1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. agenzialeonardo

    agenzialeonardo Oggi è il mio Compleanno!

    Agente Immobiliare
    Da PMI.it

    ... l’Agenzia delle Entrate ha quindi deciso di applicare l’esenzione (dall'IRPEF) se almeno il contratto di locazione si è concluso (senza quindi aspettare il procedimento giudiziale), da comprovarsi tramite convalida di sfratto per morosità o anche solo clausola risolutiva presente nel contratto (che consente lo sfratto in caso di morosità). In questo caso, il contratto può considerarsi validamente concluso, e il proprietario può non dichiarare la relativa IRPEF. ....
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Un esempio di clausola risolutiva da inserire nei contratti potrebbe essere utile..
     
  3. agenzialeonardo

    agenzialeonardo Oggi è il mio Compleanno!

    Agente Immobiliare
    Ci provo:
    ...le parti concordano che, in caso di mancato pagamento anche di una sola rata (o due, tre...) o delle spese accessorie equivalenti ad una rata, entro la data concordata, il contratto s'intenderà automaticamente risolto,
    Da far verificare da un bravo avvocato.
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  4. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    oppure una cosa del genere:
    Il pagamento del canone o di quant’altro dovuto anche per oneri accessori non potrà essere sospeso o ritardato da pretese o eccezioni del conduttore, qualunque ne sia il titolo. Il mancato puntuale pagamento, per qualunque causa, anche di una sola rata del canone nonchè di quant’altro dovuto ove di importo pari ad una mensilità del canone, costituisce motivo di risoluzione del contratto.

    L' @Avv Luigi Polidoro che ne pensa?
     
    A Avv Luigi Polidoro e e_l_e piace questo messaggio.
  5. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Secondo me due mensilità è il numero magico, una penso sia vista male.
    Ma è solo un ipotesi per analogia rispetto alle spese accessorie.
     
    A Bastimento piace questo elemento.
  6. e_l_e

    e_l_e Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    per, ahimè, esperienza passata, credo che il minimo delle rate di canone impagate sia due(comunque che sia sufficiente la clausola risolutoria senza dover aspettare l'omologa dello sfratto, è già una gran cosa):applauso:
     
  7. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    il mio avvocato una decina di mesi fa mi ha detto che gli importi dovrebbero essere :
    1 mensilità di canone non pagato.
    2 mensilità per i canoni accessori.

    nel dubbio io farei 2 e 2 come @ab.qualcosa e @e_l_e
     
    A ab.qualcosa piace questo elemento.
  8. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    io non sono un avvocato, ma anche se si mettesse la clausola risolutiva espressa, varrebbe poco o niente
     
  9. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Bè, intanto pare che andrebbe bene all'AdE per sospendere il pagamento delle imposte su un reddito che non percepisci, non sarà tanto ma è qualcosa, almeno a livello morale.
     
    A e_l_e, dormiente e elisabettam piace questo elemento.
  10. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    In un altro 3D che in questo momento non posso cercare, si parlava della validità di questa clausola risolutiva solo in caso di invio di raccomandata A.R.
     
    A Avv Luigi Polidoro piace questo elemento.
  11. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    in che momento?
     
  12. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Come quella per la cedolare.
    Contestualmente alla firma del contratto.

    Però io mi chiedo: ok poterlo fare, ma se l'inquilino non esce ? Bisogna ricorrere sempre allao sfratto ?
     
  13. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    ma per la cedolare, se è indicato sul contratto, non c'è bisogno di raccomandata
     
  14. e_l_e

    e_l_e Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Già. Dopo un'annata di sfratti eseguiti, nel 2013 l'ADE mi ha fatto pagare l'IRPEF sui canoni non percepiti. Per le informazioni che ho, non si paga l'IRPEF solo dalla data di chiusura del contratto, cioè dall'entrata in scena dell'avvocato che invia il precetto al conduttore moroso. Peccato che di solito sono passate almeno due mensilità, sulle quali si pagherà l'IRPEF anche se le rate di canone rimarranno impagate.:confuso:
     
  15. cristian casabella

    cristian casabella Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Da quanto ne so io, puoi scrivere quello che vuoi, ma lo sfratto deve essere eseguito da un Ufficiale Giudiziario di norma accompagnato dai Carabinieri. Quindi sono clausole inserite per "spaventare" i conduttori
    Ho sempre inserito quella clausola nei contratti, ma ai conduttori morosi è sempre andata come se quella clausola non esistesse
     
    A e_l_e piace questo elemento.
  16. Avv Luigi Polidoro

    Avv Luigi Polidoro Membro dello Staff Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Concordo con @Bagudi , la clausola risolutiva espressa spiega i suoi effetti soltanto nel momento in cui la parte dichiara all'altra di volersene avvalere (art 1456 comma 2 c.c.).
    Quindi il proprietario invia al conduttore lettera raccomandata con la quale contesta la morosità, invoca la clausola contrattuale e con la ricezione delle stessa il contratto è risolto.
     
    A Bastimento, dormiente, e_l_e e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  17. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    ok. Il dubbio era se la raccomandata andasse, eventualmente, fatta subito tipo comunicazione x la cedolare secca. Mi pare di capire di no... quindi va fatta nel momento in cui si contesta la morosità.
    Le clausole sopra come ti sembrano?
     
  18. agenzialeonardo

    agenzialeonardo Oggi è il mio Compleanno!

    Agente Immobiliare

    Quindi il proprietario invia al conduttore lettera raccomandata con la quale contesta la morosità, invoca la clausola contrattuale e con la ricezione delle stessa il contratto è risolto
    = poi segnali il tutto all'agenzia delle entrate e se l'inquilino non se ne va e non paga, almeno non ci paghi sopra le imposte. Credo facilitai molto anche in fase di sfratto esecutivo.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 16 Ottobre 2015
    A e_l_e piace questo elemento.
  19. Avv Luigi Polidoro

    Avv Luigi Polidoro Membro dello Staff Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Certo, la r/a si invia al momento della contestazione della morosità.
    Le clausole peno vadano bene, nulla da obiettare :stretta_di_mano:
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  20. agenzialeonardo

    agenzialeonardo Oggi è il mio Compleanno!

    Agente Immobiliare
    ...poi segnali il tutto all'agenzia delle entrate e se l'inquilino non se ne va e non paga, almeno non ci paghi sopra le imposte.
    Credo faciliti molto anche in fase di sfratto esecutivo.
     
    A e_l_e piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina