1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Ettore Arru

    Ettore Arru Membro Junior

    Altro Professionista
    Buongiorno a tutti,
    oggi ho io un quesito da proporvi.
    Ho un cliente con un immobile con le seguenti caratteristiche:
    - immobile edificato abusivamente e sanato con regolare concessione edilizia nel 1985;
    nel progetto è riportato un immobile su due livelli, piano tarra (tutto abitabile) e primo piano, indicato non abitabile a causa della sua altezza, quindi la classica mansarda.
    Nella concessione in sanatoria è riportata, correttamente la dicitura: realizzazione di una casa per civile abitazione al piano terra ed al piano primo e nella planimetria catastale, risulta regolarmente rappresentato sia il piano terra che il primo piano.
    Il problema, secondo me, sta nella visura catastale che riporta, nella sezione "indirizzo" - un immobile composto dal solo piano Terra (T).
    Il tecnico che all'epoca si occupo dell'accatastamento (1985) ha detto che il tutto è regolare anche se nella visura non è specificato che l'immobile risulta edificato su due piani, poiché la superficie catastale indicata, nel suo complesso, è, in ogni caso, comprensiva anche dei mq della mansarda.
    Riepilogando, i omi ritrovo corresponsione (quindi due piani) tra progetto, planimetria e concessione in sanatoria, ma non corresponsione nella visura che, invece, mi indica solo un piano.
    Io ho i miei dubbi sulla regolarità dell'immobile (anche alla luce della sua finanziabilità) e chiedo, cortesemente, un vostro parere.
    Grazie anticipatamente e buon lavoro
     
  2. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Può verificarsi che il catasto all'epoca non ha inserito bene i dati dal cartaceo al telematico, verifica mediante una segnalazione con contact center.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  3. Manovale

    Manovale Membro Junior

    Altro Professionista
    Se mi parli di condono posso pensare che l' accatastamento risalga agli anni 85/90
    All' epoca si cominciava a far la fila alle 7 per uscire alle 12, tutto in front-office
    con livello di stress alle stelle, tecnici e impiegati.
    Dal cartaceo si è passati al digitale ( gira la voce che le operazioni siano state eseguite in Albania)
    Se, in Comune è tutto a posto, le planimetrie catastali corrispondono, l' iter del condono è stato concluso, c'è l' abitabilità (dovuta, in presenza di condono )
    Se la difformità è solo quella si risolve con un aggiornamento al catasto, anche con una istanza al Conctat center come dice Salves
     
  4. Ettore Arru

    Ettore Arru Membro Junior

    Altro Professionista
    Perfetto.
    Grazie e buon lavoro
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina