• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Deportivo

Membro Attivo
Agente Immobiliare
#1
è una vergogna nel comune dove abito ed ha sede la mia agenzia non si trovano le concessioni in generale.
Precisamente quelle inizio anni 90 ad oggi ci sono le altre non si sa dove cercare…
Ora è pure cambiato il tecnico comunale e quando si fa protocollare un accesso agli atti sfrutta tutti i giorni previsti dalla legge ed anche oltre.
E' già successo più volte in passato che non si riescano a trovare documenti nel periodo precedente agli anni 90 ma di recente si sfiora il ridicolo: già un mese fa ho fatto protocollare una richiesta agli atti allegando addirittura una visura storica del immobile. Si tratta di appartamento collocato in un piccolo complesso di tre palazzine realizzate nel 1960 (è una ex casa popolare) almeno così mi è stato riferito da più persone tra cui anche un ex tecnico comunale un geometra ora in pensione che abita in paese. Questo appartamento verrebbe messo in garanzia per l' acquisto di un altra casa. Ovviamente un perito esce quando ci sono le concessioni! Ultimamente ho proposto al tecnico di fare una dichiarazione da parte del comune che l' immobile è in regola alle norme edilizie! Idee ? Suggerimenti? Qualcuno si è trovato in situazioni simili? E' legale una cosa del genere? Grazie a chiunque mi voglia e possa aiutare!
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
#2
è una vergogna nel comune dove abito ed ha sede la mia agenzia non si trovano le concessioni in generale.
Precisamente quelle inizio anni 90 ad oggi ci sono le altre non si sa dove cercare…
Ora è pure cambiato il tecnico comunale e quando si fa protocollare un accesso agli atti sfrutta tutti i giorni previsti dalla legge ed anche oltre.
E' già successo più volte in passato che non si riescano a trovare documenti nel periodo precedente agli anni 90 ma di recente si sfiora il ridicolo: già un mese fa ho fatto protocollare una richiesta agli atti allegando addirittura una visura storica del immobile. Si tratta di appartamento collocato in un piccolo complesso di tre palazzine realizzate nel 1960 (è una ex casa popolare) almeno così mi è stato riferito da più persone tra cui anche un ex tecnico comunale un geometra ora in pensione che abita in paese. Questo appartamento verrebbe messo in garanzia per l' acquisto di un altra casa. Ovviamente un perito esce quando ci sono le concessioni! Ultimamente ho proposto al tecnico di fare una dichiarazione da parte del comune che l' immobile è in regola alle norme edilizie! Idee ? Suggerimenti? Qualcuno si è trovato in situazioni simili? E' legale una cosa del genere? Grazie a chiunque mi voglia e possa aiutare!
Rivolgersi in Conservatoria..?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

costarelli ha scritto sul profilo di cristian casabella.
Ho un immobile artigianale-commerciale in un piccolo centro commerciale a bastia umbra (tra assisi e perugia) questo composto da 9 studi medici, una palestra,2 bagni e 2 spogliatoi oltre le zone comuni per un totale di 240 mq più 160 mq di terrazzo. E' affittato ad euro 1850+IVA mensili ad una società che svolge poliambulatorio medico con un contratto di 6 anni coperto da fideiussione. Prezzo 340000 rendita 6,5% anno
Alto