1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. fabiope

    fabiope Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Un papà acquista un immobile e lo intesta interamente al figlio per avere le agevolazioni derivanti dall'acquisto prima casa.
    Il figlio non contribusce in nessun modo al pagamento dell'immobile.

    Passano 15 anni... può il papà opporsi alla decisione del figlio di vendere l'immobile semplicemente dimostrando che tutto lo sforzo economico per l'acquisto è dipeso da lui stesso, nonostante sull'atto notarile ovviamente compaia solo il nome del figlio?
     
  2. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    quando ricevo un regalo di qualsiasi valore, è mio, e ne posso disporre come meglio mi pare.
    il figlio ha ricevuto un regalo, un appartamento, ed essendo unico proprietario ha la piena disponibilità del bene.
    Un giorno, alla morte del padre, se ci sono eredi leggittimi possono opporsi a questo "regalo".
     
    A fabiope piace questo elemento.
  3. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ha ragione Antonio, ed è il motivo per il quale tutte le volte che dei genitori hanno voluto comprare una casa intestandola al figlio per risparmiare fiscalmente, li ho consigliati di tenersi comunque un quota (anche solo dell'1%).

    In questo modo, nessuno dei due soggetti può decidere da solo di vendere.

    Silvana
     
  4. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    buona questa, anzi ottima, non l'avevo mai sentita. Ma naturalmente solo nel caso non esistano altri fratelli.
     
  5. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    in vita ognuno è libero di fare quello che vuole dei suoi beni.
    i fratelli, alla morte del padre, potranno pretendere le loro quote.
     
  6. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    I tuoi clienti hanno messo in pratica il consiglio?

    Smoker
     
  7. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    certo ma sicuramente sulla quota del padre, se ci fossero dei fratelli, sarebbero anche loro eredi e anche solo su quell'1% del padre avrebbero diritto alla loro legittima in sede di apertura del testamento.quindi la casa non sarebbe di esclusiva proprieta' del figlio a cui e' stata comprata.
    per questo dicevo.............................buono il consiglio ma solo se non ci sono altri fratelli.
     
  8. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    @ Smoker

    Si, tutte le volte che l'ho consigliato.


    @ Acquirente

    A volte, c'erano dei fratelli, ma magari avevano già avuto la loro parte, oppure hanno deciso di pensarci successivamente.
    Secondo me, quando si fa un'operazione del genere, nessuno pensa di poter morire di lì a poco....

    Silvana
     
  9. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    non ha importanza che i fratelli avevano gia' avuto la loro parte, queste cose non si dicono all'Agenti Immobiliari e potrebbe anche non essere vero.
    Di vero c'e' che all'apertura della legittima dopo il decesso del padre, quello che conta sono i diritti di tutti gli eredi.
    E quello che era del padre va diviso tra tutti i figli e la moglie, se ancora vivente, in parti uguali a meno che non ci sia un testamento olografo con disposizioni diverse ma solo per 1/4 del patrimonio totale.
    il resto sono solo chiacchiere.
     
  10. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Certo, ma immagino che nel momento in cui dei genitori fanno questa scelta pensino anche al futuro....

    Se non lo fanno, non è un problema dell'agente immobiliare che gli ha dato solo un ottimo consiglio per pagare meno tasse :sorrisone:

    Silvana
     
  11. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Guarda non insistere perche' sbagli e dai un'informazione sbagliata agli utenti.
    tu hai detto:A volte, c'erano dei fratelli, ma magari avevano già avuto la loro parte, oppure hanno deciso di pensarci successivamente.
    Io ti dico che alla morte del padre anche quell' 1% che si trattiene il padre quando compra casa al figlio in modo da impedirgli di vendere, se ci sono fratelli, alla sua morte, va in successione.
    Quella casa non e' di esclusiva proprieta'di quel figlio ma per quell'1% va in comproprieta' anche degli altri eredi all'apertura del testamento.
    quindi ribadisco che certe azioni, sono buone, ma vanno fatte se si ha un figlio unico, altrimenti, sono problemi all'apertura del testamento.
    in ogni caso, ci puo' essere un fatello che rivendica quella casa anche per quella quota minima ed ha diritto ad abitarla se non vuole vendere quella quota al fratello che e' proprietario al 99%.
    Figuriamoci se ci sono piu' fratelli che non hanno ricevuto la stesso regalo e sono imbestialiti per il diverso trattamento.
    anche in caso di donazioni indirette- denaro del padre prestato ai figli- bisogna dimostrarlo entro i 20 anni dalla donazione ed e' difficilissimo.
    ciao

    Aggiunto dopo 8 minuti :

    anzi in caso che ci sia una volonta' a non far vendere bisognerebbe intentare una vendita giudiiziale con vendita all'asta con tempi e costi altissimi.
    ecco perche' ho detto quello che ho detto, una buona idea a patto che sia figlio unico.
     
  12. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare



    Certo, che quell'1% andrà in successione, ma sarà un problema che devono affrontare loro ?????

    quote=acquirente;80577]Quella casa non e' di esclusiva proprieta'di quel figlio ma per quell'1% va in comproprieta' anche degli altri eredi all'apertura del testamento.[/quote][


    E infatti, i genitori NON vogliono che sia di sola proprietà del figlio, vogliono comprare un immobile risparmiando il 6% di tasse e vogliono tutelarsi dal fatto che - dal momento che i soldi li hanno messi loro - il figlio possa rivendersi l'appartamento e amen, come peraltro è la preoccupazione di Fabiope che ha impostato la discussione !

    [quote=acquirente;80577]Guarda non insistere perche' sbagli e dai un'informazione sbagliata agli utenti.[/quote]


    Se permetti, Acquirente, io insisto perchè sono cose vissute e se quei genitori hanno deciso di seguire il mio consiglio (peraltro supportato anche dai vari notai che hanno stipulato) vuol dire che hanno ritenuto giusto per loro fare così.

    Sei un pò troppo assolutista nei tuoi giudizi.
    Prova a pensare ogni tanto che esiste un mondo al di fuori e che qualcuno può pensarla diversamente da te, ma non necessariamente sbagliando !

    Senza rancore.
    Silvana
     
  13. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Tutela che si verifica per la minor appetibilità sul mercato di una quota dell' intero, però non assoluta, poichè il figlio è liberissimo di vendere il 99% dell' immobile o comunque di chiedere lo scioglimento della comunione.
    Hanno anche pregio le considerazioni di Acquirente.
    Alla fine per avere la parvenza di una tutela immediata si possono creare potenziali problemi nel futuro.

    Smoker
     
  14. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Certo, ma, come ripeto, quando si esamina un problema, come quello di acquistare il secondo o terzo immobile in regime di IVA, con la prospettiva di pagare magari € 40.000,00 di imposte, gli acquirenti sono disponibili a qualunque mossa pur di poter risparmiare.... calcolando anche la possibilità di tutelarsi nei confronti di un colpo di testa del figlio ("sa, le nuore....non si sa mai....") o della figlia ("sa, i generi...non si sa mai...).

    Poi, non sono decisioni che si prendono su due piedi, se ne parla, si discute, si paventano i problemi futuri eventuali (tra cui quello in oggetto...), magari si va dal notaio a consigliarsi.... se poi decidono per questa soluzione, penso che siano problemi loro.

    Silvana
     
  15. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    :ok::ok::ok::ok:

    Aggiunto dopo 5 minuti :


    Non so chi dei due sbaglia, io a spiegarmi o tu a capire. Un genitore che ha piu' di un figlio che nel comprare casa ad uno dei figli si intesta l' 1% dell'immobile e' un irresponsabile altro che pagare meno di tasse se poi lo mette nei guai.
    ai figli si da' tutto uguale.
    il figlio non puo' vendere quando il padre e' in vita ma non lo puo' fare neanche quando e' defunto.
    se a te sembra una cosa giusta, continua pure a consigliarla.
    basta avere un po' di buon senso e si capisce che e' sbagliato.
    anch'io senza rancore.
     
  16. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Secondo me, parliamo in due lingue diverse.

    Io parto dal presupposto che esista l'autodeterminazione, per cui due adulti maggiorenni e vaccinati che - dopo varie fasi di discussione, tra le quali l'esame dei problemi eventuali di successione che tu sottolinei - decidono di intraprendere questa strada, che è una delle tante che possono prendere, hanno il diritto di decidere come vogliono.

    Io non sono lì per imporre soluzioni, ma per suggerire un ventaglio di ipotesi, tra tutte quelle percorribili, ed è mio dovere suggerirgliele tutte: ognuno, poi, decide come crede.

    Silvana
     
  17. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    beh, se uno vuole buttarsi dalla finestra puo' senz'altro farlo......................solo che poi si fa male, molto male
    ma e' maggiorenne e vaccinato.
    neanch'io voglio imporre il mio punto di vista, ci mancherebbe, dico solo che c'e' in giro tanta gente inesperta, che ignora e si caccia nei guai.
    del resto, non volevo dirtelo, per non essere scortese ma quella che sembrava una buona idea all'inizio e te l'ho detto, aggiungendo ............solo nel caso di figlio unico..............adesso che il discorso si e' ampliato ...........ti dico che nel caso di altri figli..............e' un consiglio pessimo che peggio non si puo'.
    io purtroppo dico quello che penso molto schiettamente.
    solo che quando si da' questo consiglio, bisognerebbe aggiungere e spiegare tutte le complicazioni che ne potrebbero derivare...............onestamente, poi se decidono di farlo lo stesso avendo ben chiara la visione delle conseguenze, ben venga, almeno sono stati avvertiti.
    ed aggiungo.......................peggio per loro.
     
  18. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Acquirente, allora non mi leggi per bene !

    Mi sembra di avere ripetuto in tutte le salse che queste decisioni sono state prese dopo attenta disamina di tutte le possibilità esistenti e dopo avere consultato anche il notaio...

    Più di così...

    Silvana
     
  19. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista



    allora........peggio per loro. Doppiamente.
    bel notaio, pero'. comunque anche se tu, onestamente gli spieghi bene tutto prima, io rimango personalmente
    dell'idea che di gente che non ragiona in giro ce n'e' tanta.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina