vero abbiamo bisogno di molte più informazioni e quelle che ci hai dato non sono molte.
    Non conosciamo la vostra situazione familiare, non sappiamo se parliamo di una porzione di casa in corte datata e con una probabile ristrutturazione alle porte o di una modernissima villa suddivisa in due unità.
    Con quello che sappiamo noi il consiglio migliore andrebbe chiesto al mago Otelma non a degli Agenti Immobiliari
    Quello che posso dirti è quello che farei io ma è soggettivo.
    Io non darei l'immobile ai miei figli ma non per mero egoismo, semplicemente perchè non vorrei metterli nella condizione di sfruttare l'agevolazione prima casa ora e per un immobile di cui magari tra 10 anni non potrebbe fregargliene di meno e privarli di questa opportunità quando con la donna giusta e nel posto che desidereranno vorranno far famiglia solo per risparmiare sull' IMU (che poi corrisponde a qualche pizza sommata magari ad un paio di sedute dal parrucchiere e dall'estetista).
    Non vorrei esserti sembrato scortese ma sapessi quante volte abbiamo visto fare queste cose e ci siamo sentiti dire: "avessi saputo che sarebbe andata così avrei fatto diversamente".
     
    A ingelman, nuova H&F, Bagudi e 1 altro utente piace questo messaggio.
  6. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Perfettamente d'accordo con Skywalker.
     
  7. ginestra

    ginestra Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non per essere scortese caro amico di Varese, ma le domande erano chiare se non sai cosa rispondere non fa nulla, In immobilio non rispondono solo agenti immobiliari, quindi non ti sentire eccessivamente coinvolto, le mie risposte le cercherò altrove. Forse per te saranno bazzecole, ma per me 2500 euro di IMU all'anno non sono uno scherzo.Cordialmente.
     
  8. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Bazzecole o meno il punto è un'altro Cara amica di Montesilvano.
    Sai cosa faccio io per vivere, non l'Agenti Immobiliari Ma investimenti nel settore immobiliare ed il consulente per società che investono nel settore quindi mi vien da ridere quando dici che se non so che rispondere non importa.
    Con le informazioni che abbiamo non ti serve una consulenza ma una sfera di cristallo, ti rendi conto che non ci hai detto praticamente nulla di quanto sarebbe necessario sapere?
    Cerca pure le tue risposte altrove se vuoi, spero con il prossimo tu voglia essere un po' più precisa altrimenti saranno quasi sicuramente quelle sbagliate che troverai.
    In bocca al lupo.
     
  9. secerot

    secerot Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Salve. rispolvero questo post per una situazione curiosa che si è venuta a creare: mia madre ha concluso una proposta di acquisto con mutuo su pegno per un piccolo appartamento, l'agente immobiliare ha già emesso fattura ed è stata versata caparra confirmataria per € 5000.Già per mia esperienza so che se cìè accettazione quindi il mandato è concluso, ed in un certo senso è già affare concluso.Anche se c'è il rimando a 2 step successivi per l'acconto ed il rogito.Il nostro notaio leggendo i documenti ha evidenziato chè l'immobile è proveniente da una donazione del 2011 dei 2 genitori nei confronti delle 2 uniche figlie,di conseguenza ha inviatato a recedere dal contratto o quantomeno a fare una "pausa di riflessione".L'agente interpellato non ha disconosciuto la notizia, ma non ha neanche evidenziato a me e mia madre ,poverina,che cosa può comportare un acquisto da donazione(20 anni di tempo, 10 nel caso di premorienza) Secondo voi è corretto il comportamento dell'agente che è stato anche richiamato all'ordine dal notaio?E' anche giusto dire che l'agente ha sottolineato che se ,e solo se ,si verifica una rescissione dal contratto della parte venditrice è disposto a restituire le provvigioni,(3%). Io personalmente ravviso malafede da parte dell'agente, poichè alla prima proposta poi rimodulata,che vale per gg 15, e non è annullabile, ha consegnato i documenti di proprietà, mentre credo che abbia il dovere di ragguagliare adeguatamente PRIMA il cliente di codesta situazione,non potendo uscirsene con un te l'ho detto!.Inoltre la postilla della restituzione caparra mi sembra "studiata" perchè comprende solo l'inadempienza del venditore... Ora se la banca non perfeziona il mutuo con chi ce la prendiamo? é solo colpa di mia madre che non è ne avvocato ne notaio? e l'agente che mestiere fa se non spiega tutto?
     
  10. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    ciao secerot
    decisamente il fatto che la provenienza dell'immobile è una donazione credo proprio che l'Agente Immobiliare avrebbe dovuto dirlo.

    Art. 1759.
    Responsabilità del mediatore.

    Il mediatore deve comunicare alle parti le circostanze a lui note, relative alla valutazione e alla sicurezza dell'affare, che possono influire sulla conclusione di esso.
     
    A skywalker e Bagudi piace questo messaggio.
  11. secerot

    secerot Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta e ne prendo atto, ma in questo caso ,che mi sembra sia solo un fattore verbale, se l'agente è inadempiente all'articolo cosa rischia? A me ha risposto che COMUNQUE abbiamo firmato ambo le parti per cui il contratto di mediazione è concluso.
     
  12. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Potrebbe rischiare tantissimo ...
    si aprono più scenari ovvero il rapporto giuridico che tu hai con i venditori che a loro dire potrebbero sostenere che il contratto è concluso e dall'altra parte le pretese dell'agente.

    Il venditore da una parte sostiene che l'immobile è di sua proprietà anche se a lui donato (si dovrà far garante per l'evizione ma comunque ha un titolo per poter vendere)

    Non è escluso che potrebbero se pur con un aggravio di spese tornare indietro alla donazione facendo tornare l'immobile in capo al donante se ancora in vita e poi effettuare la compravendita.

    Se la banca non ti da il mutuo causa la donazione è un fatto non a te imputabile ma comunque si arriverebbe ad un contenzioso nel caso di un venditore privo di buon senso .... contenzioso che non si sarebbe innescato se l'AI ti avesse comunicato e messo al corrente di tale circostanze a lui note.

    (circostanze per forza di cose note all'Agente il quale avrà sicuramente appurato che i venditori ai quali ha consegnato un assegno erano/sono gli effettivi proprietari, per far questo non ha potuto non verificare l'atto provenienza per accertarsi della effettiva proprietà)
    Ps la provenienza da donazione la si vede anche da una semplice visura catastale sempreche siano state fatte le giuste volture.

    La responsabilità in capo all'Agente è indubbia e per tale negligenza puo essere perseguito.

    gli scenari che si potrebbero aprire sono molteplici.

    Se io fosse l'AI in questione cercherei di corsa di trovare una soluzione bonaria evitando contenziosi abbassando la cresta ;)
     
  13. secerot

    secerot Membro Attivo

    Privato Cittadino
    l'agente ha proposto la fideiussione, ma la cassazione ,come già detto, la ritiene nulla. Intanto ha piantato i piedi per terra e insiste che la mediazione è conclusa e che gli è dovuto... Come a dire oggi mi paghi al resto ci pensa Dio...
     
  14. secerot

    secerot Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Aggiornamento... Il mio legale mi ha informato che anche i creditori chirografari possono fare istanza di impugnazione della donazione con quello che ne consegue,il bene ,se comprato in malafede potrebbe essere revocata la vendita da un giudice. il donante ha prima accettato la possibilità di retrocedere dalla donazione ma poi si è tirato indietro. L'AI ha mandato raccomandata che mi sollecita il pagamento immediato della fattura per la mediazione. Da me incontrato si è ulteriormente inasprito dicendo che è un contenzioso pretestutoso e che l'operazione è di rogito è tranquillamente perfezionabile..Quindi non si assume la benchè minima responsabilità in merito al mancato ragguaglio a cui egli è obbligato per legge.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina