1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. cinque E

    cinque E Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    abbiamo firmato in qualità di eredi un contratto preliminare di compravendita( senza ricevere caparra o anticipo) prima del perfezionamento dell'atto di successione,
    indica "l'efficacia di questo contratto è risolutivamente condizionata alla mancata concessione del mutuo entro il 31 maggio 2017" , il mutuo ad ora non è stato ancora concesso e secondo lui la banca non gli fa la concessione (non l'erogazione per la quale serve sì la successione) per causa nostra che nn abbiamo fornito l'atto di successione
    ora ci propone di stipulare entro un paio di giorni un contratto preliminare registrato con contestuale versamento di un assegno pari al 10% dell'importo di vendita
    l'acquirente ritiene che noi venditori non possiamo recedere dal contratto e che intende arrivare davanti a un giudice per il trasferimeto di proprietà
    come dobbiamo comportarci ed eventualmente in base a quali articoli?
    infinitamente grazie per l'aiuto
     
  2. francesca63

    francesca63 Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    non è chiaro quale siano le vostre intenzioni;se preferireste andare avanti con la vendita o no.
    In linea generale ,se la condizione non si è avverata entro il termine stabilito il contratto è risolto.
    Ma,in alcuni casi però,se la condizione non si avvera per responsabilità della parte che ha interesse che non si avveri,(mancata consegna successione),le cose possono essere interpretate diversamente.
    Comunque il contratto che vi propone il venditore è interessante,se volete vendere,se non è più condizionato.
    Ribadisco che servirebbero altre informazioni per una risposta funzionale ai vostri obiettivi.
     
    A CheCasa! piace questo elemento.
  3. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sicuramente, senza la successione la banca non procede, quindi vi conviene sbrigarvi a farla.
    Fate un'integrazione del preliminare con spostamento dei termini (non ci vuole una vita a fare una successione !) e tenetevi buono l'acquirente.

    In effetti siete voi che siete inadempienti.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  4. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ma volete vendere o no? E' nel vostro interesse fare la successione e volturare la proprietà. Al rogito sarà necessario fare un altro adempimento ovvero l'accettazione dell'eredità.
     
  5. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Generalmente per vendere bisognerebbe incassare una caparra.

    Fare un preliminare senza, per di più subordinato al mutuo, non e' propriamente ciò' che si puo' definire una buona azione di compera.

    Molto probabilmente i cinque venditori sono distratti da nuove e più appetibili opportunità'.

    Cosi' e' che la parte acquirente, adesso vorrebbe versare il dieci per cento, senza neppure sospendere gli effetti.

    Forse doveva pensarci prima.
     
  6. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    dovete fare la successione. se volete vendere. come hanno detto gli altri che state aspettando? poi...avete già firmato un preliminare. Nin siete obbligati a firmare un altro preliminare. loro stanno cercando il modo x portare avanti la loro causa. e vogliono un preliminare come si deve. siete in torto. ma non firmate altro . fate la successione e concludere la compravendita.
     
  7. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ma non e' vero che sono in torto Luna.

    Non hanno incassato nulla ed e' scaduto in via risolutiva, il termine espressamente indicato, senza che sia stato cagionato alcun danno.

    Hanno tempo (si presume) una decina d'anni ancora per procedere con la successione.
    Sempre che si renda necessario farla.

    Diversamente l'acquirente o presunto tale dovrà' attendere.
    Che voglia procedere ad un acquisto oppure ad un contenzioso.

    La circostanza e' resa evidente dallo stesso compratore, che ora vorrebbe stipulare un nuovo preliminare, come (prima) andava fatto.

    Molto probabilmente su consiglio di un qualche professionista subentrato a curarne gli interessi.

    Che avrà' ben compreso che quel contratto vale come il due di picche.
    Quando la briscola e' di cuori.
     
  8. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Beh, di fronte ad un preliminare che parte promittente acquirente potrebbe registrare, non credo sarebbe così facile per parte promittente venditrice cavarsela con un "E' stato bello, arrivederci."
     
    A Luna_ piace questo elemento.
  9. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Lo registra subordinato al mutuo.

    Con effetti soggetti a scadenza.

    Che di fatto sono scaduti in via risolutiva.

    Probabilmente, un'altra genialata a cura dell'acquirente, assieme a quella di non corrispondere la caparra.
    Un contratto formulato per non avere effetti e potersi sfilare dagli obblighi.
    Troppo comodo dopo, invocare norme e prassi che si sono dapprima, volute evitare.
    Per non assumersi l'onere.

    Come pretendere, di gareggiare o peggio di vincere alla lotteria, senza nemmeno comperare il biglietto.

    Poi se non fanno la successione dove ti attacchi...?
     
    Ultima modifica: 6 Giugno 2017
  10. CheCasa!

    CheCasa! Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    La caparra, sebbene sia una garanzia dell'adempimento di un contratto molto importante, non ne costituisce elemento essenziale.

    Il preliminare è quindi perfettamente valido anche se l'eventuale inadempimento di una delle parti permetterà all'altra di procedere esclusivamente con la quantificazione del danno subito (ritenendo l'esecuzione dell'atto plausibile ma più in teoria che nella pratica).

    Qualche dubbio invece riguarda la questione della clausola legata al mutuo. Di cosa si dovrebbe trattare? Di una clausola risolutiva, che prevede quindi in tutti i casi inadempimento o di una clausola sospensiva? Sarebbe bene approfondire questo aspetto con l'aiuto di un esperto prima di mettersi di traverso.
     
  11. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Il termine risolutivo espresso esclude il danno eventuale.

    Il contratto aveva effetti sospesi.

    Che non si sono avverati.

    L'acquirente voleva avere la possibilità' di recedere dall'acquisto.

    Pare sia stato accontentato.
     
  12. CheCasa!

    CheCasa! Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Veramente non si parla di "risolutivo espresso" che è "altro".
    Ma di "risolutivamente condizionato" che potrebbe riferirsi ad una "condizione risolutiva" che non prevede alcuna sospensione.
    Ma questa, Pyer, è una mia interpretazione.
    Magari è come dici tu.
    Di certo, da come è scritto, non risulta chiarissimo...
    almeno al sottoscritto :)
     
  13. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Il termine espresso che ho utilizzato era puramente di natura grammaticale.
     
    A Bagudi piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi